Ste & Nora – Circles (Cap. 4)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 3]

“Beh, è davvero grande questa doccia tesoro…” Ste è nudo, Nora si sveste velocemente dei due pezzi di costume che aveva ancora addosso. Lui la osserva mentre si spoglia, registra mentalmente ogni pezzo del suo corpo. Nora sistema lo sgabello dentro la doccia e apre l’acqua verificando con la mano la temperatura. Fa cenno con al suo Ste che può accomodarsi. Lui si siede e il getto di acqua lo ricopre. Nora si posiziona dietro di lui e comincia a lavargli i capelli, entrambi sentono di non aver bisogno di parlare, si sente solo lo scroscio dell’acqua. Gli insapona la schiena e il petto, abbracciandolo, la schiuma scivola per tutto il suo corpo. Ste le afferra entrambe le braccia e si volta a guardarla. Nora risponde al suo sguardo con preoccupazione. – No ti prego… non il gioco del getto di acqua in faccia, quello no… – Ma Ste la guarda pacifico e desideroso. Si alza, la fa appoggiare al muro e lascia che il getto di acqua la colpisca sul petto. La insapona con cura, le lava i capelli. Stacca la doccetta dal supporto.
“Tesoro, stai tranquilla… voglio solo risciacquarti per bene” Le sorride rassicurante. Passa il getto di acqua su tutto il suo corpo. Si sofferma sul pube e inizia a indirizzare il getto verso la sua figa.
“Apri bene, con le mani” le dice con tono basso e ruvido. Lei obbedisce. Adesso il getto irrora la figa aperta di Nora, le labbra, il clitoride, una pioggia tiepida, un massaggio multiplo e costante le stimola le parti più sensibili. Ste le afferra piano i capelli e la costringe a tirare indietro la testa perché la possa guardare bene negli occhi, avvicina di più la doccetta, il getto si fa più potente Nora comincia ad ansimare, il piacere è sempre più insostenibile “Fammi vedere come gode la mia porca… Fammelo vedere Nora… Voglio vedere e sentire la mia porca che gode” Le sue parole, il suo sguardo sono la goccia in più che la fa tracimare. Geme forte e tenta di chiudere gli occhi ma il suo Ste stringe la presa
“Guardami!” trema tutto il suo corpo e viene guardandolo negli occhi, come lui vuole. Ste lascia cadere la doccetta e va a stringerla.
“Questo è stato forte, eh tes? Hai fatto fatica a tenere gli occhi aperti…” le sussurra nell’orecchio
“Sì, davvero forte… .”
“E lo sappiamo io e te che dopo uno così forte… . ”
“Basta niente… che arrivi il successivo… altrettanto forte” Nora completa la frase fra gli ansimi.
Ste le morde leggermente il collo mentre le stringe i seni e le tormenta i capezzoli già duri. Le morde i seni e piano piano si inginocchia davanti a lei.

“Apri le gambe” Lei obbedisce. Le sue mani le afferrano le cosce nello stesso istante in cui la sua bocca si apre sulla sua figa. Nora non riesce a trattenere un urlo, di sorpresa e di piacere. Infila le mani fra i suoi capelli bagnati, a trattenere la sua testa proprio là dove si trova, ma sa che il suo Ste non si sposterà facilmente dalla sua figa. Sente la sua lingua tormentarle il clitoride, le labbra di lui succhiano le labbra di lei, la lingua si infila dentro la figa, come un assetato Non si stacca da lei, vuole berla tutta, vuole bere la sua troia fino all’ultima goccia. Guarda in alto, non trova gli occhi della sua Nora e con la bocca nella sua figa ringhia ferocemente. Lei rivolge immediatamente il suo sguardo a lui, sa che deve mantenere sempre gli occhi nei suoi, ma il piacere è troppo grande deve fare uno sforzo enorme per non perdere il controllo. Lo guarda mentre le divora la figa
“Oh Ste… oh… oh Ste mmmmhhh” Urla, ormai Nora urla e non trattiene più gli spasmi di questo orgasmo e spinge la sua figa contro la sua bocca che insaziabile continua a leccarla e a succhiarla.

