NORA E L’ABISSO – parte III 

[PROSEGUE DALLA PARTE II]

GIORNO 0 – Domenica

Nora ferma l’auto nel suo parcheggio, ha guidato in uno stato di incoscienza, seguendo l’abitudine del tragitto, senza pensare, senza riflettere, complice il deserto sulle strade essendo domenica pomeriggio.
Recupera le sue cose entra nel portone e sale le scale. Si dirige svelta alla sua porta, le mani le tremano mentre cerca di infilare la chiave nella toppa.
“Nora, cara! Ma ti sei tagliata i tuoi bei capelli?!” Nora si irrigidisce ma non si volta. Riesce ad aprire la porta e entrando dentro risponde velocemente
“Sì… avevo voglia di… cambiare… buona giornata signora Cecilia” Chiude la porta con un forte tonfo. Si appoggia con la schiena e scivola piano a terra, esausta e incredula – Sono a casa. Sono libera. Sono viva. –

abisso3

GIORNO 1 – Lunedì

La sveglia suona, sono le 7. Nora la sente in lontananza. Allunga la mano ma non trova il suo comodino. Apre gli occhi. – Sono in soggiorno. Sono sul divano. – Si alza lentamente, la testa pesante e dolorante, gli occhi riescono a malapena a schiudersi. Si siede sul divano, sta ferma qualche istante per recuperare l’equilibrio nella nuova posizione. Vede sul tavolino il suo cellulare; lo prende e fa scorrere il dito per leggere le notifiche.

Francy: 2 chiamate, 6 messaggi
Mamma: 1 chiamata, 1 messaggio

Manda veloce un messaggio

Nora: Mario, oggi non sto bene, non verrò in ufficio.

Lancia il cellulare sul divano.
Prova ad alzarsi, molto lentamente. Sente dei lievi capogiri. – Non ricordo se e quando ho mangiato o bevuto – Riesce a sollevarsi lentamente. Cammina piano verso il bagno. Raggiunge il grande specchio dietro il lavandino. Accende le luci. – Oddio… oddio… – Il viso che le appare la lascia senza parole. Gli occhi, entrambi, sono due fessure gonfie e tumefatte. Sugli zigomi lividi scuri. Il labbro superiore presenta una grossa spaccatura nel mezzo, il sangue rappreso la segna fino agli angoli della bocca. I capelli, i suoi lunghi riccioli neri che le coprivano metà schiena sono ora un ammasso informe di ciocche crespe di lunghezze diverse che non raggiungono il suo collo. Nora non riesce a trattenere le lacrime davanti a questo spettacolo desolante. Le sale prepotente al naso il puzzo di urina e sangue e sudore, si guarda, ha ancora i vestiti addosso, solo i piedi sono scalzi. Non ha memoria di quello che ha fatto dopo essere rientrata a casa. Comincia a spogliarsi piano, tutto il suo corpo è dolorante, le braccia ad ogni movimento le ricordano i lunghi momenti legata e appesa. Nuda davanti allo specchio scopre altri segni dei quali non conserva alcun ricordo, cicatrici e lividi e graffi sul suo corpo martoriato. Sui seni segni di morsi profondi, graffi e lividi sul ventre, il sangue rappreso che le macchia l’inguine lascia strane forme lungo le sue gambe, come macchie di Rorschach. Si volta appena per vedere la schiena e le natiche ricoperte di segni rossi e viola, segni di verga e frusta, lunghe ferite parallele sulla sua pelle candida. – Stupida. Sei solo una stupida. Una stupida cagna ignorante! – Nora non riesce a darsi pace, non riesce a fare i conti con la sua superficialità.
Apre il rubinetto della doccia e si piazza sotto il getto tiepido di acqua per tentare di lavare via tutto quello scempio dal suo corpo.

