NORA AT WORK

Sono le 18:37. Nora fissa l’orario sul suo pc. Non vede la fine di questa giornata e ha ancora tantissimo da fare prima di tornare a casa. L’open space dove lavora è in penombra, le postazioni sono tutte vuote tranne quella del collega che lei chiama affettuosamente “Ciccio”, anche lui incastrato in qualche scadenza. In azienda forse ci sono poche altre persone oltre loro due.

Ciccio è un uomo più grande di Nora, non conosce la sua età ma forse avrà anche dieci anni più di lei, ma è tanto alla mano che non sembra proprio ci sia questa grande differenza di età. A Nora piace da morire parlare con lui, vanno a pranzo insieme tutti i giorni con altri colleghi e ridono come pazzi in quella mezz’ora. Ciccio è alto, molto oltre la media, spalle larghe capelli brizzolati, occhi che sorridono e una voce caldissima. Sì, Nora trova Ciccio molto attraente, forse l’unico fra i suoi colleghi.

Nora e Ciccio sono entrambi intenti a lavorare ma c’è comunque il tempo di lanciarsi qualche battuta da una scrivania all’altra.

“Certo che volendo, ora come ora, potremmo trombare tranquillamente qui dentro io e te Nora, siamo completamente soli nel piano!”
“Ma che cazzo dici Ciccio!! non credevo proprio di essere il tuo tipo ahahaha!”
“Ma veramente tutte sono il mio tipo piccola Nora, non sono uno così esigente eh!”
“Ah quindi sarei una che può andar bene, grazie! Ti potresti accontentare? Grazie Ciccio, molto confortante!!” gli risponde Nora ridendo.
“Vieni qui Nora, avvicinati e fatti vedere per bene…” la voce del collega non è scherzosa.
“Ciccio dai… devo lavorare, lasciami stare”
“Voglio solo capire meglio, guardarti per bene, magari non ti ho osservato attentamente. Magari non sei proprio il mio tipo…”
“Ok…”  Nora si alza un po’ controvoglia dalla scrivania e va verso di lui.
“Fermati là, in mezzo alla stanza”
“Ecco, mi fermo Ciccio, così mi vedi bene?” Nora cerca di sembrare spavalda, ma la situazione la mette un po’ in imbarazzo.
“Ti vedo bene Nora, ma cazzo perché ti vesti sempre così da maschiaccio?”
“Perché mi piace Ciccio, sto comoda e poi che cazzo devo mostrare?!” – Come se avessi qualcosa da mostrare, cazzo! –
“Tira su questa maglia, ti copre fin sotto il culo dai! Tira su la maglia, fino alla vita e fammi vedere i fianchi e poi girati piano e fammi vedere il culo”
“Ciccio così cominci a imbarazzarmi…”
“Sto solo cercando di capire se puoi andare o meno Nora…”
“Ok. Tiro su la maglia… ” Nora usa un tono da bimba che esegue controvoglia – In effetti è una maglia informe e anonima, mi copre proprio come voglio io, mi fa passare inosservata, non mi sembra ci sia niente di così interessante da vedere in me –
“Ecco qua” Esulta Ciccio con voce soddisfatta. “Guarda che bei fianchi Nora, sono tondi morbidi a uno come me possono piacere molto, te lo assicuro. Girati piano e fammi vedere il culo, brava, così…” Nora si gira lentamente e sente avvampare le guance, sente i suoi occhi che la esaminano, la pesano, la misurano.
“Guarda tu che culo Nora, grande, tondo, in tutti questi anni credo di averlo potuto solo sbirciare pochissime volte”
“Eppure è così grande Ciccio!” Nora si schernisce, cerca di tenere la conversazione su un tono scherzoso – Mi imbarazza molto sentire i suoi occhi sul mio culo, ma in effetti mi fa piacere sentire il suo commento di apprezzamento –
 “Adesso girati verso di me” Nora si gira, sente di avere la faccia in fiamme.
“Che c’è Nora, Ciccio ti ha fatto arrossire?” le dice sorridendo.
“Beh sì, un po’ sì… mi scruti e mi studi, mi sento come sotto una lente, sotto esame” Nora adesso fa la finta lagnosa.
“Ma infatti sei sotto esame, ti sto guardando e ti sto dicendo che mi piace molto quello che vedo e che sì, mi piacerebbe molto mettere le mie mani su questo tuo corpo Nora. Ora alza un po’ di più questa maglia, cosa cazzo hai sotto, un’altra maglietta? Ma porca puttana Nora ma bisogna sbucciarti come una cipolla??? Ahahah!”
“Ahahah lo so Ciccio… mi stratifico” Nora e Ciccio ridono divertiti, la tensione cala un po’ e Nora si sente più rilassata, meno imbarazzata. Si toglie la maglia informe e resta con la maglietta a maniche corte, un grande gattino teneroso campeggia sopra le sue tette.
