E alla fine arriva Ste – Cap. 1 (Primavera)

APRILE

Nora e Ste ormai si frequentano via chat da qualche settimana. Lei lo trova molto interessante, i suoi modi sono sempre pacati e gentili, non sembra volerla forzare in niente. L’idea di un training online, a distanza le sembra davvero molto sicuro e il fatto che Ste abbia esperienza come Master le permette di fargli tante domande per sopperire alle sue mille curiosità.
Le chat con Ste stanno seguendo un percorso atipico, fino ad ora non c’e stato scambio alcuno di parti intime, nessuna richiesta di orgasmi o scopate virtuali come invece Nora continua a fare con gli altri suoi contatti, i trombamici virtuali come ama chiamarli lei. Fino ad ora Ste non le ha neanche chiesto di vederla in viso, continuano a parlare, a conoscersi, ad affiatarsi e Nora è sempre più a suo agio, sente che la presenza di Ste nella su vita sta prendendo un posto fisso.

Ste: Quando inizieremo a fare sul serio dovrai fare una cosa per me Nora. Voglio suggellare il nostro inizio con un bel orgasmo, insieme.
Nora: Ah ma sei già sicuro che inizieremo? Non è un po’ troppo presuntuoso da parte tua? Io non ti ho ancora detto che ho voglia di iniziare con te…
Ste: beh ma non sarei un Master se non percepissi il tuo interesse. Certo so benissimo che devi essere tu quella convinta a proseguire con me, ma sento che sei già molto interessata, non è vero?
Nora: è vero…
Ste: Bene, allora facciamo così. Domani mattina voglio che ti masturbi per me Nora. Voglio un orgasmo come buongiorno, lo fai con tanti fwb on line, fanne uno solo per me, ok?
Nora: ok… cosa vuol dire fwb?
Ste: sono i friends with benefits, i tuoi numerosi trombamici… non ho ancora capito come cazzo fai a stare dietro a tutti e pure a me. Ma quando inizieremo vorrei tenere un po’ sotto controllo questo tuo fetish… ne riparleremo più avanti.
Allora domattina aspetto il tuo audio Nora, devi masturbarti e devi venire per me, voglio che vieni dicendo il mio nome. Per adesso ti auguro la buonanotte.
Nora: Va bene Ste, a domattina.

Nora è molto nervosa. La richiesta la coglie di sorpresa. Con gli altri riesce a fingere abbastanza bene ma non vuole fingere anche con Ste. Si addormenta con fatica aspettando la mattina.
La sveglia suona alle 7:00. Nora snoozza e si rigira nel letto. Il suo primo pensiero è l’audio da spedire a Ste. – Vorrei avere il coraggio di scrivergli e rimandare… Ma  non credo che accetterebbe di buon grado un rifiuto già da ora –
Nora apre il notebook sul suo comodino. Cerca su youporn un video che possa stimolarla. Cerca fra le varie categorie threesome e foursome, solo qualche mese fa le bastava vedere pochi fotogrammi per eccitarsi tantissimo, in queste settimane invece ne ha visti diversi senza riuscire a provare niente, come davanti ad un documentario… Ne trova uno, tre uomini e una donna, sembra fatto bene, lo avvia. Le immagini scorrono e Nora prende dal cassetto del comodino il suo vibratore nero, lo accende e lo posiziona sul clitoride. Sente un leggero piacere ma non quello che le serve per eccitarsi. Muove piano il vibratore sul clitoride, in lungo fino alla sua fessura, lo fa scivolare dentro, piano, poi lo ritira fuori e lo passa per lungo sul clitoride. Le venature in rilievo e la leggera vibrazione unite alla visione dei tre cazzi che tormentano ovunque la donna nel video, sembrano dare piccoli effetti, Nora sente del calore spandersi piano, chiude gli occhi e si lascia conquistare piano, comincia a infilare dentro il vibratore e con decisione si scopa, infila dentro e a fondo il dildo e lo ritira fuori sempre più veloce. Prende il cellulare e inizia a registrare il suo audio, solo lievi sospiri e mugolii, rilascia e invia 20 secondi di audio. Continua a scoparsi con il dildo apre gli occhi e vede la donna ricevere l’eiaculazione del primo dei tre. Ma Nora è lontana dall’orgasmo, non lo sente arrivare, non sente quella sensazione fra le viscere. Decide di fingere anche con Ste. Preme il tasto e registra il suo falso orgasmo, cerca di essere contenuta, senza esagerare con gli urletti e l’ansimare.
“Oh…. ohh Ste… mmmmhhhh… aahh…” rilascia e invia. Non ha neanche il coraggio di riascoltarlo. Spegne il dildo e lo butta via. Si accarezza la figa leggermente umida ma insensibile. Ecco che Ste appare online. Il cuore di Nora fa un balzo – oh… non mi aspettavo che sarebbe stato online così presto… speravo ascoltasse dopo… non con me presente –