GIORNO 2 – Martedì

Suona il citofono. Nora controlla dal video, è il suo medico. Apre il portoncino e attende che l’uomo salga le due rampe di scale. Tiene la porta aperta per farlo entrare.
“Buongiorno signorina. Lo sa che sono abbastanza restio a visite domiciliari quando non sono necess…” l’uomo si blocca nel momento in cui vede il volto di Nora.
“Buongiorno Dottore”
“Mi ripeta bene. Cosa le è successo?” l’uomo ha un tono piatto ma spazientito, di chi sa di essere finito in un tranello.
“Gliel’ho detto dottore, sono caduta dalla scala, la vede è ancora là” Nora mostra con la mano una scala aperta, sotto un contro-soffitto aperto.
“Stavo facendo il cambio di stagione, sono caduta e ho colpito il volto sulla scala prima di cadere a terra”
L’uomo la fissa in silenzio. Si siede nel divano e recupera il notebook dalla sua borsa.
“Serviranno delle radiografie per verificare che non ci siano danni interni” ora il tono è volutamente sarcastico.
“Non credo ce ne siano, mi sento abbastanza bene a parte un po’ dolorante”
“Certo. Posso visitarla allora?” chiede il medico con leggerezza.
“È davvero necessario? Mi serve solo qualche giorno per recuperare e rimettermi dai lividi dottore…” Nora prova a convincere l’uomo con il tono più supplichevole che riesce a recuperare. Il dottore rimane a fissarla per qualche istante senza parlare. – Dai cazzo, solo qualche giorno e mi rimetto… dai cazzo! – L’uomo si china sul notebook e comincia a digitare.
“Per ora le do fino a lunedì compreso. Se non dovesse essere sufficiente mi richiami” il dottore chiude il notebook e lo infila nella borsa. Tira fuori una scatola. Si alza e la porge a Nora.
“Questa pomata è un portento contro i lividi, la applichi più volte al giorno, il recupero sarà molto più rapido” si ferma ad osservare meglio la ferita sul labbro di Nora, le solleva leggermente il mento.
“Mmmm…. Forse ci volevano due punti su questa ferita. La tenga pulita e disinfetti spesso” la guarda negli occhi, in attesa di una confessione chiarificatrice. Ma Nora abbassa lo sguardo e va verso la porta per aprirla e farlo passare.
“Grazie dottore per essere venuto comunque. Buona giornata”

GIORNO 3 – Mercoledì

La pomata del dottore sembra essere davvero miracolosa. Nora si guarda allo specchio, gli occhi sono completamente aperti, hanno perso il gonfiore sulle palpebre e sotto, rimangono solo delle profonde occhiaie dalle sfumature nere e violacee. Sugli zigomi solo delle chiazze giallognole, l’ultimo stadio prima della guarigione. Sul labbro il taglio diagonale si sta piano piano riducendo, la crosta è grossa e spessa ma il gonfiore è quasi del tutto sparito. Nora comincia a riconoscersi allo specchio. – Devo fare qualcosa per questi capelli, sono davvero inguardabili… – Gli occhi si riempiono di nuovo di lacrime. Ma Nora sposta leggermente la palpebra inferiore e le ricaccia dentro.
Inforca i grossi occhiali da sole scuri, quelli più grandi che ha, stile anni sessanta, le coprono fin sopra le sopracciglia e gran parte degli zigomi. Si guarda allo specchio prima di uscire, non si notano segni, se non il grosso taglio sul labbro. Prende il cellulare e controlla distrattamente le notifiche.

Francy: 13 chiamate, 22 messaggi
Mamma: 3 chiamate, 2 messaggi
Mario: 5 chiamate, 7 messaggi

Prende la borsa ed esce. Sono le due del pomeriggio. Nora si guarda in giro, vede il solito movimento dei giorni feriali, ma uscire di casa le mette un po’ di ansia, il cuore le batte forte nel petto. Con passo veloce raggiunge la macchina, sale e mette in moto.
Raggiunge il primo parrucchiere cinese, parcheggia praticamente di fronte e si butta dentro.
“Ciao! Tallio? Colole?”
“Buongiorno, solo taglio grazie… Mi serve solo una sistemata”
Nora si accomoda nella poltroncina. Preferisce di gran lunga sistemare la chioma qui piuttosto che dal suo parrucchiere abituale. I cinesi sono meno ciarlieri e fanno poche domande. In mezz’ora è di nuovo in macchina, fa una fermata brevissima al supermercato all’angolo per recuperare poche cose. Girando fra le corsie semideserte con il piccolo cestino si blocca improvvisamente in preda al terrore. Davanti a lei, di spalle, un uomo, capelli castani molto corti. Nora sente le gambe cederle, in preda ad un attacco di panico sente il respiro aumentare. L’uomo prosegue nella corsia fino a sparire dalla sua vista. Nora si appoggia al ripiano che trova al suo fianco. Sono bottiglie di liquori. Il suo sguardo viene attratto da una chiara bottiglia di Tequila. La afferra e la ficca nel cestino. Si dirige velocemente alla cassa rapida. Guardandosi intorno non vede l’uomo di poco prima. Si affretta a passare i pochi prodotti sullo scanner. Paga ed esce.

