SHIBARI 

Nora striscia annoiata le sue converse union flag a fianco alle Hogan bianche di Francy che hanno un passo decisamente più allegro e spensierato. Al solito Francy sa essere molto convincente o forse Nora difficilmente riesce a dire dei NO risoluti alla sua amica. Tant’è che è stata trascinata letteralmente a questa sottospecie di fiera del wellness, spiritual, oriental-marziana e chi più ne ha più ne metta. Hanno già visitato gli stand delle più grosse scuole di Yoga del paese dove hanno cercato, invano, di aprirle dei chakra. “Credo di essere intasata” è stata la risposta poco elegante della nostra Nora che poco si è curata della faccia schifata della signorina che stava cercando di aiutarla.
Nora è poco spirituale e tanto terrena, queste cose esercitano un fascino fanciullesco su di lei ma non riesce a farsi coinvolgere più di tanto. Francy invece è proprio la preda perfetta, si vorrebbe iscrivere a tutti i corsi!
“Uuuuhh Nora!!! Fanno un’offerta sul corso di meditazione Zen, dai facciamolo insieme, c’è la prima lezione gratuita!!”
“Sì certo, e poi mi molli all’ultimo come l’aquagym Fra?”
“Oh… Ancora con quella storia Nora, non me l’hai mai perdonata eh?” Francy corre verso lo stand del Reiki e si gira verso Nora con espressione interrogativa. Nora aggrotta la frone e declina con la mano, le fa cenno che continua il giro e si ritrovano più avanti.
Prosegue il suo giro da sola e si addentra nella zona relativa alle arti marziali orientali. Le viene affibbiato un volantino per un corso di Tai-chi – Questo lo do a Francy… – uno di Kendo e le spacciano qualche bastoncino di incenso. Nora ficca tutto nella sua borsa a tracolla e continua a camminare. Arriva all’ultimo stand, un po’ isolato dal resto. Ci sono poche persone sistemate in semicerchio davanti. Sembra ci sia una dimostrazione pratica di qualche arte giapponese. Nora, incuriosita, si avvicina e si posiziona dietro al semicerchio. Un uomo giovane dai lineamenti giapponesi sta legando una ragazza dai lunghi capelli lisci e con un bel kimono tradizionale addosso, su toni rossi. Passa le corde attorno al suo corpo con grazie e con una velocità impressionante, le corde scivolano sulla seta del kimono con facilità e stringono segnando il bel corpo della giovane. Nora è arrivata a fine dimostrazione. Il giovane ora inizia a slegare la ragazza con la stessa velocità con la quale ha fatto i nodi, in poco tempo la giovane è libera.
“Qualcuno di voi vuole provare?” Il giovane si rivolge al piccolo pubblico, parla un ottimo italiano, si percepisce solo un leggerissimo accento.  Tutte le persone davanti a Nora si allontanano piano lasciandola esposta davanti a quel giovane uomo che la vede, la guarda e si avvicina.
“Forse lei è interessata, signorina?” Nora deve avere un’espressione imbambolata perché il giovane la guarda con un mezzo sorriso.
“Mmm… sì, mi piacerebbe provare… ma magari non usi tutta quella corda con me… solo una cosa piccola, ok?” Nora segue l’uomo al centro dello stand, dove ha raccolte tutte le corde, alcune già intrecciate in splendidi nodi.
“Facciamo una piccola dimostrazione, solo i polsi, posizione frontale, va bene?” il tono e rassicurante, Nora solleva le mani e si lascia legare. I movimenti sono rapidi e la corda scivola veloce fra le sue mani carezzandole la pelle, in pochissimo tempo Nora ha i polsi legati in maniera salda e non riesce a muoverli.
“Oddio Noraaa, ma che fai? Lo Shibari??!! Non ti da fastidio essere così legata, oddio io non riuscirei mai! Che terribile sensazione!” la voce di Francesca irrompe nella quiete di Nora che stava assaporando la tranquillità di sentirsi contenuta fra quegli splendidi nodi. Il suo sguardo va dai polsi agli occhi del giovane che la sta osservando.
“È piacevole, vero?”
“Sì, molto… davvero piacevole…”
Il giovane inizia a slegare Nora e con la stessa velocità le corde scivolano via dai suoi polsi e lasciano solo dei leggeri segni di intrecci sulla sua pelle candida.