Ste: Buongiorno Nora
Nora: Buongiorno…
Ste: sto ascoltando il primo audio…
Nora: ok…
Ste: non male. Ora sto ascoltando il secondo… questo è il tuo orgasmo per me Nora? Mi sembra poco sentito, forse sei un po’ trattenuta essendo il primo?
Nora: forse, sì…
Ste: eppure con gli altri non mi sembra tu abbia tutta questa timidezza. Questo non lo so, non mi sembra neanche un orgasmo Nora…
Nora: in effetti non sono venuta.

La verità le scivola via dalle dita ancora prima che possa inventare una qualunque scusa plausibile.

Ste: beh, va bene Nora. Ma perché spacciarmelo per un orgasmo? Non mi sembra carino. Vuoi dirmi perché non sei venuta?
Nora: non lo so… forse non era la giornata giusta…
Ste: tutto qui? Sei sicura? Non vuoi dirmi niente di più?
Nora: no, credo di no…
Ste: va bene. Però non voglio che mi menti mai più. Preferisco una scomoda verità o sapere cosa c’è che non va per discuterne insieme. Non mi piace che mi si prenda in giro, non mi sembra di meritarlo, che dici?
Nora: sì certo… hai ragione

MAGGIO

Passa ancora qualche settimana, Nora e Ste continuano a scriversi in continuazione, durante tutta la giornata. Nora ora sa che Ste è in realtà Stefano, è di Torino – Siamo proprio agli antipodi dell’Italia – ha un anno meno di lei, convive ormai da dieci anni con una compagna che sa poco o niente del suo essere Master perché non interessata a quel genere di sesso; viene anche a conoscenza di altre donne, reali e virtuali. Ste lavora come commerciale in una grande azienda che si occupa di import/export, spesso fa viaggi di lavoro in altre parti d’Italia. È un amante delle medicine alternative, questo lascia Nora un po’ perplessa perché lei proprio non riesce a farsi attrarre da quel mondo, lui invece pratica Yoga da tanti anni si interessa di viaggi astrali ma riesce comunque a sorridere quando Nora timidamente gli avanza il suo scetticismo cosmico. Nora si sente al sicuro e serena quando parla con lui e la fa impazzire quella su R così arrotata. La fa star bene, per questo lo cerca più volte al giorno anche solo per mandargli un bacino.

Ste: che fai piccola?
Nora: sto ascoltando musica, in relax
Ste: cosa ascolti di bello?
Nora: non so… non credo sia nelle tue corde. Un gruppo rap hard core. Ma sto ascoltando una ballata abbastanza orecchiabile
Ste: girami il link, così l’ascoltiamo insieme
Nora: Ah ok eccolo → Youtube – Hollywood Undead – Cricles
Ste: è vero non è proprio il mio genere ma mi piace il ritornello.

I was running in circles,
I hurt myself, just to find my purpose.
Everything was so worhtless, I didn’t deserve this,
but to me you were perfect

Nora: è vero… è proprio quello che mi piace
Ste: senti tesoro… ti dispiace se ti chiamo tesoro, Nora?
Nora: no no, non mi dispiace affatto
Ste: Bene… allora apri skype. Ho voglia di skypare con te, adesso. Sei a casa no? Mi sembra il momento giusto per suggellare il nostro inizio. Se non ti va di farmi vedere il viso np tes… ma voglio vedere come ti sbatti, lo fai per altri e mi sembra sia giunto il momento di farlo anche per il tuo Ste.

Nora è freddata dal cambio di registro. Ma esegue. Apre skype. Avvia la chiamata. Dal letto cerca di inquadrare il suo corpo in maniera che non si vedano troppi rotolini qua e là. Vede il volto sorridente di Ste dall’altra parte.