GIORNO 4 – Giovedì

Il campanello della porta suona incessante. Si sentono colpi forti sulla porta, manate. Nora è in piedi a pochi passi, ancora indecisa se avvicinarsi allo spioncino per verificare chi sta facendo tutto questo casino là fuori.
“Noraaaa!!! Aprimi tesoro, ti prego!!!” Riconosce la voce di Francesca, un tono sinceramente preoccupato.
Nora si avvicina e apre.
“Oh, Fra… scusami, non stavo bene, non ho risposto ai tuoi messaggi e chiamate” Francesca irrompe nel salone e abbraccia forte l’amica.
“Oh tesoro, ma che spavento!! Non mi rispondevi, neanche un messaggio. Ho chiamato a lavoro, mi hanno detto che eri in malattia, non sai quanto mi hai fatto preoccupare. Almeno un messaggino o anche una mail potevi mandarmeli lo sai che sono così ansiosa” Nora si lascia stritolare dall’affetto spropositato della sua logorroica Francy.
“Ma… cosa ti è successo??” Francesca si scosta da Nora per guardarla in faccia, la mano sotto il mento per controllare il taglio sul labbro.
“Sono caduta dalla scala… sto già recuperando, ero messa molto peggio, non potevo proprio uscire di casa ero in condizioni pietose Fra” Nora si scosta in fretta per non dare modo all’amica di analizzare meglio il suo volto o il suo sguardo.
“Oh Santo Cielo!! Ma potevi farti malissimo?? Hai fatto le radiografie, ecografie, risonanza, magari hai delle lesioni interne cara, non devi sottovalutare queste cose… no no no, devi assolutamente approfondire…”
“Fra, tranquilla… sto già recuperando, va tutto bene, devo solo riposare un po’ per quello non stavo al cell o al pc”
“Mmm… capisco. Ma non voglio lasciarti sola, avrai bisogno di compagnia e aiuto, rimango qui da te a dormire ok? Così posso aiutarti”
“No Fra! Davvero, non mi serve che rimani, ti ringrazio… ho bisogno di stare sola.” Nora è brusca e rude. Nota il volto dell’amica, cambia improvvisamente espressione, l’ha ferita.
“Senti Fra, magari mi fai compagnia per un film e una pizza? Ma davvero, non serve che rimani a dormire” Nora cerca di addolcire il tono. Francy la guarda inclinando leggermente il capo, poi d’improvviso gli occhi e la bocca si aprono in una espressione di vivo stupore.
“Tesoro ma… ecco! Hai tagliato i capelli??!!! Oddio ma stai benissimo, sembri una ragazzina!! Non capivo cosa fosse questa aria diversa che avevi, che coraggio a tagliare quei lunghi riccioli neri, però veramente un’ottima scelta, davvero! Cosa dicevamo? Ah!… ok pizza, però la prendiamo in quella pizzeria dove usano il lievito madre, lo sai che se no mi gonfia. E voglio proprio provare la pasta con farina integrale bio, sai che mi hanno detto che è molto meglio per la gestione dei picchi glicemici?! La Roby ha detto che da quando la compra da loro è rinata!! Adesso la chiamo così le chiedo l’indirizzo mi sembra facciano anche consegna a domicilio sì sì… Tu? Sempre bianca? Con verdure? Dimmi come la vuoi cara…” Nora sorride a vedere l’amica animarsi e frugare nella sua borsa in cerca del cellulare perduto, si rilassa a sentire la stanza piena delle sue chiacchiere e del suo buon profumo di vaniglia e ylang.

GIORNO  7 – Domenica

– Son tre giorni che provo a masturbarmi ma non riesco ad eccitarmi e non riesco a venire. Mi sembra di essere insensibile a tutto: porno, tutta la mia playlist, vibratore, dildo, mani… –
Nora apre il notebook. Il browser riporta ancora la pagina dei messaggi del social BDSM. Vede il messaggio di Abyss… rabbrividisce. Lo cancella di istinto. Apre la finestra web di Telegram, scorre i nomi e clicca sicura su Frank, lui non la deluderà. Qualche minuto di chiacchiera leggera e poi, Nora va all’attacco, vuole subito verificare l’efficacia del suo trombamico virtuale.