“Oh guardi io non so proprio non credo di avere voglia di provare mi sembra troppo forte per me” Francy continua a parlare. Il giovane la guarda serio
“Signorina anche io credo non faccia per lei, ci vuole fiducia e tranquillità” Francesca si zittisce, un po’ toccata da queste parole e la sua espressione assume i toni dell’offesa. “Beh Nora, perdiamo la coincidenza se non ci muoviamo… dai” e si volta per andarsene.
Nora è ancora là che guarda il giovane maestro mentre si accarezza i segni lasciati dalle corde sui polsi.
“Aspetti un secondo solo, signorina” dice rivolgendosi a Nora, poi si volta e si china a prendere qualcosa dal banchetto e le porge un biglietto da visita.
“Mi chiamo Hirokumi”
“Nora”
“Mi piacerebbe che lei fosse la mia Dorei, signorina Nora” Si inchina per salutarla.
Nora si allontana e va verso Francesca. Il biglietto da visita riporta il nome e un indirizzo, dietro, scritto in bella grafia, un numero di cellulare e solo la parola: STASERA?

L’appuntamento è per le 19:00, al solito Nora preferisce essere un po’ in anticipo, questa volta sono ben 20 i minuti di anticipo. Arriva all’indirizzo, è una palestra ed essendo domenica è chiusa. Di fronte si trova un locale, Nora decide di prendere qualcosa per ingannare l’attesa.
“Nora? Ma è già qui?” Nora si volta e trova gli occhi a mandorla di Hirokumi. È un uomo dall’età indefinita, forse trentacinque anni, o forse di più vista la presenza di alcune leggere ciocche di capelli bianchi fra le tempie. I tratti nipponici non sono molto marcati e deve essere in Italia da parecchi anni. È un uomo aitante, alto un po’ più di Nora, spalle larghe e fisico asciutto.
“Ah, io di solito preferisco arrivare un po’ in anticipo agli appuntamenti…” si giustifica Nora
“È un’ottima abitudine, ce l’ho anche io come vedi. Scusi se le ho dato del tu…” le sorride.
“Ah, in realtà lo preferirei, mi mette un po’ più a mio agio”
“Bene. Allora entriamo… così iniziamo un po’ prima, va bene? Puoi lasciare le scarpe all’ingresso” Nora si toglie le scarpe e lo segue dentro.
L’ambiente è molto semplice, non grande ma spazioso, per terra solo tatami, due porte di lato danno verso gli spogliatoi. Ci sono delle travi di legno ancorate alle pareti ad un’altezza non elevata e da esse penzolano delle corde con dei cerchi di acciaio attaccati ad esse . Alle pareti tantissime corde.
“Cosa è una Dorei?” gli chiede Nora mentre lui è intento a recuperare un qualcosa da un baule di legno.
“Dorei vuol dire schiava, nel Kinbaku è la donna che si presta ad essere legata”
“Capisco. E queste corde, di che materiale sono?” Nora sfiora le corde che pendono dalle pareti.
“Sono in canapa e in iuta, le faccio arrivare direttamente dal Giappone e le tratto personalmente. C’è un rituale per prepararle all’uso, perché non facciano male e non feriscano la pelle” il giovane è vicino a Nora, ha in mano un kimono rosso.
“Mi piace questa tua curiosità Nora. Qualunque domanda tu abbia, fai pure, mi fa piacere risponderti” porge a Nora il kimono.
“Ora vorrei che indossassi questo, puoi tenere la biancheria intima sotto se ti fa sentire più a tuo agio. Sarebbe però meglio non indossassi altro che la seta del kimono. Puoi andare a cambiarti negli spogliatoi” le dice indicando con la mano le due porte.
Nora recupera il kimono dalle mani del giovane e si dirige verso lo spogliatoio. Rimane in slip e reggiseno – Sono molto indecisa… non mi ha chiesto di toglierli a tutti i costi… però mi ha detto che sarebbe meglio – Nora fa scivolare le mutandine, sgancia il reggiseno, si infila nel kimono, le arriva a metà coscia. Pronta, torna dal ragazzo.
