E alla fine arriva Ste – Cap. 3 (Autunno)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 2]

SETTEMBRE

La relazione con Simone prosegue, Nora sta bene con lui, si diverte e la fa sentire amata. Il suo carattere romantico è sempre un motivo di sorpresa per Nora che da tempo oramai aveva accantonato il romanticismo. Sempre più spesso passa le notti da lui e si risveglia nel suo letto, la sua casa è vicinissima all’ufficio, ci mette due fermate di autobus, durante la settimana è molto più semplice.

“Nora… c’è il tuo spazzolino vicino al mio”
“Sì… scusa ti disturba?” Nora si sta asciugando i capelli e guarda Simone un po’ imbambolata.
“No… non mi disturba affatto, anzi, mi piacciono molto i nostri spazzolini vicini. Guardali, come stanno bene, sembra proprio che non ci sia posto migliore per loro che stare vicini in quel bicchiere, non trovi?” Simone ha preso Nora sottobraccio e le sta mostrando il bicchiere con i due spazzolini come fosse la cosa più straordinaria di questo mondo. Nora lo guarda stupita dallo specchio.
“Non capisco cosa vuoi dirmi…”
“Eh lo so Nora, sei tanto intelligente e perspicace ma altre volte proprio ti fai governare dall’ingenuità” si volta e la guarda, le prende il viso fra le mani e la bacia teneramente.
“Ti sto chiedendo di venire a vivere con me Nora. Ti va?”
“Ah… ma… veramente?”
“Certo, disdici l’affitto e trasferisciti… mi sembra una scelta saggia, no?”
“Non credi sia troppo presto?” Nora è dubbiosa.
“Ma Nora… guarda quei due spazzolini là… avresti il cuore di separarli?” Simone tira fuori un labbruccio che fa subito ridere Nora di cuore.
“Ahahaha, e chi sono io per separarli?”

Nora sta finendo di impacchettare le sue poche cose. Durante la settimana che sarà via Simone penserà a effettuare il trasloco. – Mi devo complimentare con me stessa… davvero poche scatole fra abiti e effetti personali… Simone non avrà da fare tanti viaggi, solo i fumetti lo faranno faticare un po’, le scatole sono pesantucce… povero! – Il cellulare prende a suonare, la suoneria è quella personalizzata per Ste. Nora scatta in piedi e corre a rispondere.

“Ciao Ste!”
“Ciao tesoro… allora, sei pronta? Domani in partenza?”
“Sì, ho fatto tutto, preparato il bagaglio e appena finito di impacchettare le ultime cose per il trasloco”
“Certo che è un bel periodo pieno di emozioni eh? Trasloco col tuo bel Simone. Incontri il tuo Ste… ti senti un po’ tesa?”
“Eh, insomma… un po’ sì, tante novità, è proprio un settembre che riparte di slancio!”
“Già… Siamo pronti per incontrarci? Io sono molto curioso di vederti di persona tesoro. Ho proprio voglia di averti per me per quei due giorni. Non hai idea delle cose che ho in mente” la voce di Ste cala sensibilmente, diventa quasi un sussurro.
“Mmh… niente di troppo… forte?”
“Tesoro, mi conosci ormai… sai che non sono un sadico bastardo, ahahaha”
“Sì certo…” Nora ride nervosamente.
“Hey, tes, sono io, il tuo Ste… ci conosciamo da mesi, di cosa hai paura? Non devi avere paura di me, non farò niente contro la tua volontà, per chi mi hai preso? Voglio solo passare un po’ di tempo con te, che sia piacevole, per entrambi, ok?”
“Certo”
“Ci sentiamo per tel giovedì per gli ultimi accorgimenti. Rimandami l’indirizzo dell’hotel via messaggio… Ti stringo tesoro, a presto!”
“Ciao Ste a presto” Nora chiude la chiamata, il cuore le batte forte nel petto, non sa se per l’emozione o per la paura di incontrare il suo Ste.

L’appuntamento è per le 19 in un bar nei pressi dell’albergo. In realtà è un residence, Nora ha una stanza doppia con un cucinino che le ha permesso di gestirsi da sola con i pasti in questa settimana, cosa che la fa sentire più a suo agio, non le piace girare per locali da sola in una città che non conosce.
Ha il cuore in gola. Non riesce a bere il succo di ananas che ha davanti, ha la gola chiusa dall’ansia. – Sei una stupida, non ti è bastata quella pessima esperienza? Sì certo il “tuo Ste” è diverso… ma che ne sai?? Alzati, scappa via.. ora! – Nora si alza e fa per andarsene, per tornare al residence, mentalmente cercando una scusa per annullare questo incontro. Sente la suoneria del cell, la suoneria di Ste. Scivola sullo schermo con mano tremante.