Frank-thehawke:
Quindi oggi sei in tenuta da casa… pigiama o tuta… da pieno relax…
Nora:
Pigiama
Senza reggiseno
Frank-thehawke:
ecco… potevi anche non specificare 🙂
Nora:
Non è bello da dire ma non mi sono ancora lavata e ho le mutandine di ieri…
Frank-thehawke:
lavati che poi ti asciugo io 😉
Nora:
mmmm…
Frank-thehawke:
pero’ senza reggiseno non vale…
Nora:
Ieri avevo quello con ferretto, non ci dormo con quello
Frank-thehawke:
io sono per le tette libere…
[Nora invia una foto del suo seno nudo]
😱😱😱
cosi’ mi fai venir caldo…
Nora:
🙂
Frank-thehawke:
non e’ che passerai tutta mattina a provocarmi vero?
Nora:
Mah non so
Credo proprio di sì
Frank-thehawke:
sei tremenda…
Nora:
Ma no, sono un angelo…
Frank-thehawke:
belle tette comunque…
un tremendo angelo 😉
ci tufferei la testa in mezzo a quelle tette…
Nora:
Io gioco coi capezzoli
Frank-thehawke:
lo sai che saranno la mia fissazione di oggi vero?
Nora:

Frank-thehawke:
nel senso che ci giochi adesso?
Nora:

Frank-thehawke:
ach…
Nora:
Da fuori
Frank-thehawke:
Mhhh
io infilerei la mano…
e ci giocherei da dentro…
Nora:
Meglio la lingua
Frank-thehawke:
Dopo…
poi per usare la lingua e’ meglio scoprirle…
Nora:
Eh sì
Frank-thehawke:
spero che tu non le scopra…
Nora:
Se vuoi lo faccio…
Frank-thehawke:
Meglio di no… gia’ cosi’ e’ difficile 😉
[Nora invia una foto dei capezzoli]
Eeeehhhh… slurpp
Nora:
Io oggi voglio vedere la tua eccitazione…
Frank-thehawke:
se continui cosi’… mmhhh
Nora:
Sono durissimi…
Frank-thehawke:
mmmm
Nora:
E mi sto anche bagnando a forza di giocarci
Frank-thehawke:
Mhhh… lo fai apposta…
Nora:

Frank-thehawke:
ci riesci benissimo…
Nora:
Voglio che ti fai una sega per me…
Frank-thehawke:
Mhh… porca…
Nora:
Sì… E tu sei un porco alla mia altezza?
Frank-thehawke:
sapessi cosa farei a quelle tue tette…
ci metterei il mio cazzo in mezzo e le strofinerei
le stringerei…
Nora:
Sì…
Frank-thehawke:
le tirerei per i capezzoli
cosi’ da farli diventare ancora piu’ duri
Nora:
Sì… Sei proprio un porco…
Frank-thehawke:
ho voglia di morderteli
Succhiarli
mungerli
Nora:
Fai quello che vuoi a questa porca
Frank-thehawke:
con il mio cazzo in mezzo che cresce
Nora:
E poi che mi fai?
Frank-thehawke:
ho una gran voglia credo che verro’ in fretta
mentre ti sono sopra
una mano ti passa tra le cosce
Nora:
Sì…
Dove vuoi venire porco?
Frank-thehawke:
sulle tue tette
Nora:
Sì dai
Frank-thehawke:
sei la mia porca
[Frank manda una foto del suo cazzo a Nora]
Nora:
Oh…
Da leccare tutto
Frank-thehawke:
da leccarti tutta
mandami una foto delle tue tette che sborro per loro
mentre ti masturbo quella tua figa vogliosa
[Nora manda una foto delle tette]
Mhhhhh, ma lo sai che sei proprio una porca? Una gran troia…
Nora:
Certo che lo so
Frank-thehawke:
Wow
sono venuto per te
Nora:
Oh…
Che bravo…
Frank-thehawke:
merito tuo
[Frank manda una foto della sua cappella]
Nora:
Mmmm
Che voglia di prenderlo in bocca
Frank-thehawke:
Ecco la mia sborra per te… tantissima… Guarda Nora, quanto me ne hai tirata fuori..
[Frank manda una foto della sborra nel lavandino]
Nora:
Ah…
Frank-thehawke:
pensando alle tue tette
Nora:
L’avrei voluta ingoiare
Frank-thehawke:
mhhh

Nora chiude la chat. Nessun brivido l’ha smossa. Nessun accenno di eccitazione. Eppure aver visto quella eiaculazione l’ha solleticata e l’ha fatta sentire utile, importante.

