ON THE ROAD – Parte I

“Nora ma sei sicura di voler partire proprio ora… ragazza mia, fa ancora così caldo, perché non aspetti qualche ora ancora?”
“Zia non insistere, se aspetto mi trovo imbottigliata per chissà quante ore lo sai che rientrano tutti con il fresco. Preferisco il caldo ora ma avere la strada libera”
Zia Natalina guarda Nora con aria di disappunto, Nora le schiocca due baci sulle guance e se la stringe forte. Come per magia il disappunto lascia il posto ad un bel sorriso sul volto della zia. “E va bene, tanto poi alla fine fai sempre di testa tua, vero?”
“Vero zia! Grazie di tutto è stato un bel fine settimana… ci sentiamo presto ok?”
Nora si dirige verso la sua macchina, sale, mette in moto e saluta con la mano la zia che è rimasta nella veranda del villino.

Sono le 15:00 il sole è caldo, la temperatura è molto elevata, Nora sfreccia indisturbata fra le curve della litoranea, a quest’ora è difficile trovare altre macchine che rientrano in città. La supera giusto un folto gruppo di motociclisti, saranno una ventina, li sente arrivare da lontano per il forte rumore dei motori. Alcuni la guardano e la salutano quando la superano e Nora risponde educatamente con un sorriso. – Sì sì, siete simpatici… ma io sto così comoda e al sicuro qui dentro! Manco se mi pagano salgo su uno di quei cosi instabili!! – Il rumoroso sciame di moto scintillanti si allontana veloce dalla sua vista fino a scomparire fra le curve. La litoranea è terminata, adesso arriva il tratto di lungo rettilineo fino alla città. Nora canta allegramente, i finestrini aperti, velocità sostenuta ma entro i limiti. All’improvviso sente un forte rumore provenire dalle ruote posteriori. Nora rallenta e si inserisce in una piazzola di servizio. Scende dall’auto e scopre che la ruota posteriore sinistra è completamente sgonfia. – Ah cazzarola… ma cara mia, non crederai di mettermi in difficoltà… Nora non ha problemi a cambiare una ruota! – Sistema il crick e recupera la ruota di scorta, in meno di dieci minuti la ruota è sostituita – Meglio che in formula uno!  Adesso devo solo stringere meglio i bulloni – si compiace Nora.

Abbassa lentamente la macchina agendo sul crick, si china un po’ di più per guardare sotto la macchina – Cazzo… non è possibile… non può essere vero! – L’angolazione e il sole cocente non le permettono di verificare bene. Si solleva e corre dalla parte opposta della macchina dove trova conferma a ciò che temeva: anche la ruota posteriore destra è sgonfia. – E adesso… come cazzo devo fare?! – Si guarda in giro, il deserto. Non ha visto passare una macchina per tutto il tempo che le è stato necessario a cambiare la ruota. – Non voglio chiamare la zia… si preoccuperebbe e si precipiterebbe qui e non voglio che lo faccia – Nora cerca di vagliare possibili soluzioni. Pensa di chiamare Francy ma poi ricorda che è fuori città. Si appoggia col sedere al cofano della macchina, la mani sui fianchi e lo sguardo a terra. – Cazzarola, me la sono proprio cercata – Vede in lontananza provenire dalla città un mezzo, sembrerebbe un furgoncino. Nora non vorrebbe fermarlo, ma potrebbe essere l’unico veicolo che vedrà da qui a molte ore, non può fare la schizzinosa. Alza una mano timidamente, vede che il mezzo rallenta e la sorpassa piano, dentro ci sono due persone, il veicolo compie una lenta inversione a U e si sistema dietro la macchina di Nora, nella piazzola.“Hey, hai bisogno di aiuto?” Scende dall’auto un giovane ragazzo, forse trentanni, carnagione scura ma capelli chiari, piuttosto magro e allampanato, uno sguardo non proprio intelligente.
Nora gli sorride “Sì, credo di aver forato”
“Ah, ti aiuto subito a cambiare la gomma” Il ragazzo si dirige verso il portabagagli ma Nora lo ferma.
“In realtà ho già fatto, ho cambiato questa ma purtroppo erano entrambe forate… Ora non so che fare, è domenica, non sarà facile trovare un gommista aperto nei paraggi”
Il ragazzo la sta guardando con la bocca spalancata, il ché acuisce la sua espressione già non proprio brillante.
“Hai cambiato la ruota da sola?”
“Ehm… sì… me lo hanno insegnato a scuola guida tanti anni fa e l’ho già fatto altre volte” Nora si schernisce ma non riesce a sentirsi a suo agio con quegli occhi slavati che la guardano stupiti. Si volta a guardare il suo furgoncino e vede una donna, che la guarda un po’ in cagnesco e imbronciata.
“Allora… vediamo… come possiamo fare?” Il ragazzo parla da solo e cammina avanti e indietro. Dalla macchina arriva un fischio della donna.
“Scusa Ro, ma portiamola a casa, bussiamo dal gommista vicino e gli chiediamo una gomma, anche se è domenica non gli farà schifo guadagnarsi qualche euro” la voce è sgradevole e anche il tono è seccato, come se volesse risolvere il prima possibile la situazione.
“Sì certo certo… facciamo così va bene? Come ti chiami”
“Nora, ma io non vorrei disturbarv…”
“Nora ok, io sono Roberto e lei è la mia signora, Giulia, ti portiamo a casa nostra con la gomma e la facciamo vedere al vicino che fa il gommista e poi…”
“Ma hai bisogno di ripetere tutto? Cazzo, andiamo che qui c’è un caldo pazzesco!” Lo interrompe lei a voce alta.
Nora e il giovane salgono in macchina ubbidienti dopo aver chiuso la macchina e recuperato la gomma dal portabagagli. Il ragazzo fa passare Nora in modo che stia in mezzo fra lui e Giulia. Questa le porge la mano: “Ciao Nora, io sono Giulia” Nora gliela stringe e nota che è parecchio callosa per essere la mano di una donna. L’abbigliamento è molto casual, ha un viso delicato nonostante i modi rozzi, lentiggini e capelli ramati, gli occhi hanno un ché di duro e aspro e sono color nocciola chiaro, non riesce a capire il tipo di corporatura, sembra forte, le braccia sono segnate da muscoli. Durante il viaggio si parla del più e del meno con lunghe pause di silenzio. Nora scruta la donna al suo fianco, sembra molto più grande di lei e del ragazzo, ha un piglio molto sicuro che gliela rende estremamente attraente e affascinante.