“Ciao Ste…”
“Hey tu, dove credi di andare?… ti vedo sai?” Nora si volta in giro, non riesce a vederlo, ha un aria davvero spaurita in volto.
“D-dove sei? Non ti vedo…” i suoi occhi frugano le strade intorno, scrutano le macchine in cerca di un volto conosciuto.
“Tesoro… che succede? Ti vedo troppo agitata e preoccupata… Ci hai ripensato? Sono venuto felice fin qui, ma se vuoi che me ne vada, basta che me lo dici tes… dimmi cosa vuoi fare”
“Ma dove sei Ste? No, no… non ci ho ripensato” Nora continua a guardarsi in giro.
“È inutile che mi cerchi, io vedo te, tu non puoi vedere me… Se non ci hai ripensato allora siediti su quella sedia, non scotta… ” Nora si risiede, obbediente.
“Brava la mia Nora. Ora voglio che ti rilassi un po’ voglio che il tuo respiro si calmi, ti sento agitata tes. Non so cosa ti sta girando in quella testolina ma voglio la mia Nora, quella divertente e disinvolta, non voglio una Nora agitata e in ansia, ok?”
“Ok Ste” Nora tira un profondo sospiro, sente il cuore rallentare appena.
“Bene, adesso vai in bagno Nora, porta con te il cellulare, voglio che ti masturbi, voglio sentirti gemere piano. Masturbati per lasciare andare la tensione. Masturbati per me. Voglio trovarti pronta. Voglio avere la MIA Nora a quel tavolino…”
“Va bene Ste” Nora ha le cuffiette ben piantate nelle orecchie, si alza per andare in bagno
“Tes… ma lasci la borsa là? In un tavolino a bordo strada? La sicurezza… già sai…” Nora si volta a recuperare la borsa.
“Scusa, sono un po’ in confusione…” continua a camminare verso l’interno del locale e individuato il bagno si dirige verso le porte.
“Lo vedo tes… poi mi spieghi bene che cavolo hai, ma ora fai quello che ti ho detto”
Nora entra in bagno e chiude a chiave. Il respiro è ancora agitato. Appende la borsa e si siede sul water chiuso. La situazione non le piace. Non le piace il ricordo che la sua memoria le ripropone. L’ansia la assale di getto.
“Tes… che succede?”
“Ste… scusami… non riesco… ora, no… ora, così, no….”
“Esci da quel bagno. Torna al tavolino Nora”
Nora apre la porta e si butta fuori dal bagno. Il suo respiro non accenna a calmarsi. Sente la voglia irrefrenabile di piangere. Si china sul lavandino e si bagna il volto.
“Nora?… Nora?… Tesoro mi senti?…” la voce di Ste le arriva lontana ma è ancora al telefono, nelle sue orecchie.
“Sì ci sono… arrivo” si asciuga, esce dal bagno e si dirige verso il tavolino.
Si siede di nuovo sulla sedia recuperando ossigeno.
“Tutto ok Nora?” la voce preoccupata di Ste le arriva in stereo, confusa guarda davanti a sé e vede un uomo vestito di scuro scendere da una grossa moto, il casco è già sulla sella come se la stesse aspettando. Si dirige verso di lei con aria davvero preoccupata. Nora sente negli auricolari il suono della chiusura di chiamata. Fissa gli occhi di Ste. Le lacrime le sgorgano senza alcun freno dagli occhi.

Ste è rimasto pazientemente ad ascoltare tutta la storia di Abyss e dei suoi amici aguzzini, non ha voluto interrompere il racconto concitato e dettagliato di Nora che parla come un fiume in piena. Siede al suo fianco, piegato verso di lei e la ascolta, le tiene la mano, le carezza piano il braccio, nei momenti più cruenti la fronte si aggrotta, il volto si fa più scuro e le stringe più teneramente la mano. Quando Nora finisce di parlare si abbandona pesantemente sulla sedia, esausta. Ste si schiarisce la voce per prendere la parola dopo il racconto sconvolgente.