“Ciao tes… che bello vederti. Sei molto rilassata eh?”
“eh… ci provo… anche se non abbiamo mai usato Skype io e te….”
“Già, ma lo hai usato con altri, quindi perché con me no? Valgo forse meno di loro tesoro?”
“No no… anzi… forse perché… vali… di più”
“Grazie del pensiero, ma vorrei me lo dimostrassi con i fatti. Spogliati, completamente nuda, Nora”
Il tono di Ste si fa più profondo, la voce diventa ruvida. Nora percepisce il cambiamento e esegue. Sistema il cellulare e inizia a spogliarsi. In pochi istanti è nuda, stesa sul letto. Sente il respiro farsi pesante.
“Bravissima tesoro, ora fammi vedere tutto il tuo corpo, inquadrati dall’alto… ecco, brava… che bella che sei tes…” la voce di Ste è di nuovo calda e dolce, Nora sorride  e si compiace di quei complimenti.
“Adesso avvicina il cellulare al tuo seno, incastra il capezzolo fra due dita e stringilo, così bravissima, continua a stringerlo, fallo diventare bello duro tesoro, pensa che sia la mia mano, io non sarei così delicato…” Nora esegue in silenzio, sente i battiti aumentare in preda a una forte emozione, la sua voce nelle orecchie le sta scivolando dentro, sente piano piano sciogliersi quel grande muro di ghiaccio.
“Metti il cellulare vicino alla figa, fammela vedere tes… oh, ma che bella, molto meglio delle foto che mi hai mandato piccola… Stupenda… Adesso infila due dita dentro, fino in fondo, fino alle nocche e sbattiti forte” Nora esegue, con stupore si trova umida e calda, le sue dita scivolano fino in fondo, infila il medio e l’anulare e comincia a scoparsi.
“Non sei una ragazzina alle prime masturbazioni… sbattiti bene dentro quelle dita Nora, così, sì! Fammi vedere come si masturba una donna… brava… adesso esci e accarezza piano il clitoride… non ho detto sgrilletati! Ho detto piano! Così, leggero, bravissima tesoro….” Nora sorride a sentire le RR arrotate di sgrilletati ma è un solo attimo prima di sentire forti brividi percorrerle la schiena e il ventre. Sospiri e gemiti escono dalle sue labbra.
“Brava così… adesso di nuovo dentro quelle dita, sbattile dentro e scopati tes… forte… sì, brava!”
Nora geme forte nel microfono, le sue dita emettono un rumore liquido costante, Ste la sente avvicinarsi sempre di più all’apice. Spinge sull’acceleratore.
“Brava tesoro, così… dai… sei la MIA porca, Nora?”
“Sì, oh… sì, sono la tua porca Ste… oh… sì…”
“E allora fammi sentire come gode la MIA porca tesoro… dammi il tuo orgasmo, ora… dai!”
Nora aumenta il ritmo, vuole venire per lui, solo per lui, l’orgasmo è là, deve solo tendere la mano, la sua voce nelle orecchie, il gelo si scioglie di botto e Nora viene investita da un fortissimo orgasmo, come una enorme ondata, il suo corpo è percorso da brividi e calde scintille, gemiti e gemiti fuoriescono senza controllo dalle sue labbra, il caldo piacere si diffonde inesorabile su tutto il suo corpo. Nora si abbandona stravolta, sente dalle auricolari il bellissimo orgasmo di Ste e quel momento le si imprime nella memoria.
“Oh tesoro… questo è un orgasmo… questo è l’orgasmo che mi merito dalla MIA porca… bravissima tes”
“Oh, sei venuto anche tu… Ma non ho visto…”
“Dovevi solo chiedere tesoro, ma non lo hai fatto, peggio per te… devi imparare a essere più decisa… ma abbiamo tempo. Adesso lasciati stringere, piano” la voce di Ste, calda e profonda continua a colarle dentro. Nora sorride ad occhi chiusi. Rimangono in silenzio a godersi l’attimo.

— CONTINUA —

ste1_ok

Un pensiero su “E alla fine arriva Ste – Cap. 1 (Primavera)

  1. Pingback: E alla fine arriva Ste – Cap. 2 (Estate) – kinkynora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...