Appena la sente collassare, aspira avido il suo nettare, spostando di poco la testa, le sorride con gli occhi prima di chiuderli per ubriacarsi di quel sapore, inebriarsi del suo odore e del suo abbandono. Labbra appena appoggiate alla carne morbida, la sua lingua che lenta percorre lieve, asciuga e accarezza senza stuzzicare, per lasciare che si riprenda. Si alza e la stringe forte a sé, le sue braccia la accolgono, la avvolgono. Mani dietro la schiena ad accarezzare la pelle bagnata
“Stai tremando… usciamo da qui”
La precede, avvolgendola in un asciugamano soffice, abbracciandola ancora.
“Grazie tes” le bisbiglia ”Grazie  di esistere”
Si asciuga veloce, guardandola con un sorriso stampato in faccia
“Devo indossare qualcosa in particolare, Ste? hai portato qualche… .attrezzo?”
“Puoi indossare solo una cosa …” Non sopporta la lunghezza che sta raggiungendo quel silenzio.
“Cosa?” gli chiede.
“Me!”
Nora scoppia a ridere e lo abbraccia poi si allontana
“Andiamo a stenderci un po’ che dici?” è già sulla porta e gli tende la mano. Ste rimane fermo, pensieroso.
“Un rasoio e della schiuma da barba?” Chiede guardandosi in giro. Nora lo guarda perplessa.
“Ma… stai già pensando alla barba di domattina? La tua barba è perfetta Ste”
“Non è per me tesoro… hai bisogno di una sistemata, capisco che non aspettassi ospiti ma sei alquanto… pungente, te lo posso assicurare” Nora diventa paonazza
“Ah… sì certo… in effetti avrei dovuto verificare stamattina ma… sono partita molto presto… contavo di farlo più tard… .”
“Tes… tranquilla, non voleva essere un rimprovero” con un sorriso corre a tranquillizzarla, le accarezza le braccia.
“In quel mobiletto vicino al lavandino, dovrebbe esserci tutto, ci metto un attimo…” Lui la ferma.
“No tes, voglio pensarci io” Afferra una piccola bacinella e la riempie per metà di acqua tiepida
“Metti due asciugamani sul letto e stenditi sopra, lascia le gambe fuori dal letto. Io sto arrivando” Prende un piccolo asciugamano e lo imbeve di acqua tiepida, lo strizza per bene, recupera la schiuma da barba e il rasoio e si dirige dalla sua Nora.

La trova sul letto, come richiesto. Appoggia la bacinella per terra e si inginocchia fra le sue gambe. Bagna l’inguine, il pube e le labbra con un po’ di acqua. Prende una noce di schiuma da barba e la insapona per bene. Comincia a passare il rasoio, lo ripulisce ad ogni passata con l’acqua tiepida. Piano piano libera tutto il pube dalla schiuma. Con delicatezza tiene tese le grandi labbra e comincia a passare il rasoio per rimuovere la schiuma.
“Che bello Ste, nessuno mi aveva mai… .”
“Shhhh non adesso tes” si ferma e la guarda serio “Sto facendo un lavoro molto delicato. Fra un po’ parliamo, va bene?” Lei gli fa cenno di sì con la testa.
Ripassa per bene il rasoio lungo l’inguine. Scosta le grandi labbra e con molta attenzione passa la lama a rimuovere le ultime tracce di schiuma. Ora ha rimosso tutta la schiuma. Prende il piccolo asciugamano umido e tampona tutta la zona per rimuovere ogni residuo, la asciuga per bene con un asciugamano pulito, alla fine accarezza la pelle asciutta e liscia. Rimane un attimo ad ammirare con orgoglio quella bellissima figa. Si avvicina e lascia un bacio delicato sul monte di Venere.
“Ecco tesoro, ora sei perfetta”
“Grazie Ste! Servizio impeccabile!” Gli dice sorridendo, appoggiandosi sui gomiti si sistema più su, in mezzo al letto.
Lui si infila fra le sue gambe e si appoggia sul suo seno. Le mani di lei corrono subito ad accarezzargli i capelli e la nuca.