È in piedi vicino ad uno dei cerchi in acciaio penzolanti, è un po’ più in alto della sua testa. Ai suoi piedi tante corde allineate e ben ordinate.
“Nora vieni pure, possiamo iniziare” Nora si avvicina.
“Non so come funziona… devo fare qualcosa di particolare, me lo dirai tu?”
“Devi solo lasciare che io ti leghi. Penserò io a muoverti nelle posizioni più giuste e a indicarti come spostarti. Non so ancora come ti legherò, è una cosa che non si può decidere a priori, si segue l’ispirazione del momento, dovrò toccare anche parti sensibili del tuo corpo, ti prego di non agitarti e di lasciarti andare. Vedrai, sarà molto piacevole per te.” il giovane sposta un grosso telo da una parete e scopre un grande specchio.
“Ecco, così potrai vedere cosa faccio e come mi muovo anche quando sarò dietro di te. Io però ti consiglio di lasciarti andare e di seguire le tue sensazioni, concentrati sui tuoi movimenti interiori, senza curarti troppo di quello che faccio io.”
“Va bene, spero di non fare pasticci…” sorride Nora arrossendo.
“No, non ne farai, sarai perfetta vedrai.” l’uomo gira attorno a Nora, controlla il suo corpo, la misura con lo sguardo. Prende delle corde e si posiziona dietro di lei. La guarda dallo specchio. Prende le braccia e gliele fa mettere dietro la schiena, il kimono scivola sulle sue spalle e le libera appena la nuca. Nora sente scivolarle le corde sulla pelle con un sibilo leggero. Osserva il giovane che sta lavorando alle sue spalle, ha lo sguardo concentrato su quello che sta facendo, sembra assorto, rapito, le passa il braccio attorno al petto come ad abbracciarla per passare le corde da una mano all’altra, appoggia il mento sulla spalla nuda di Nora, quasi a volerla trattenere con esso, si passa la corda tra le mani e avvolge il torace di Nora sopra il seno, stringe, il tanto giusto per far percepire a Nora le corde sopra il kimono, le passa dietro e le fa scivolare sul lato del suo collo, Nora sente un brivido quando la lunga corda le percorre la pelle con un sibilo persistente. Hirokumi percepisce l’emozione di Nora, la guarda dallo specchio per tranquillizzarla. Fa dei nodi ai lati delle braccia, per tenerle dietro. La trattiene ancora con il mento sulla spalla, fa ripassare le corde verso avanti, questa volta le posiziona sotto il seno, ad incorniciarlo, con le dita cerca il punto esatto del sottoseno e posiziona la corda, tira, stringe. Nora sente aumentare gradualmente la pressione della legatura. Ora passa la corda su una spalla e la assicura alle precedenti; lo stesso fa con l’altra spalla. Il torace di Nora adesso è incasellato fra le corde e i loro incrociarsi. Con un passaggio veloce di corde realizza un intreccio ad altezza dello sterno. Nora lo guarda lavorare, è affascinata dalla sua dedizione, a tratti tiene un pezzo di corda fra i denti per non perdere il bandolo, il suo sguardo è sempre concentrato, le sue mani di tanto in tanto si posano sul suo corpo per darle sicurezza. Terminato l’intreccio passa a sistemare meglio le corde sulla schiena, Nora non può vedere ma nota che passa la corda nell’anello e poi la assicura alla legatura sul suo corpo, ripete la stessa operazione un paio di volte e poi conclude con un nodo. Nora prova a spostarsi e si sente appesa saldamente al cerchio. Le corde stringono attorno al suo petto ma non fanno male, non si sente costretta, si sente protetta e al sicuro. Il giovane con i suoi gesti fluidi le trasmette sicurezza, serenità, protezione. Nora si sente come cullata dai movimenti di Hirokumi, la stretta delle corde attorno a lei e la sensazione di comfort la portano a socchiudere gli occhi. Sente il suo mento sul collo, le labbra vicino al suo orecchio, la sua voce sussurra:  “Sì Nora così, lasciati andare…”
Ora si inginocchia davanti a lei, le cinge la vita con un altra corda, la fa passare sulla pelle delle gambe e avvolge la coscia sinistra creando degli incroci a losanga. Nora è completamente rilassata, la testa penzola in avanti, si abbandona alle sue mani. Il ragazzo le fa piegare la gamba, lega la caviglia alle corde della vita e poi procede a effettuare altri giri e altri nodi sulla gamba ripiegata. Nora ora si poggia solo con la gamba destra al terreno, viene trattenuta dal cerchio al quale è legata, si sente cullare dolcemente dai suoi movimenti, pur in questo equilibrio precario e instabile è sicura e serena. La gamba piegata fa spostare il kimono lasciando intravedere il gluteo e parte delle parti intime di Nora. Il giovane la osserva e passa piano una mano sull’interno coscia. Nora ha un fremito, si morde il labbro e deglutisce. Sente un calore crescente pervaderla.