GIORNO  9 – Martedì

Nora passa la giornata di rientro a lavoro recuperando qualche report arretrato. Sul suo viso ormai è visibile solo la cicatrice sul labbro, in maniera poco vistosa. Lo smartphone costantemente collegato alla carica, saltella fra almeno tre chat fra KIK e Telegram. Cerca di stuzzicare i suoi trombamici dall’altra parte, vuole che si eccitino e che le facciano vedere la sborra, meglio se con un video, meglio se vengono sugli addominali. Ogni tanto va in bagno con il cellulare per inviare loro foto del seno o della figa o per mandare audio di finti orgasmi, qualunque cosa per aumentare la loro eccitazione, qualunque cosa per avere il prima possibile la loro sborra.

GIORNO  12 – Venerdì

Nora si è fatta convincere da Francy, un’uscita con il gruppo di amici. Ma sono tutti seduti in un divanetto a fare chiacchiere vuote e poco interessanti. Lei ha bisogno di qualcosa che la scuota nel profondo, che le faccia riprovare il brivido dell’eccitazione. Un ragazzo la sta fissando da tempo, Nora lo ha notato e decide di andare all’attacco. Si avvicina al bancone per ordinare e si sistema sullo sgabello di fianco al suo.
“Una tequila sunrise per favore” chiede al barista. Il giovane al suo fianco sorride. Nora lo guarda con aria interrogativa.
“Oh, scusami… sei una nostalgica, non sentivo ordinare una tequila sunrise da un almeno quindici anni!”
“Mi piace la tequila… e mi piace la tequila sunrise… non vedo davvero il problema…” Nora di solito non è così secca nelle risposte, soprattutto quando cerca di far colpo su qualcuno. Si meraviglia quasi di sé stessa.
“Ma certo, nessun problema, solo mi ha fatto sorridere la tua richiesta fuori dal coro” l’uomo la guarda con un sorriso sincero. Nora si distende e risponde al sorriso.
“Ah meno male, pensavo di essere partito col piede sbagliato” il barista appoggia il coloratissimo cocktail davanti a Nora. Nora prende fra pollice e indice una delle due ciliegie candite e la porge all’uomo.
“Ti va?” lui rimane un po’ interdetto dal gesto ma si avvicina alla mano di Nora e afferra la ciliegia con i denti, chiude le labbra sulle dita di Nora e poi si allontana portandosi via il piccolo frutto. Nora osserva attentamente il gesto, sente un leggero brivido sopra il pube nel momento in cui le labbra toccano le sue dita. Rimangono in silenzio per qualche attimo guardandosi negli occhi. Nora osserva l’uomo, è alto un po’ più di lei – ma oggi ho i tacchi… quindi deve essere almeno un metro e ottantacinque – capelli corti, scuri. Gli occhi sono di un caldo e profondo nocciola. Ha un bel fisico, spalle larghe e vita stretta, gambe lunghe.
“Buona”
Nora si accorge di essere imbambolata a studiare il suo corpo dall’alto al basso, cerca di mascherare distogliendo lo sguardo e bevendo un po’ del suo drink.
“Io non amo le cose molto dolci… le ciliegie le preferisco al naturale” risponde Nora distrattamente
“Non parlavo della ciliegia, parlavo della tua pelle…” Nora gli sorride maliziosa.
“Beh… c’è un’altra ciliegia candita… io non la mangio… quindi se ti va…” prende la ciliegia e la mette fra i denti porgendo il viso verso l’uomo che si avvicina fino a congiungere le labbra con le sue, recupera la ciliegia e rimane attaccato alle sue labbra, le lingue si sfiorano, una mano si posa sul fianco di Nora – brividi… sento dei brividi… finalmente… –
Nora si lascia baciare, un bacio tenero e delicato che sembra sciogliere appena il muro di ghiaccio che ha dentro. Si stacca da lui e lo guarda.
“Troviamo un posto appartato?” lui le prende la mano e la tira via dal bancone.