“Casa” bisbiglia affondando la testa tra i suoi seni accoglienti. Socchiude gli occhi, abbandonandosi al lento cullare del ritmico alzarsi del suo petto.
“Mi sei mancata”, bisbiglia. Volutamente le sue labbra sono a contatto con il suo capezzolo, ogni parola corrisponde ad aria soffiata e labbra che sfiorano.
La guarda da lì, dal suo seno, vede negli occhi la stessa luce che probabilmente hanno i suoi.
Inizia a succhiare, lento, si sposta un po’ per far aderire alla gamba il suo cazzo, che piano inizia a svegliarsi.
La sente mugugnare, un suono a metà tra “non smettere” e “basta ti prego”, ma la sua mente è già occupata ad allontanare l’eccesso di tenerezza che potrebbe risucchiarli e finge di non sentirla.
Passa all’altro capezzolo mentre infila una mano tra i loro corpi per spalancarle le gambe e si inginocchia tra le sue cosce.
Aspira avidamente i capezzoli, alternando, guardandoli arrossarsi. Una sua mano rincorre quelle di Nora, la guida al suo cazzo, e lei capisce al volo, ed è pronta a essere di nuovo la sua porca. Stringe il cazzo tra quelle dita sottili, lo guida verso la sua fessura ben lisciata, e inizia a masturbarsi, passandolo sul clitoride, sentendolo pulsare e crescere, mentre lei inizia a bagnarsi.
Sente una mano di lui armeggiare, ma sa che non deve smettere e prima che sia riuscita a domandarsi cosa vuole fare, sente un dito infilarsi nella figa, uscire, e scivolare dritto dentro al suo culo, facendola sobbalzare.
“Chiedi” le dice. La voce è dura, l’ordine è secco. Spinge la sua mano per penetrarle a fondo il culo, vuole farla sentire presa. Tiene gli occhi su quei capezzoli ormai rossi e duri, volutamente.
Trattiene un gemito a sentirlo spingere così forte, riconosce il tono, sa non ci sono i suoi occhi a cercarla ora.
Le prime volte la lasciava sgomenta, questo suo cambio repentino, lo trovava quasi umiliante, ma ora ha imparato ad apprezzare, a desiderare questi momenti.
“Usami, Ste…  fammi essere la tua troia ancora una volta… ” le piace, sentirlo pulsare di riflesso tra le sue dita, morde le labbra a sentire il dito muoversi a fondo, più veloce.
“Scopami…  usami…  voglio il tuo cazzo…  ti prego…  dammi il tuo cazzo… ”
Il ghigno che ha sul viso dimostra solo in parte, quanto lui sia consapevole dell’effetto che averla portata a parlare così ha sul piacere che le farà provare.
“Voltati, a quattro zampe…  continua a parlare e forse lo meriterai… ”
Le da uno schiaffo al culo mentre si volta. Questi sono i momenti in cui vorrebbe sdoppiarsi e scoparle la bocca mentre la chiava da dietro…
Le spinge la testa giù, lei obbediente si accascia sul cuscino, culo e figa in alto, esposti.
Un altro colpo sull’altra natica, e subito dopo due dita entrano nella sua figa arrivando in fondo in un unico movimento. Sorride a vederla sobbalzare per il dolore misto al brivido del piacere.
Un’altra manata, e le dita si iniziano a muovere.
“Lo sai che ti voglio più bagnata…  masturbati, porca, renditi accettabile per il mio cazzo…”
Non gli serve guardare dita che volano al clitoride, ormai la conosce, si alza e appoggia il suo cazzo gonfio, per tutta la sua lunghezza, tra figa e culo strusciandosi così, certo che lei ne sente il gonfiore.
Lei spinge leggermente il bacino contro di lui per sentirlo meglio. Si muove lentamente su e giù, le mani di lui le allargano le natiche per farlo aderire meglio. Continua a masturbarsi per lui, perché la sua figa possa accoglierlo al meglio.