Ora il giovane esegue dei nodi attorno alla caviglia destra, ancora a terra, passa la corda nell’anello e tira su anche l’ultimo contatto di Nora con il tatami. Esegue diversi passaggi per assicurarla all’anello e la ammira pendere avvolta da quegli splendidi nodi. La gira delicatamente, Nora ha sempre gli occhi socchiusi, in estasi. Le sue mani le trattengono il viso, per sollevarlo leggermente, perché lo guardi
“Nora, sei bravissima… Una perfetta Dorei. Guarda nello specchio Nora, sei splendida” Nora a fatica si osserva e le piace davvero quello che vede, sorride e lascia di nuovo cadere il capo in avanti, gli occhi e la bocca socchiusi.
Lui continua a farla girare piano, poi la ferma si inginocchia dietro di lei e allunga una mano per accarezzare ancora l’interno coscia, questa volta arriva a sfiorare l’inguine, le sue dita incontrano l’umidità dell’eccitazione di Nora. Va più a fondo e con le mani raggiunge la sua fessura, scosta le grandi labbra a cercare il clitoride per eseguire piccoli cerchi, per stimolarlo. Nora geme, il respiro aumenta piano. Il ragazzo la gira verso se per guardarla in viso. Vede Nora sognante, le prende il viso fra le mani e la bacia con delicata passione.
“Adesso ti libero…”

Si alza in piedi e inizia a ritroso a liberarla, le libera la gamba destra e la fa poggiare sul tatami. Scioglie i nodi con maestria e velocità, le corde sgusciano fra le sue dita con sibili delicati. Libera dall’anello anche la seconda gamba, scioglie tutti i giri di corde attorno all’arto perché possa distenderlo e poggiare il piede a terra. Nora sente la testa leggera, le gambe tremano, un calore la pervade partendo dal ventre. Sente le mani di lui lavorare celermente attorno ai nodi attorno al suo bacino che la trattengono ancora, li scioglie tutti lasciando cadere le corde a terra. Apre gli occhi, lo vede dallo specchio, è dietro di lei, le mette una mano sul petto a tranquillizzarla, la stringe a sé, Nora percepisce la sua erezione e un gemito le esce leggero. Ormai manca solo la grande legatura sul suo petto, il giovane mette le mani sui nodi che la tengono appesa al cerchio. Nora lo ferma.
“Non mi sganciare”
“Come?”
“Ti prego, scopami così… legata… per favore…” lui la guarda per un istante. Solleva il kimono, scoprendole le gambe e la figa e lo incastra fra le corde del suo petto. Toglie la maglietta e i pantaloni leggeri, mostrando la sua erezione, afferra le corde che trattengono Nora per avvicinarla a sé, la fa dondolare piano. Nora sente il suo cazzo fra le natiche, lo vede abbassarsi e piegare le ginocchia, lo sente scivolare dentro di lei, riempirla e placare quel calore. Lui tira a sé le corde ritmicamente per scopare Nora, lentamente il suo cazzo entra ed esce da lei, Nora chiude gli occhi e geme, sospira seguendo il ritmo dei suoi affondi che aumenta piano. Ora lui la blocca a sé trattenendola e abbracciandola con le forti braccia, inizia a scoparla con potenti colpi di bacino, il suo mento sulla sua spalla la trattiene ancora, la sua lingua le passa sul collo, la morde quando il ritmo è ormai vicino al limite. Nora sente il suo seme caldo riempirla e si lascia andare ad un orgasmo potente e liberatorio.

shibari

 

13 pensieri su “SHIBARI 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...