Ste & Nora – Circles (Cap. 5)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 4]

È sicura che lui ci abbia messo impegno ad andare piano…  quasi sicura. Ma nonostante la stabilità offerta dalle 4 ruote, la sensazione di non avere una carrozzeria attorno e il casco le hanno comunque fatto paura…  poco male, lui ha sorriso quando si è avvinghiata e la sua battuta sul “doppio airbag posteriore” ha fatto sorridere entrambi.
“Dove andiamo, tes? Dimmelo tu…  che conosci il posto…  magari  evitiamo quelli dove ti potrebbero riconoscere”
Lei riflette un po’, tutto sommato grata che lui ci abbia pensato, non viene spesso qui, ma molti la conoscono e non vuole che girino voci su di lei – chissà chi era la vecchia di questa mattina –
“Gira qui…   vai avanti…  c’è un posto sulla scogliera… piccolo, ma carino…  lassù, lo vedi?”
Lui guarda nello specchietto e prende la strada sterrata… ”Tieniti, tes”, dice un momento prima di dare gas.

Il patio in legno è stupendo, una vista mozzafiato, il tavolo è sul retro, abbastanza isolato in un angolo, controlla se gli sono arrivate le risposte ai messaggi e quando lei arriva, bellissima, le dice “Ora vado io… ordini tu? Se non è verdura per me va bene… e una birra, grande chiara…  dopo lo sforzo fisico, ci vuole” Sorride malizioso, entra nel locale.
Lei si guarda intorno, la brezza è piacevole, rende la temperatura perfetta. Studia un po’ lo scarno menù, sperando che abbia interpretato bene la parola Mangiare qualcosa e che lui non si aspettasse un ristorante. La figura che di colpo entra nel suo campo visivo la coglie di soprassalto.
Alza gli occhi: giovane avrà 10 anni meno di lei, abbronzato, camicia aperta, ray ban in mano e alto…  molto alto.
“Scusi ma… ”
“Tranquilla, Nora. Ci vuole un attimo ma lasciami parlare”
Il tono fermo e sentirsi chiamare per nome da uno sconosciuto la zittiscono di colpo. Sente l’ansia crescerle dentro, mentre guarda la porta sperando di vedere Ste tornare.
“Occhi a me, Nora. Sarò breve…  Io non ho niente contro chi va in giro per il mondo a scopare, sono molto aperto e non credo nella fedeltà…  ma…  voglio la mia parte…  visto sei stata così poco furba da scegliere un posto dove ti conoscono.”
Mentre le parla sta sbloccando il cellulare, prima di riuscire a parlare si trova a fissare foto di se stessa in spiaggia.
“Ma… come?…”
“Ovviamente non col telefono, sono un paparazzo, ero in vacanza ma con gli arnesi del mestiere…  mi piace fotografare uccelli quando sono in vacanza…  e che trovo oggi? Una passera…  ho un bel teleobiettivo, vero?”

Lei è incredula, fissa una serie inequivocabile di scatti che mostrano la sua masturbazione in spiaggia… cuffiette all’orecchio…
“Passiamo alle cose belle? Faccio veloce, non ti voglio annoiare… ”
Geme, nel vedere se stessa inarcata a bocca aperta, e subito dopo con un cazzo che le è familiare piantato nel culo.
“Allora, porca, ti piace farti chiamare così vero? E’ stato un gioco da ragazzi, neanche avete tirato le tende. Sul mercato tu e lui non valete niente e io sono in vacanza. Voglio solo divertirmi. Io sarò in quel capanno di legno dove tengono gli attrezzi, dietro me, lo vedi? Non sono molto paziente. Ti do una decina di minuti per decidere se la SD con gli scatti vale mezz’ora con me lì…  o se la tua vita quando sei a casa non vale la pena. TI divertirai, vedrai…  ho visto come sei fatta… Ho visto cosa ti piace…”
Alza gli occhi ma lui si è già voltato per andare via.  Passa vicino alla porta nel momento in cui Ste sbuca fuori, e vede il suo sorriso diventare stupore e ansia quando la trova con gli occhi umidi e spaventati.


