Ste & Nora – Circles (Cap. 3)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 2]

“Tes, ti ho lasciato senza parole? Mi sembra una situazione familiare” Le dice ridendo e asciugandole il volto. “Mi sembra di essere in una delle nostre chiamate Skype dove parlo solo io per riempire tutti i tuoi lunghi e imbarazzati silenzi” Le prende il volto fra le mani e la guarda negli occhi. Lei continua a sorridergli beata.
“Che bella sorpresa Ste… Una sorpresa incredibile! E tu sai quanto mi piacciono le sorprese… Mi hai lasciata davvero senza parole. Avrei mille domande da farti… .”
“Fammele Tes… .”
“Ma sono tutte domande senza importanza. La cosa più importante ora è che io e te ci chiudiamo nel villino… Perché non vedo l’ora di sentirti addosso Ste…”
Lui si china e recupera il cell e le poche cose di Nora, prende la sua borsa e si rialza. Prende Nora per mano e si incammina con lei verso lo spiazzo del parcheggio. “Quanto ci vuole a tornare al villino?”
“Cinque minuti di macchina, sta lassù nella montagna” E gli mostra la montagna incasellata di villette che assomiglia tanto ad un alveare. Arrivano alla macchina.
“Allora ti seguo con il quad?”
“Con il che??”
“Con quello Tes…”
“Ah, che carino Ste! Quello non sembra far paura come le due ruote che ti piacciono tanto…”
Si fermano vicino alla macchina. Lui la stringe forte a sè e la bacia, lentamente. I loro corpi sono stretti, Nora si stacca un attimo da lui per dirgli con un sorriso birichino
“Ti sento già pronto Ste… .”
“Beh, non è stato facile guidare con la tua voce e il tuo orgasmo nell’auricolare, piccola… Anzi, avevo proprio voglia di farti fare il bis, perchè so che non sei una che si ferma al primo”
“Quando mai mi sono fermata al primo?” Gli dice sorridendo.
“Già… E pensavo anche che questo splendido posto meriterebbe un bel pompino… no?”
Lo sguardo di Nora si fa serio e l’espressione sorridente lascia spazio a sincera preoccupazione.
“Stai tranquilla Tes… Lo rimandiamo a quando ci sarà meno pubblico. Dai, corriamo a questo villino che non vedo l’ora di averti nuda tutta per me” Mentre lei si volta le assesta una sonora pacca sulla natica. Lei gli sorride e salta in macchina.

La segue, senza tallonarla troppo, preoccupato che l’eccitazione e il nervosismo la rendano incauta alla guida.
Sente tutta l’eccitazione pulsargli tra le gambe, ma cerca di non pensarci, non vuole rovinarsi il divertimento dopo. Lei mette la freccia, si ferma. Lui si guarda intorno, sembra tutto deserto, ma posteggia sulla via comunque, incastrando il casco sotto la sella.
Lei è intenta a recuperare la borsa e chissà cos’altro, quasi affannata, le sorride, le toglie di mano alcune cose.
“Apri la porta e infiliamoci nella tana del Bianconiglio, Alice…”
Dal sorriso capisce che anche a lei il verbo “infilare” ha fatto venire in mente altro, ma non lo dice, trova le chiavi e apre.

