THE HUNTING PREY

Un venerdì lavorativo fra i più pesanti degli ultimi mesi, lungo, estenuante. Domani è sabato, sveglia puntata alle 10 per quel noiosissimo matrimonio.– Non ho proprio voglia di vedere tutti quei parenti in una volta sola… – Nora cammina lenta e pensa, finché non si ritrova ferma davanti a un bar, indecisa fra il tornare a casa e lasciarsi svenire sul letto oppure entrare in quel bar per scaldarsi e scaricare un po’ la tensione. Osserva l’interno del locale dalla vetrina; fuori fa fresco è tardi, è già buio e lei ha solo voglia di un po’ di calore.
Decide di entrare e si siede in uno sgabello alto, al bancone. Ordina una tequila liscia, incurante dello sguardo del barista.
Si guarda in giro e sbircia dallo specchio davanti a lei i volti e l’aspetto degli astanti.
La colpisce in particolare la presenza di due uomini seduti a un tavolino. Sembrano alti e prestanti, saranno sulla quarantina, ben vestiti, uno dei due porta la barba incolta, entrambi mori.
Li guarda dallo specchio. Uno dei due si accorge del suo sguardo. Dice qualcosa all’amico e ora entrambi la fissano di riflesso dallo specchio.
Si alzano e li vede camminare verso di lei. Nora sente un brivido percorrerle la schiena.
Le si affiancano.
“Buonasera, tutta sola?”
“Buonasera, sì, avevo bisogno di scaldarmi un po’, fa molto umido oggi”
“Vero. Possiamo offrirti un altro giro?”
“Nora, piacere”
“Nora! Bellissimo nome”

Va avanti così per un po’ noiosi convenevoli, si parla del più e del meno, il tipo di conversazione che Nora odia più di tutte.
Cerca di calibrare il tiro per andare dritta a segno, tanto può ben immaginare cosa vogliono da lei e sa benissimo cosa vuole lei da loro.
“Certo che siete proprio carini, gentili e molto simpatici. È bello trovare qualcuno che mi faccia compagnia, oggi ne avevo proprio bisogno”
“Nora, fa piacere a noi farti compagnia”
“Credete sia possibile trovare un posto un po’ più… intimo? Per passare un po’ di tempo noi tre. Per divertirci un po’. Non mi piace fare tanti giri di parole a vuoto ragazzi…”
I due uomini la guardano increduli. Poi si guardano fra di loro.