“Tesoro, che succede?” Ste è seriamente preoccupato. Nora non riesce a spiegarsi, non sa come spiegargli quanto ha appreso da quell’uomo. Non sa se vuole raccontarglielo. Piano piano però riesce a fare mente locale, si calma e i pensieri sono meno caotici.
“Ste… devo risolvere una cosa. Dopo te ne parlerò nei dettagli. Adesso mi devo spostare solo per qualche minuto”
“Tesoro, niente segreti, niente bugie… è la regola di base, lo sai. Inoltre mi stai davvero preoccupando…”
“Lo so, sto solo posticipando un momento. Dammi solo qualche minuto, va bene?”
“Va bene” Ste ha uno sguardo contrariato, non le piace questo comportamento così misterioso.
Nora si alza e va verso il capanno. Apre la porta. Sa che Ste la sta guardando ma non vuole voltarsi.
“Ah! sei stata molto veloce, molto meno di dieci minuti, forse il tuo amico là non ti ha soddisfatto per bene stamattina… ”
“Senta, ho pensato che potrei fare una chiamata ai carabinieri per capire se le foto che lei mi ha fatto mentre ero in un appartamento privato rappresentano un illecito o meno…”
“Oh-ooohh… la gattina tira fuori le unghie?? Comunque possiamo darci de tu…” Il sorriso del giovane è un po’ tirato, sembra aver accusato il colpo e soprattutto si è reso conto che Nora ora è molto più tranquilla di qualche minuto fa.
“In realtà non credo lo farò… Non penso sarà necessario, vero?”
“Beh… ti ho proposto un patto… ”
“Un patto? direi più un ricatto… Chiamiamo le cose con il loro nome”
“Quanto sei precisina”
“Facciamo così, mi dai ora quella SD” Nora tende la mano, sicura. Il giovane la guarda incredulo
“Davvero? E finisce tutto qui?”
“Non ho detto questo, ma mi serve che tu mi dia, ora, quella SD. Poi possiamo continuare a parlare. Potrei comunque farti una controproposta…” Il tono di Nora è volutamente sornione e vellutato. La sua mano è ancora tesa verso di lui. Con sguardo a metà fra il divertito e l’incredulo il ragazzo poggia la SD sulla manina di Nora. Le dita si serrano e la SD finisce nella tasca dei pantaloni di Nora.
“Mi devo chiaramente fidare che siano tutte qui e che tu non ne abbia altre copie, giusto?”
“Eh già…”
“Va bene. Ora tornerò al mio tavolo. Non farò menzione del tuo tentativo di ricatto. Consumerò il mio pranzo con il mio amico. Gli parlerò di te come di una vecchia conoscenza. Se ti va bene, potrai raggiungerci dopopranzo, l’indirizzo credo tu lo conosca già. Io non farò niente con te, da sola. Sono abbastanza sicura che io e il mio amico troveremo il modo di inserirti in una delle nostre… ehm… sessioni…”
Il giovane la osserva con curiosità.
“Sei più porca di quanto immaginassi. Ma se il tuo tipo si scazzasse e non volesse saperne?” Nora in effetti non ha pensato alla possibilità che Ste si possa rifiutare.
“Beh… in quel caso, che penso sia remoto, vedremo che fare. Intanto diamoci appuntamento per le 16.30, va bene?”
“Va benissimo! Sono proprio curioso di vedere come si evolverà questa storia. A dopo.” La saluta con un grande sorriso, apre la porta ed esce.
Nora esce subito dopo di lui e vede quello che non avrebbe voluto vedere, il suo Ste che la guarda con sguardo severo subito dopo aver distolto lo sguardo dal giovane che se ne va dal patio.
Si siede al tavolo con un sorriso imbarazzato. “Sì, ti devo spiegare qualcosa”
“Già… e spero sia qualcosa di plausibile e accettabile Nora. Perché non mi è piaciuto per niente quello che ho visto.” Il tono di Ste le fa gelare il sangue. Arriva il cameriere con i diversi antipasti di mare e terra ordinati da Nora.
“Spero ti piaccia quello che ho scelto… Io ho una fame…” gli sorride Nora con vocina sottile e vezzosa.
“Nora non mi piace quando cerchi di cambiare discorso. Voglio una spiegazione!” Ste scandisce le parole e appoggia la mano sul tavolo. Fissa Nora con sguardo duro e accigliato.
“Il ragazzo che hai visto è un vecchio conoscente, abitante del luogo… Non ci vediamo da tempo e mi ha chiesto di seguirlo in quel capanno per… per…” Nora inizia a balbettare, non si è preparata nessuna storia plausibile.
“Nora… Finiscila…” Ste visibilmente spazientito si avvicina con tutto il corpo a lei e le soffia in faccia “Voglio la verità, non mi dire cazzate, hai capito?! La VERITÀ NORA!” I suoi occhi la trapassano, non sono gli occhi del suo Ste, non li hai mai visti tanto scuri e irati. Nora tira un respiro profondo.
“Mi ha avvicinata prima, quando tu eri in bagno. È un paparazzo di professione, mi ha fatto delle foto in spiaggia mentre mi stavo masturbando. Ci ha seguiti fino al villino e ci ha fatto altre foto. Me le ha fatte vedere dal cellulare. Mi ha chiesto di andare con lui nel capanno e in cambio mi avrebbe dato le foto”
Ste ascolta con attenzione, lo sguardo è sempre duro “Ci sei rimasta troppo poco in quel capanno, cosa vi siete detti?”
“Mi sono fatta dare la SD Ste. Guarda!” Nora gli mostra la SD con un pizzico di orgoglio negli occhi.
Ste la guarda con sconsolata rassegnazione “Ma davvero sei così ingenua da credere che non abbia delle copie? Se vuole rovinarti, se vuole rovinarci, non si sarebbe portato dietro l’unica copia di quelle foto. E poi per cosa te le avrebbe date? Cosa gli hai offerto in cambio? O gli hai fatto la voce grossa, Nora?” Ora il tono è spietatamente sarcastico. Nora comincia a vacillare.
“Gli ho detto di avvicinarsi più tardi al villino… pensavo a… ”
“A cosa? A cosa pensavi Nora?” La incalza e si avvicina ancora di più a lei.
Nora inghiottisce la saliva… si sente in trappola “Gli ho proposto una threesome Ste”