Nora stringe l’uomo a sé, passa le mani sulla sua schiena ampia, si baciano appoggiati a un muro, nel vicolo subito fuori dal locale – Appartato… ma c’è abbastanza gente in giro – le bocche si cercano incessantemente, lui la tira a sé per passarle le mani sul corpo, le morde leggero il collo. Nora continua a sentire brividi preparatori per tutto il corpo.
“Vuoi che andiamo da me? Ho la macchina qui dietro, possiamo parlare un po’ e… ” le sussurra lui all’orecchio
“No. Stiamo qui… ” Nora sente l’eccitazione dell’uomo premerle addosso, con le mani arriva alla sua patta e comincia a sbottonare i jeans.
“Ma… qui? Sei sicura? Potrebbero vederci” l’uomo la guarda stupito.
“Non ci vedranno, c’è buio, stai tranquillo” Nora ha raggiunto il suo uccello e lo sta accarezzando lieve. Lo sente caldo e liscio fra le mani, le piace quella sensazione di pelle come seta fra le mani.
“Voglio farti un pompino, qua” le parole le escono prima che possa ragionare. L’uomo ora la guarda con un’espressione di vera meraviglia.
“Io… ma… sono abbastanza stupito, non mi sembravi un tipo così intraprendente…”
“Ti da fastidio che lo sia?” Nora lo guarda con aria di sfida, si lecca le labbra.
“Mi stupisce, ma no, non mi da fastidio…”
Nora si accoscia davanti al suo cazzo, inizia a leccarlo piano, scopre la cappella e lo infila in bocca. Lui si appoggia con le mani al muro, chiude gli occhi in estasi mentre Nora comincia a muovere la bocca sul suo cazzo, le mani dietro le gambe per trattenerlo meglio a sé. Ma i brividi, quelli non ci sono più – non sento niente… non sento più niente… – solo gesti meccanici la portano avanti. Sente il cazzo dell’uomo farsi sempre più turgido grazie ai suoi movimenti.
“Io… sto per venire…” l’uomo si stacca dalla bocca di Nora che quasi controvoglia lo lascia andare. Viene schizzando bianchi fiotti sul muro, Nora osserva il cazzo sputare fuori quello che avrebbe voluto ingoiare – sono una cagna… una cagna… una stupida cagna – Guarda l’uomo dal basso con aria sconsolata.
“Almeno te lo posso pulire?”
“No… non mi va… non volevo andasse così…”

 

Sembra molto contrariato, si sistema e aiuta Nora a sollevarsi. Le carezza il volto e la bacia piano.
“Voglio un’altra occasione… questo non è il modo che piace a me… Sarò strano, sarò all’antica, o solo un inguaribile romantico, ma mi piace parlare e conoscere una donna prima di… di questo, ecco! E tu, mi sembri una donna molto interessante da scoprire…”
Ora è Nora a guardare l’uomo con aria stupita.
“Va bene… Vuol dire che…  ci rivedremo… Mi devi un Tequila Sunrise, giusto?”
“Giusto” risponde l’uomo sorridendo.

GIORNO  15 – Lunedì

Nora apre gli occhi al suono della sveglia. Stacca il cel dal cavo e lo accende. Controlla le sue chat, ha messaggi dei trombamici ma ora non ha voglia di rispondere. Scorre i vari social. Apre il browser ed ecco ancora il sito del BDSM. Ha 3 nuovi messaggi privati. Due sono di complimenti alle sue foto, niente di interessante. Il terzo, inviato due giorni prima la attrae. Il titolo dice solo  “Ciao” decide di aprirlo

Ste.Master_81: Sono un master da 10 anni, da un paio di anni ho deciso di “giocare” solo online.
Faccio quasi fatica a fare rp in italiano perché sono ormai abituato a vivere il ls in inglese.
Tra le altre cose, il dedicarmi all’online mi ha decisamente ammorbidito e mi ha fatto scoprire che il virtuale è un mondo a parte non una semplice riproduzione parziale e limitata di dinamiche che siamo abituati a vivere.
Se hai kik mi trovi li praticamente sempre Ste.M81

Nora legge e rilegge.
Il virtuale. Solo virtuale – così non sembra rischioso… per niente… stupida cagna! –
Apre KIK. Cerca: Ste.M81
Inizia a chattare.

— FINE —

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...