“Tesoro… Sono contento che mi hai raccontato tutto. Mi spiace davvero aver scatenato in te questo ricordo. E mi dispiace di più per quello che hai passato con quei… non so come definirli… sono solo dei maledetti bastardi Nora. Non hanno niente a che vedere con il BDSM quei tre, niente! Credimi tesoro…”
Continua ad accarezzarla teneramente, Nora sente la tensione abbandonarla piano. La voce di Ste a pochi centimetri da lei, i suoi occhi, il suo tocco caldo e tenue riescono a rilassarla dopo la tempesta di emozioni.
“Io sono veramente felice di averti vista Nora, ma mi basta solo che tu me lo dica e salgo su quella moto e torno a Modena. Non voglio che il nostro primo incontro sia per te un ricordo negativo… Dimmi tu cosa preferisci che io faccia. ” le sorride aspettando la sua risposta. Nora lo guarda negli occhi e non riesce a trovare nessuna minaccia in quell’uomo che la guarda così teneramente.
“Andiamo al residence Ste. Ora sono calma. Avevo bisogno di buttare fuori questa brutta storia, non ne avevo mai parlato con nessuno. Ora sto meglio e non voglio assolutamente che tu te ne vada” stringe la grande mano con le sue manine per sottolineare la voglia di averlo con sé.
“Bene, allora possiamo salutarci come si deve ora?” già vicino al suo volto Ste si sporge ulteriormente e appoggia le sue labbra su quelle di Nora. Le mani grandi di Ste prendono il volto di Nora a trattenerlo, Nora si lascia baciare e sente volare via la tensione di poco prima. Le labbra si schiudono, le lingue si toccano finalmente e si fondono in un bacio appassionato.
Ste si stacca per primo per guardare da vicino gli occhi scuri di Nora.
“Andiamo a fare un giro sui colli bolognesi col mio mostro tesoro?”
“Eh? Dici con quello?” Nora punta il dito verso la grande moto nera e acciaio.
“Sì, ti va?”
Nora scuote forte la testa.
“Ste scusami, non sono proprio un’amante delle due ruote, anzi mi terrorizzano proprio sono così instabili e mi sento così poco protetta e poi io non so proprio mantenere l’equilibrio e…”
“Tes, faccio finta di non aver sentito… È quello il residence?”
“Sì… la moto sta bene anche… parcheggiata qui…”
“Sì dai, andiamo” Ste abbraccia la sua Nora e si dirigono verso il residence.

Nora entra nella stanza seguita da Ste che la stringe subito a sé. Le sue braccia la avvolgono completamente. Lei cerca il suo viso, con il dito disegna il contorno del suo pizzetto, poi con un cerchio più piccolo segue il disegno delle sue labbra. Le mani di Ste le sollevano la maglia lasciandola in reggiseno, abbassa le coppe per scoprire il seno e afferrare i capezzoli, il tocco deciso fa sussultare Nora. Le bocche si cercano, si trovano mentre le mani continuano a togliere strati inutili di vestiti, si trovano pelle a pelle, i loro corpi caldi si toccano. Nora si inginocchia, poggia le mani sulle sue gambe e lo guarda, sa che deve aspettare. Ste la osserva, le carezza il viso e le stringe piano i capelli.
“È tuo tes… ti aspetta da tempo…” Nora prende il cazzo di Ste con una mano e comincia ad accarezzarlo piano, il suo viso lo sfiora, lo porta alla bocca e lo spinge piano dentro facendolo passare a forza fra le labbra strette. Ste geme piano.
“Guardami Nora… non togliere lo sguardo da me…” Nora obbedisce, continua a far scivolare il suo cazzo dentro e fuori dalla sua bocca e lo guarda negli occhi. La mano di Ste si afferra salda ma dolce ai suoi ricci, controllo senza aggressività, sente di essere vicino ma è troppo presto, esce da lei e si china a baciarla. La aiuta ad alzarsi accompagnandola verso il divano dove la fa distendere, le apre le gambe, si inginocchia in mezzo e si avventa con la bocca sulla sua figa aperta ed esposta. La lingua piatta lecca via gli umori, poi piano arriva a tormentare il clitoride con cerchi umidi e costanti. Nora si abbandona completamente, la testa si rilassa indietro ma Ste la richiama dolce.
“I tuoi occhi Nora! A me…” lei si riprende come svegliata di soprassalto e rivolge di nuovo lo sguardo a l’uomo che sta affondando la lingua nella sua fessura. Il ritmo incalza, Nora scivola piano verso l’orgasmo sente incontrollabili fremiti pervaderla, Ste la afferra forte per le gambe per trattenerla per sentirla venire nella sua bocca, l’orgasmo arriva possente e Ste si adopera per recuperare tutto il succo di quel suo primo orgasmo insieme.
Si posiziona su Nora per baciarla e lentamente entrare in lei, scivola dentro con facilità, si sente accolto come se lo aspettasse da tempo, si sente a casa. Si muove piano dentro di lei, la avvolge, la osserva socchiudere gli occhi e lasciarsi andare, le mani afferrano piano i capelli per tirare indietro la testa e i denti affondano nel lato del suo collo con possesso animale. Il ritmo aumenta, Nora geme e ansima, si afferra alla schiena di Ste.
“Guardami… tes… guardami!” Ste ringhia le parole, Nora obbedisce e si abbandona ai brividi dell’orgasmo. Ste esce da lei e viene sul suo ventre decorandolo con caldi fili bianchi.