“Nora, i gatti mi piacciono lo sai… ma preferirei che tirassi su anche questa maglietta, sopra il seno” Questa nuova richiesta la imbarazza di nuovo, sente una nuova vampata che sale sul volto.
“Ciccio dai, non si vedono anche così? guarda come tirano la stoffa?”
“No, non si vedono come le voglio vedere io Nora… tira su la maglietta e fammele vedere meglio” Nora tentenna – Cazzo, potrei solo dirgli di no e mandarlo affanculo… perché non lo faccio? perché mi piace così tanto che mi dica quello che devo fare? – Questa sensazione la infastidisce, si sente debole davanti a lui ma questa debolezza, questa vulnerabilità la fa in qualche modo eccitare. Quasi controvoglia afferra i lembi della maglietta con entrambe le mani, esita un attimo e poi prende il coraggio e come un tuffo improvviso nell’acqua gelata tira su di scatto, in alto, fino a coprirsi il mento.
“Cazzo Nora, che tette! Queste tette meriterebbero davvero una cura maggiore, non le devi nascondere sotto magliettine idiote devi farle intravedere, devi esserne fiera Nora!” le dice mentre si alza dalla scrivania e le va incontro.
“Ciccio che cazzo fai?”
“Niente, stai tranquilla, non farò niente che anche tu non voglia… “
È a un passo da lei e la fissa, Nora sente tutta la sua altezza su di lei, le prende il mento, le solleva il volto e la costringe a guardarlo. –Mi  si avvampa di nuovo il viso, lo sento infuocato, cazzo! – Lo guarda ma vorrebbe guardare altrove.
“Dimmi che questa situazione non ti eccita Nora e ti faccio rivestire, ritorno al mio posto e tu al tuo e riprendiamo a lavorare”
Lei è pietrificata. –Mi sta dando una via di uscita, potrei anche mentire e dirgli che no, non sono eccitata per niente e chiuderla qui. O potrei essere sincera e dirgli sì sono eccitata ma non voglio andare avanti comunque – Ma tutto il suo corpo dice il contrario, ha i capezzoli come due spilli, sente di essere bagnatissima. – Cazzo Nora, spegni questa testa e agisci di istinto una volta tanto! –
Quasi senza ragionare balbetta:  “Ciccio, sono molto eccitata ma ho paura di quello che può succedere” Sente una mano che si appoggia calda sulla vita, grande, avvolgente, la sua voce calda che le  dice: “Nora, non devi avere paura, io non potrei mai farti del male”
Nora ha ancora la maglietta sollevata fino al mento, cerca quasi di nascondercisi dietro, sente tirarla verso l’alto e si trovo con le braccia in su, in reggiseno, le mani di lui vanno dietro a cercare il gancetto, lo sbottona e glielo toglie. Con le mani accoglie il suo seno, infila i capezzoli fra le dita e li stringe leggermente, Nora ha un brivido che la fa quasi tremare. Le si inginocchia davanti, è così alto che il suo volto è all’altezza del suo seno e comincia a succhiare un capezzolo, Nora lo stringe al petto e gli infila le mani fra i capelli. Le sue mani sono sul bottone dei jeans, lo aprono, abbassano la zip e li fa scivolare giù insieme alle mutandine. La prende di peso e la fa sedere su una scrivania. Il suo volto si infila prepotente fra le sue gambe, le mani afferrano le cosce. Lei si appoggia come può con le mani, la testa buttata indietro e si abbandona completamente alle voglie della sua bocca.

“Nora! Noraaaa!!!” Ciccio è davanti alla scrivania di Nora che le urla praticamente in faccia.
“Sì? Che c’è?” Nora da uno sguardo veloce al pc, facendo finta di sapere a cosa sta lavorando, l’orologio segna le 19:15.
“Come che c’è? Ti ho salutato tre volte, sto andando via ahahah! Sei troppo stanca torna a casa piccola, ok?”
“Cazzo Ciccio, scusa… ero sovrappensiero, hai perfettamente ragione. Per oggi basta così, non riuscirei a concludere altro”
“Avevi una bell’aria sognante Nora, a cosa stavi pensando?” Chiede con tono malizioso Ciccio
“Mmm… sto pensando che dovrei proprio comprare un vestitino scollato che ho visto ieri in una vetrina”
“Ah! Bella idea Nora. Così magari la smetti di coprirti il culo e le tette con queste maglie e magliette e ti lasci guardare un po’!!”
“Già… vedremo Ciccio, vedremo. Andiamo, va!”

atwork

23 Jul 2009 — Businessman and a businesswoman romancing in an office — Image by © Jon Feingersh Photography/SuperStock/Corbis

Un pensiero su “NORA AT WORK

  1. Pingback: Piccolo aggiornamento | Noras Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...