“Che brava troia che sei… guardati, sei quasi perfetta” Lui la osserva mentre si dona a lui, si struscia vogliosa contro il suo cazzo. Decide di darle quello che merita. Il suo cazzo entra in un solo colpo nella sua figa. Nora si solleva di scatto, sorpresa da quel colpo improvviso e profondo. Lui la trattiene per le anche con le sue mani, non le permette di muoversi. “Stai ferma!” Lei obbedisce, lo sente pulsare dentro o forse è la sua figa che pulsa… non riesce più a distinguere. Lentamente esce da lei, Nora sente la pressione del suo cazzo abbandonarla per un attimo e poi di nuovo dentro con un colpo secco, le mani la trattengono con presa salda. Nora si sente posseduta, catturata dalle sue mani e penetrata a fondo, il respiro le viene meno, la testa gira, riesce a malapena a sostenersi con le braccia sotto quelle spinte. Sente il ritmo aumentare, le spinte profonde, sembra che Ste le voglia far sentire la forza con la quale la desiderava da tempo.
“Oh … Steee!!!” Nora geme e viene, si accascia esausta sul letto ma il suo Ste non smette di scoparla, il ritmo è sostenuto ma le da il modo di riprendersi mentre la guarda tremare per il forte orgasmo. Si avvicina a lei, la stringe e le sibila le parole nell’orecchio.
“Che bello vederti godere tes… .”  Le toglie il cazzo dalla figa umida. Infila un braccio sotto il bacino e la tira su e indietro, le ginocchia piegate sotto di le. Nora è completamente abbandonata, la potenza dell’orgasmo l’ha svuotata di ogni energia.
“Povero il mio tesoro, sei esausta, oggi ti sto proprio facendo fare gli straordinari…” Ste la guarda con tenerezza, ma la voglia è ancora tanta, accarezza il culo di Nora con una mano mentre con l’altra prepara il suo cazzo. Affonda due dita nel culo di Nora che geme appena. “Un ultimo sforzo tes… voglio svuotarmi dentro il tuo culo…” Le dita entrano ed escono con facilità. Ste appoggia la punta del suo cazzo e spinge appena, sente cedere immediatamente. Nora spinge leggermente indietro il bacino per accoglierlo e aiutarlo nella penetrazione. Entra per metà e lo tira fuori per poi rientrare lento quasi fino alla base. Sente Nora gemere di piacere.
“La mia porca adora essere scopata così, lo so…” Ora il suo cazzo è tutto dentro il suo culo e comincia a scoparla lentamente, la tira a sé afferrandola ai fianchi, chiude gli occhi e lascia andare la testa all’indietro
“Oh tesoro… il tuo culo… è bellissimo scoparlo… ” Non riesce più a contenere il ritmo, la scopa sempre più  forte, colpi violenti e veloci, la sente gemere e fra i gemiti percepisce poche parole
“Riempimi… sono tua… . vieni tesoro mio… .” Ste geme e le viene dentro e si abbandona addosso a lei, la abbraccia, la accarezza
“Mmmhhh… la mia Nora… .”
Rotola sul fianco, esausto.
“Vieni qui…  sul mio petto, tes… ”
Lei si accoccola, sorridente e restano così, persi nella dolce sensazione di una ritrovata intimità.

“Forse dovremmo alzarci… ” la sua voce lo ridesta. – Azz, mi sono appisolato –
“Certo…  come no. Anzi, ho anche fame… ” guarda l’orologio ”beh, sono le 13.10 ti credo!”
“Io però…  non ho fatto spesa ancora… ho solo un po’ di verdura… ” lo guarda consapevole che lui la verdura non la può soffrire.
“No no…  andiamo a mangiare un boccone in centro, ci beviamo una cosa…  che ne dici? Quasi come una coppia normale…“ Il sorriso di lei è una risposta sufficiente, si alza nudo per andare a lavarsi.
”E poi così provi il quad… ” dice distrattamente, evitando accuratamente di voltarsi.
— CONTINUA —

Un pensiero su “Ste & Nora – Circles (Cap. 4)

  1. Pingback: Ste & Nora – Circles (Cap. 5) | Nora's Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...