Nora ha la faccia ficcata dentro il piccolo frigo, controlla cosa è rimasto della sua spesa.

“Ste ho dell’insalata e dei pomodori e delle melanzane. Ho anche del tonno, faccio una insalatona completa? Ti piacciono le verdure, vero?”
“Ehm… no, per niente tesoro… scusa ma proprio non riesco a mangiarle” Ste le risponde dal soggiorno.
“Ah.. allora posso fare una pasta… al… boh, ho del tonno, appunto… e…”
“Facciamo che chiamo questa piadineria con consegna a domicilio, ok tes?” Ste le mostra un volantino e il telefono è già al suo orecchio.
“Tu? Come la vuoi?”
“Boh, una vale l’altra… io mangio proprio tutto”
“Ok faccio io” Ste parla al tel per qualche minuto e ritorna da Nora che intanto si è accomodata sul divano, l’accappatoio mostra quasi l’inguine. Si siede al suo fianco.
“Arrivano per le 22.20… siamo l’ultima consegna ma insomma meglio tardi che mai, no?”
“Sì, non manca tanto dai…” Nora gli sorride. Ste slaccia la cintura dell’accappatoio di Nora. Lei fa un gesto automatico per trattenerne i lembi.
“Giù le mani! Questa è roba mia ora, lo sai?” la voce di Ste è seria ma il suo viso non trattiene un ghigno sarcastico. Nora lascia che l’accappatoio si apra, mostrandola nuda davanti a lui.
“Toglilo e sdraiati sul divano” ora il tono è asciutto e il viso è impassibile.
“Ma… Ste… non abbiamo tempo… per…”
“Zitta, fai quello che ti dico” Nora si sfila l’accappatoio appoggiandolo di lato. È completamente nuda.
“Sdraiati e allarga le gambe” Ste la guida, la posiziona, la fa adagiare sul divano. Sotto la testa posiziona un cuscino e l’accappatoio per tenerla sollevata. Le ripiega una gamba e la fa appoggiare allo schienale, l’altra gliela allarga e la lascia cadere fuori dal divano. Le fa infilare le mani sotto la schiena.
“Ti voglio così. Ferma. Immobile. E zitta. Sei la mia bambola di porcellana ora” Nora lo guarda e annuisce appena.
Si spoglia anche lui togliendo l’asciugamano dai fianchi. Si china appena su di lei. La sua mano sinistra va a cercare il suo clitoride ancora umido dalla doccia. Inizia a fare lenti e ampi cerchi. La mano destra va alla sua bocca, si infilano tre dita e aprono senza che Nora opponga resistenza.
“Brava piccola, così… ti voglio proprio così…” le sue dita continuano a circondare piano il clitoride. Nora cerca di trattenere il respiro.
Improvvisamente due dita entrano prepotenti dentro la figa, Nora ha un sussulto e chiude le gambe. Ste assesta uno schiaffo sonoro nell’interno coscia e riposiziona Nora.
“Ho detto ferma!” le dita rientrano dentro e cominciano a scoparla veloci, profonde. Intanto Ste ha sostituito le tre dita nella bocca con il suo cazzo.
“Fai attenzione a non mordermi, ok?” sul volto il ghigno è sempre più marcato. Comincia a muoversi dentro la bocca di Nora mentre l’altra mano ritorna a stimolare piano il clitoride. Nora sente il cazzo scivolarle in bocca e farsi sempre più turgido, la sua mano sul clitoride le da scosse di piacere ma non può muoversi, non può gemere, le sembra quasi di impazzire. – Non devo muovermi, non voglio deluderlo! – Ora le dita entrano di nuovo profondamente seguendo un ritmo pressante, affondano nella calda umidità di Nora che cerca in tutti i modi di trattenersi dall’urlare e dal gemere e dal spingere il suo bacino verso quelle dita. Il cazzo di Ste continua a entrare e uscire dalla sua bocca.
“Brava… che brava che sei Nora… che brava la mia porca… ” il tono soddisfatto di Ste, il suo sguardo di approvazione, la fanno crollare. Socchiude gli occhi appena.
“Sì… ora sì… fammi sentire come viene la mia porca… tes… vieni per… me… ” le due dita si piantano dentro, con il resto della mano la afferra saldamente e la scuote con forza, tutto il suo corpo è scosso dal forte orgasmo, Nora geme e urla mentre Ste le toglie il cazzo dalla bocca e viene sul suo seno.