Lui entra, chiude delicatamente la porta dietro di se e prima di rendersene conto si trova premuto contro, mentre lei lo bacia. Ridendo apre le labbra, e il loro bacio diventa un moulinex di lingue.
Uno schiocco sulle labbra per porre fine all’istante, ma lei ricomincia.
Gliene stampa un altro, ridendo le dice “Basta ora, dai… dammi un secondo”
Sorride al broncio sul suo viso, si guarda intorno appoggiando il trolley in ingresso e guardandola malizioso le dice ”Mi sa che tra il mio aereo e la tua spiaggia ci serve una doccia… è grande abbastanza?”
“La doccia è grande sì… ci stiamo Ste… ci stiamo entrambi… .” gli dice togliendogli la maglietta. Veloci le sue mani vanno ai pantaloni, sbottonano la cinghia e i bottoni. Si inginocchia per liberarlo dai jeans mentre lui si scalza velocemente le scarpe. Nora lo guarda, è in ginocchio davanti a lui. Gli accarezza le gambe e arriva al suo cazzo. Sfiora la sottile stoffa che lo ricopre.
Le sue mani si avvicinano ai capelli glieli sfiora. – Oh Nora… mia dolce Nora – Sorride dolcemente a quegli occhi che fingendosi timorosi si alzano verso di lui, luccicanti di voglia.
“Forza tes, vediamo se sei porca solo col tuo corpo o se ti sai dare da fare anche sul mio…”
Lei sfrega il volto contro il suo cazzo, ne segue il profilo con le labbra attraverso la stoffa. Con le mani lo accarezza e sente la tensione arrivare al massimo.
“Posso liberarlo Ste? Mi sembra che non ne possa più di stare rinchiuso… E io ho bisogno di salutarlo come si deve, dopo tanto tempo…”
La sua voce lo riporta a questa dimensione, riapre gli occhi, abbassa il viso verso di lei.
“È tuo, tes… ho bisogno che ti prendi cura di me… placa la mia sete di te…”
La sua mano le accarezza la guancia mentre parla, quando vede il luccichio nei suoi occhi e come si prepara a tuffarsi, le stringe i capelli, senza tirare, ma afferrandola saldamente.
Nora sente la presa salda, riconosce il suo Ste, ora più che mai sa che è là con lei, è vero. Abbassa lo slip e libera il suo cazzo. Lo accarezza, è come se lo vedesse per la prima volta. La mano lo avvolge, lo stringe gentilmente. Lo avvicina alla bocca e lo lecca con delicatezza… Non sperava più di poterlo avere di nuovo per sé. La lingua segue le curve del glande. Lo studia lentamente, lo bagna e infila in bocca quella cappella lucida. Sente Ste mugolare. Alza lo sguardo e non vede i suoi occhi. Si ferma un attimo e quell’attimo basta per attirare la sua attenzione. Allora felice riprende… guardandolo negli occhi.
È in estasi, forse troppo, ma non riesce a controllarsi. Lei è lì, è sua, lo accoglie.
Cerca di riprendersi, ma quando apre gli occhi trova i suoi, vi legge tutta la sua dedizione e la sente riprendere con nuovo vigore.
“Scusa tes, ma ho veramente bisogno che mi porti oltre, ORA… non era così che l’avevo immaginato ma ti prego… fammi venire…”
La sua voce, il suo corpo, tutto di lui è a portata di mano, Nora è in uno stato di pura esaltazione. Riprende a succhiare il cazzo del suo Ste. Poggia le sue mani dietro le sue cosce e spinge leggermente verso di sé… un piccolo suggerimento, un gesto impercettibile. Ma lui coglie immediatamente e asseconda la sua voglia. Le sue grandi mani la tengono delicatamente per i capelli e comincia a scoparle la bocca, lentamente. Lei sta ferma e accoglie il suo cazzo che entra sempre di più nella sua bocca. Sente di essere vicinissima… Geme…
Esce un po’, non vuole spingerglielo in gola, vuole sentire le sue labbra intorno al glande. “Stringi un po” le sussurra.
Si prende il suo tempo, affondando lento mentre lei obbediente socchiude le labbra.
“Dai porca, infilati due dita dentro, lo so che ne hai bisogno…”
Sorride, ma è più un ghigno, a vederla obbedire solerte, morde le labbra, ma ormai è troppo.
“Accoglimi… tesoro…”
Si inarca, mentre la mano dai capelli scivola dietro al suo collo stringendo appena e lascia esplodere tutta la sua passione tra le labbra socchiuse della regina dei suoi sogni proibiti.
Nora sente i fiotti caldi schizzarle dentro la bocca, li accoglie e inghiottisce avidamente. Si tiene ai polsi di Ste e viene, l’orgasmo è forte e la fa tremare di piacere. Lui si inginocchia di fronte a lei, con lei. La abbraccia, la stringe, le bacia il volto e la bocca. Il suo calore la pervade.
“Tesoro mio, quanto, troppo tempo… Mi sei mancata così tanto”
“Anche tu” Gli risponde con un filo di voce, ricambiando i suoi baci.


“Doccia, tes, così poi ci buttiamo sul letto per qualche ora… ” si alza, sorridente, pronto ad allungare una manata su quel bel culo non appena lei, istintivamente, si volta per spogliarsi.
“Come ti permetti di nasconderti ai miei occhi?” Il tono duro la fa sobbalzare più dello schiaffo, si volta, ma trova un volto sorridente che già la rassicura.
“Scusami… . scusa” abbassa gli occhi, ma sorride, e continua a spogliarsi davanti a lui.
“Ferma così!” Lei sa che significa: bloccarsi. All’istante. E rimane congelata, le mani dietro alla schiena cercando il gancetto. Lui le gira intorno, le sposta le braccia, e sente il suo cazzo morbido appoggiarsi al culo, mentre lui glielo allarga appena, senza neanche toglierle gli slip.
Lui si appoggia contro, aderisce a lei, e chiude le mani a coppa intorno al seno, strizzandolo sotto quel reggiseno che non ha fatto in tempo a togliere, mentre succhia avidamente la pelle del suo collo. Ma poi lo sente staccarsi e un fragoroso schiaffo sul culo quasi le strappa un urlo, oltre a lasciarle un segno – E questo è ancora niente, tes… – gongola tra sé.
“In doccia, dai! Portiamoci quello sgabellino, cosi mi siedo sotto il getto. Mi lavi tu?”
Nora prende lo sgabello e gli fa strada, massaggiandosi leggermente la natica che le brucia da morire. – Avevo dimenticato che ha la mano pesante il mio Ste – E i ricordi le fanno quasi arrossire anche il viso.

– CONTINUA –

Un pensiero su “Ste & Nora – Circles (Cap. 3)

  1. Pingback: Ste & Nora – Circles (Cap. 4) | Nora's Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...