I tre scendono dall’auto ed entrano in un vecchio portone. Nora è rimasta in silenzio per tutto il tempo del tragitto. Non ricorda più i loro nomi, non li ricorda perché non sono i nomi ad interessarle.
Salgono due piani a piedi. Arrivano all’appartamento. Sono dentro.
Nora entra per ultima e si trova davanti a un grande open space semi vuoto, un alto soffitto, sulla sinistra un cucinino, in fondo, sopra un soppalco, intravede un letto.
Si guarda intorno e in un black out mentale non pensa più, si limita a registrare informazioni.
“Vuoi qualcosa da bere Nora?”
Non capisce, sta registrando le sue sensazioni. Il cuore batte forte. Uno dei due uomini non c’è.
“N-no.. no grazie”
Ecco rientra il secondo uomo. Ha in mano delle grosse cinghie, nere, lucide. Si ferma davanti a lei, a fianco al suo amico.
Ora la fissano entrambi come due lupi che fissano la preda. Nora si sente in trappola e questa sensazione la eccita moltissimo, le sembra quasi di sentire il suo stesso ansimare.
L’uomo con la barba le sorride.
“Stai tranquilla Nora, ci divertiremo un po’” sorride e scopre le zanne, Nora rimane ipnotizzata dal bianco dei suoi denti.
“Si certo, divertiamoci” risponde Nora quasi in trance.
Da dietro il più alto dei due le stringe le tette e inizia a strizzarle, Nora sente il suo ansimare, le alita sul collo e le morde la pelle, forte.
L’uomo con la barba si china davanti a lei, le fa togliere le scarpe e le calze, poi afferra i pantaloni e le mutandine e le tira giù, in un colpo secco.
L’uomo dietro di lei le solleva la maglia, slaccia il reggiseno. Nora è nuda davanti a loro.
“Completamente rasata Nora, ma che brava bimba…”
Nora si sente un pezzo di carne, un’esca pronta ad essere azzannata.
“Hai un desiderio Nora?”
“Vorrei… essere bendata”
“Va bene, ottima scelta”
Le tirano le braccia dietro la schiena, stringono forte le cinghie, le esce un gemito di dolore.
La portano sul soppalco, sembra più grande visto da vicino. Il letto è disfatto e spoglio.
L’uomo con la barba si toglie lentamente la cravatta.
“È ora di chiudere gli occhi Nora” la benda.
Nora non vede più niente, sente fruscio di abiti, scarpe che cadono giù dal soppalco, percepisce un calore diverso vicino a lei. Corpi nudi.
Una mano salata le fruga in bocca, la costringe a succhiare le dita. Subito dopo sente quelle dita entrarle nella figa, improvvise, a fondo.
Sente due mani sui capezzoli che stringono forte, geme di nuovo di dolore.
Una mano le schiaffeggia forte il culo. – Stanno per scoparti Nora… stanno per scoparti come una troia –
Nora ha il cuore in gola. Ha paura e desiderio. Sente di nuovo delle dita entrarle in bocca, succhia. E subito dopo quelle dita le entrano nel culo, due dita, fino in fondo e iniziano ad andare dentro e fuori, incessantemente.
Sente salire un orgasmo, non riesce a contenersi e geme rumorosamente.
“Che porca che sei, sei già venuta?”
Le dita sono lunghe, mani grandi, entrano fino in fondo e la riempiono.
Nora sente odore di cazzo, vicino al suo volto.
Ecco, un colpo deciso, pesante, sulla guancia. Quella solida eccitazione le viene sbattuto più volte in faccia.
“Apri la bocca porca!”
Nora apre più che può, tira fuori la lingua e sente entrare un cazzo enorme. Arriva fino in fondo, non riesce a respirare. Ecco, ora le dita dal culo escono, brucia, fa male, pulsa.
Non fa in tempo a riprendersi che sente entrarle dentro il secondo cazzo, un colpo secco ed entra tutto dentro, Nora urla per la forte pressione non capendo più se sia dolore o piacere.
Per un momento Nora si astrae, si osserva da fuori del suo corpo, come fosse la scena di un film. Semi-piegata, l’uomo dietro di lei la tiene per le cinghie mentre le spinge dentro il culo il suo cazzo. Davanti a lei l’altro uomo le scopa la bocca forte, fino a provocarle potenti conati.
Sente salire un altro orgasmo, ascolta i due uomini ansimare mentre la usano. Nora geme e viene di nuovo.
“Cazzo quanto sei porca, quanto ti piace farti scopare il culo e la bocca?!”
Il cazzo nella bocca ormai entra ed esce veloce mentre l’uomo le tiene la testa per spingere meglio dentro, la saliva le cola dagli angoli della bocca, il respiro le si rompe in continuazione. Improvvisamente smette di pompare ed esce. – Respira Nora, respira – E Nora riprende a respirare, affannosamente.
“Apri la bocca porca!” Lei obbedisce ed ecco che un getto di sborra calda le schizza forte in fondo alla gola, seguito da altri schizzi, l’uomo geme di piacere ad ogni schizzo. Si svuota completamente riempiendole la bocca della sua sborra calda. – Ingoia Nora, ti piace, ingoia! –
“Brava, butta giù tutto! Puliscimi il cazzo, Nora, leccalo bene, così… che brava porca che sei”
Il secondo cazzo è ancora dentro il suo culo che spinge e spinge e scivola dentro senza ormai alcuna resistenza, sente gli ansimi animaleschi, la forza con cui cerca di entrarle dentro, le palle sbattono rumorosamente contro la sua figa. Improvvisamente un dolore forte e pungente sulla spalla destra, un morso profondo, Nora viene per la terza volta e questa volta urla e geme fortissimo e spinge il suo culo contro quel cazzo per averne di più, sempre di più. La voce di lui le ringhia nell’orecchio:
“Cazzo Nora, vieni proprio come una troia, come una porca!! Sto per sborrarti, dimmi dove vuoi che ti sborro, dimmelo”
“Dove vuoi, dove vuoi tu…” risponde Nora con un filo di voce, stravolta dalla potenza di questo ultimo orgasmo.
“Benissimo, sei proprio una porca ben educata”  – Cazzo, questo morso brucia, deve essere profondo –
Il cazzo esce dal culo. Silenzio, solo l’ansimare dell’uomo che fino a poco fa la stava inculando a fondo. Uno schizzo sulla guancia, caldo, seguito da altri nel naso, in bocca, fra i capelli.
“Apri la bocca porca, aprila e pulisci per bene anche questo cazzo, lo so che ti piace, lecca, lecca bene Nora… brava… che brava porca che sei…” – Sì, lecco tutto, mi piace, mi piace pulirti il cazzo, sono una porca educata… grazie… –

“Grazie…” Nora si sveglia con queste parole fra le labbra. La sveglia suona già da un po’, allunga un braccio e la zittisce. La luce forte del sole filtra dalle fessure della tapparella. – Cazzo, è sabato! Sveglia di merda… Cazzo! Il matrimonio! Cazzo le 10.30! Per quanto ha suonato questa sveglia?! – Si alza di scatto dal letto e vede a terra delle grosse cinghie nere in mezzo agli abiti che aveva la sera prima. Si guarda allo specchio e sulla spalla destra vede il segno viola di un morso profondo, lo tocca, sorride.
“Beh, Nora, sembra che dovremo cercare un bel vestitino che copra le spalle…”

hunting_prey

2 pensieri su “THE HUNTING PREY

  1. kinkynora Autore articolo

    L’ha ribloggato su Noras Eroticae ha commentato:

    Eccoci, dopo aver ricevuto lo splendido disegnino di Andrea, procedo a reblogare anche questo che, pensa un po’, è il primo racconto che ho scritto con Nora protagonista. E se non sbaglio la sua stesura risale proprio a un annetto fa, metà marzo all’incirca. Devo dire che ne ha fatti di passi la nostra Nora da allora, ma sempre passi molto sensuali e coinvolgenti 🙂

    Buona lettura e un grazie ad Andrea per la splendida illustrazione.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...