OTTOBRE

La convivenza con Simone procede senza difficoltà, sembra che i due siano sempre stati insieme, sono molto a loro agio e non ci sono stati cambi drastici nelle loro abitudini.

“Oggi viene Francy a cena, ricordi?” Nora si sta ravvivando i corti ricci con le mani davanti allo specchio mentre Simone finisce di sistemare la barba.
“Oggi?” Simone abbassa il rasoio elettrico e la guarda con un po’ di delusione negli occhi.
“Sì, non ricordi? Ne abbiamo parlato ieri… Avevamo altri impegni?”
“Mmm… la mia Nora non è brava con le date eh… Oggi è un mese che viviamo insieme, volevo farti una sorpresa e portarti fuori, ieri non ho proprio sentito che me ne parlavi di questa cena con Francy” Simone stringe le labbra in una smorfia di rammarico.
“Oh no! Mi spiace! Non avevo tenuto il conto… scusami… chiamo Francy e disdico… ”
“No no assolutamente no, stiamo rimandando da un po’ questa cena. Facciamola stasera, io e te usciremo domani” Simone lascia un bacio sulle labbra di Nora.
“Ora scappo, buona giornata.”

Francy sta monopolizzando la serata, come prevedibile. È passata già da diversi argomenti, Nora sa che la tattica migliore e annuire senza dare troppi spazi per repliche. Ma Simone, pur essendo stato ragguagliato da Nora, non è ancora abbastanza abile, anzi riesce con dei piccoli commenti ad alimentare il fuoco della sua parlantina come vento nella prateria in fiamme.  Nora cerca di fargli delle occhiatacce ma Simone non coglie, forse preda dei capogiri che le chiacchiere di Francy spesso provocano in chi non la conosce.
“Che bel lavoro che fai Simone, Ingegnere ambientale, devi essere molto orientato verso la salvaguardia del pianeta e degli ecosistemi a livello globale e profondo, che grande scelta altruista e nobile, sono davvero contenta che Nora abbia trovato un bravo ragazzo come te, le ci voleva proprio! E poi sembrate proprio fatti l’uno per l’altra, dal primo istante che vi ho visti vicini ho percepito una forte aura positiva sprigionarsi dalla vostra unione, siete proprio un portento!”
“Ehm… grazie” Nora cerca di venire incontro al povero Simone che ormai balbetta. Da sotto il tavolo, toglie una scarpa e con il piede lo colpisce piano alla caviglia. Il tocco fa subito girare il volto di Simone che guarda Nora con speranza e con un sorriso malizioso. Nora risponde al sorriso e il suo piedino inizia a percorrere la gamba, sale piano fino al ginocchio e si infila deciso fra le sue gambe, appoggia il tallone sulla sedia e appoggia il piede sulla patta cominciando ad esercitare una leggera pressione con massaggi lenti. Francesca continua a parlare a ruota libera mentre Nora sente l’eccitazione di Simone aumentare inesorabile sotto il suo massaggio, i due non smettono un secondo di guardarsi, Nora si passa la lingua sulle labbra, Simone la fissa e respira profondamente.
“E poi vedete siete proprio un tutto l’uno per l’altra, si percepisce la sintonia che vi unisce e vi catalizza l’uno verso l’altra è davvero bello assistere a questo tipo di miracoli cosmici”
“Fra scusa, io e Simone adesso andiamo in cucina a preparare il dessert, tu magari hai voglia di scegliere un po’ di musica? I cd sono tutti là” Nora parla all’amica continuando a fissare il suo Simone. Si alza piano dal tavolo dando modo a Simone di voltarsi il tanto sufficiente per non far notare all’ospite la sua evidente erezione.
“Certamente, sai quanto mi piace scegliere la musica… volete qualcosa di romantico, o un qualcosa di più standard, una sorta di passepartout per una serata tranquilla, o magari del jazz?”