ontheroad1

Il giovane insiste a suonare il citofono ma nessuno risponde.
“Lascia stare dai. Lasciamo un biglietto e andiamo a casa, mica possiamo stare qui ad aspettarlo, fa un caldo insopportabile” Giulia volta le spalle ai due e si incammina verso l’altro lato della strada. Nora e Roberto la seguono.
Arrivati a casa Nora assapora la frescura dell’ambiente completamente in penombra. Giulia prende dal frigo tre birre e le stappa, ne porge una a Nora che ringrazia e tracanna velocemente per rinfrescarsi.
“Nora perché non ti spogli? Questo vestito ti si sta appiccicando addosso” Giulia sta scrutando il corpo di Nora. Nora segue il suo sguardo e nota in effetti che il lungo e ampio vestito di cotone leggero le aderisce addosso per il sudore.
“Ma… così? Io non ho il costume sotto…”
“Ah beh… io non mi formalizzo, anzi… guarda, ti faccio proprio compagnia” Così dicendo la donna abbassa i pantaloni di lino e toglie la maglietta in un gesto fluido. Rimane in bikini ridottissimo. Nora osserva affascinata lo splendido fisico di Giulia. È sicuramente una frequentatrice di sale pesi, i suoi muscoli sono evidenti e ben curati, l’addome è segnato leggermente dagli addominali, le cosce mostrano le curve tipiche del quadricipite ben allenato e il polpaccio è alto e sodo.
“Mmmm.. Nora, dalla tua espressione mi sembra ti piaccia quello che vedi” le dice Giulia con tono compiaciuto.
“Hai uno splendido fisico… io credo proprio di non poter reggere il confronto, meglio se tengo il vestito appiccicaticcio addosso…” Nora arrossisce e abbassa lo sguardo pensando ai suoi fianchi rotondi, alle sue cosce paffute, alla pancetta spessa e ai rotolini disseminati qua e là sul suo corpo.
“Nora io ti trovo molto bella” una frase semplice esce dalla bocca di Roberto che la sta guardando imbambolato.
“Nora, lasciati andare un po’ non siamo ad un concorso di bellezza. E poi vedi, al mio piccolo schiavetto qui, piaci parecchio… È da un po’ che volevamo provare ad inserire un compagno di giochi nelle nostre sessioni. Non so, vado ad istinto ma mi sembra che tu potresti essere la persona giusta. O no, Nora?” Si avvicina lentamente a Nora, la guarda negli occhi con sguardo sicuro, le afferra la lunga gonna e comincia a recuperare con le mani il tessuto, facendolo sollevare piano piano da terra e scoprendo le gambe abbronzate di Nora.
“Io… ehm… diciamo che, sì, mi piace molto quel genere di giochi…” la frase le esce senza che abbia modo di darle una forma decente ma gli occhi nocciola della donna l’hanno rapita completamente, si sente in suo potere. La donna le solleva  il vestito e lo tira via lasciando Nora in intimo. Giulia la osserva, la fa girare su sé stessa come un manichino, come una bambola. “Certo se fossi nelle mie mani Nora, questo fisico avrebbe tutt’altro aspetto. Ma non mi dispiace affatto così, poi se piace al mio schiavetto… va benissimo anche per me. Togliti le mutande e siediti sul divano, gambe aperte”
“Ma…” Nora tentenna.
“Ragazzina, non era un’offerta o un suggerimento. È un ordine” glielo dice guardandola dritta negli occhi. Nora esegue, lascia le mutandine per terra e va a sistemarsi nel divano come indicato.
“Bobby, giù a quattro zampe!” E proprio come un animale ammaestrato Roberto si mette giù vicino alla sua Padrona. Lei gli accarezza la testa come si farebbe ad un cane.
“Bravo, ora vai da Nora e leccale per bene la figa, vado a prendere gli attrezzi e la voglio bella calda quando ritorno”

— CONTINUA —

2 pensieri su “ON THE ROAD – Parte I

  1. Pingback: ON THE ROAD – Parte II – kinkynora

  2. Pingback: Di Femdom e di altre novità | Noras Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...