“Tutto tranne il jazz, lo sai Fra che non lo sopporto” Nora lancia le parole all’amica quando è già praticamente dentro la cucina, gliele lancia come si lancia un osso ad un cane, sa che ora Francesca avrà da parlare per almeno venti minuti e così infatti succede.
Nora si attacca con avidità alla bocca di Simone che la attende in cucina per abbracciarla e stringerla a sé, la sua erezione è esplosa e si frappone invadente fra i loro corpi. Nora si abbassa velocemente i pantaloni e abbassa quelli di lui, si gira e si china appoggiandosi al lavello, si inarca e sente Simone aderire a lei, avvolgerla con le sue braccia forti, il suo cazzo le scivola dentro e comincia a scoparla. La bocca di lui sulla sua spalla, le mani si infilano sotto la maglia a cercare e stringere i capezzoli, Nora inarca il collo per farsi mordere di più, i respiri trattenuti ma ansimanti, sentono entrambi l’urgenza di arrivare al termine e l’eccitazione data dalla situazione clandestina li aiuta. Lui spinge a fondo e veloce, sente la sua figa avvolgerlo e i piccoli spasmi che precedono di poco l’attimo dell’orgasmo. La afferra per i fianchi con le mani per trattenerla e scoparla più forte fino a che non viene dentro di lei trattenendo il suo gemito e quello di lei baciandola con passione. Escono uno dall’altra e si abbracciano.
“Buon primo mese di convivenza” Nora gli dice baciandolo sotto l’orecchio.
“Ti amo…” in un soffio le sussurra le parole nell’orecchio. Lei lo abbraccia e affonda il viso nel suo petto.
“Dobbiamo preparare il dessert!”
“Tranquillo, è già prontissimo… Ma prossima cena con Francy, fra un anno, ok?”
“Ci sto!”

NOVEMBRE

È una splendida mattina, Novembre è iniziato da pochi giorni. Nora è in attesa dell’autobus. Ha nella borsa il tramezzino preparato da Simone questa mattina e Novembre è il suo mese, lo adora, le piace scivolare piano verso l’inverno, il fresco, l’odore della pioggia, gli alberi che si spogliano, la natura che si addormenta piano.
Con il sorriso sulle labbra e la sua musica preferita nelle orecchie sente la suoneria del cellulare, è quella di Ste. Risponde con un enorme sorriso

“Buongiorno! Ci siamo già salutati oggi, come mai mi chiami? Che bella sorpresa Ste”
“Nora… devo dirti una cosa…” la voce di Ste è piatta, non sembra presagire niente di buono. Nora si fa seria mentre sale sull’autobus.
“Che succede?”
“La mia compagna Nora, questa mattina mi ha presentato… hmm… gli esiti di un test di gravidanza. A giugno sarò padre…” Nora sente un brivido lungo la schiena. Le parole si bloccano, non sa cosa rispondere.
“Lo so tes, è una bella doccia fredda… Proprio ora che pensavo di dare una svolta… Ora tutto cambia. Non mi sento più di intraprendere quella strada, non riesco proprio, non ora…”
“Certo…”
“Non cambia niente fra te e me… Se tu vuoi andare avanti proseguiamo. Certo non so quanto potremo vederci ancora tes, non credo spesso… non credo a breve… sicuramente non dopo la… nascita…”
“Va bene Ste… io ora sono arrivata… ci sentiamo più tardi ok?” Nora taglia corto, vuole chiudere la chiamata il prima possibile sente che la voce le sta venendo meno.
“A dopo tes…”
L’autobus sta ancora viaggiando. Nora fissa fuori, il cielo si è oscurato improvvisamente. Fini gocce di pioggia cominciano a rigare i grandi vetri.

— CONTINUA? —

ste3

Un pensiero su “E alla fine arriva Ste – Cap. 3 (Autunno)

  1. Pingback: E alla fine arriva Ste – Cap. 4 (Inverno) | Noras Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...