Ste la guarda e non parla. Il suo silenzio la stordisce, forse più della reazione rude che non si sarebbe mai aspettata da lui.
Lui sblocca il cellulare, messaggia. Nora guarda i piatti – E intanto…  ancora non si mangia…-  ma in realtà l’appetito è ben che passato.
Lei è in silenzio, sguardo basso, mani sul grembo, inconsciamente ha assunto la posa da slave che attende il castigo, per quanto il luogo e la sedia lo permettano. Lo vede sogghignare, non capisce…  ma evita di cercare il suo sguardo.
“Perché hai preso l’iniziativa senza parlarmene? Questo voglio sapere. E non sto entrando nel merito dell’iniziativa, di quello parliamo dopo”.
Il suo tono è gelido, secco ma controllato, il volume è tale che solo loro possano udire la conversazione e lui si atteggia come se le stesse chiedendo se le piace il cibo.
“Io…  è successo tutto così…  non sapevo come…  non… ”
“TU, ancora una volta, hai fatto di testa tua. Da sola. E allora IO che ci sto a fare qui?”
Il colpo va a segno, come un dardo rovente che si pianta nella sua carne, la sua confusione cresce e le fa venir voglia di piangere e scappare.
“Bene. allora pranziamo e poi mi dirai cos’altro devo fare…mia Padrona!”
Il sarcasmo è peggio di un pugno, lei si ricorda di aver letto da qualche parte.
“Senti, a me  lo scoglio non fa impazzire, ti spiace se mi spazzolo prosciutto e formaggi?”
Il tono ora è quasi giocoso, non sembra possibile, ma lei ormai è avvezza ai repentini cambi d’umore. Pensava fosse bipolare, all’inizio, poi lui le ha spiegato che ne ha trecentoquarantasette di personalità! – ma tanto ho deciso comunque di scoparmele tutte le tue personalità… e ormai sono a buon punto –
“Quindi, sentiamo, dovrei fare sesso con te e con questo estraneo perché hai avuto questo lampo di genio per toglierti dai guai… Chi ti dice che io ne abbia voglia?” Nora addenta un pezzo di polpo e lo guarda pensierosa.
“Se n’è parlato in passato… Non mi sembravi contrario a priori, anzi”
“Beh, una cosa è parlarne, un’altra è trovarsi di punto in bianco davanti alla situazione, organizzata da altri per di più…” Nora abbassa la testa – Cazzo Nora, è stata proprio una pessima idea –
“Ma no dai…  sto scherzando…  scusa, tes. In fondo è anche colpa mia…  in spiaggia mi stavi solo obbedendo, ti ho forzato anche un po’ la mano… e come amanti siamo stati decisamente ingenui…  neanche abbiamo tirato le tende… ”
“E quindi? che si fa Ste? Gli ho dato appuntamento al villino alle 16:30…”
“Intanto diamo fondo a questi piatti allora…  avremo bisogno di energia, mi sa… ” le strizza l’occhio nascosto dietro la sua birra.

Nora e Ste escono dal locale. Nora si sente rinfrancata, aveva proprio bisogno di mangiare qualcosa e il suo Ste è riuscito comunque a farla ridere, nonostante il pasticcio che ha combinato.
“Ma Ste… questo Quad… dopo mangiato, non mi farà male, posso camminare un po’ eh… così per digerire, se taglio da quella stradina arrivo subitissimo!”
“Smettila tes, salta su!” le intima Ste, cercando di nascondere il suo sorriso divertito.
In pochi minuti sono di nuovo al villino. Sono le 15:50, Nora guarda nervosa l’orologio. Si siedono sul divano. Nora si stringe a lui, cerca di farsi piccola mentre si accoccola al suo fianco.
“Sono un po’ preoccupata, non è stata proprio una buona idea, vero?” Nora lo guarda con un po’ di apprensione negli occhi, si tormenta le mani. Ste le risponde serio. “Non lo so tesoro. Hai voluto fare tutto da sola, te l’ho detto… Se ne avessi parlato subito con me avremmo deciso insieme, per il meglio.” Le prende una mano e se la porta alla bocca, la bacia piano. “Diciamo che questa persona… Non sai chi sia. Potrebbe essere un pazzo, non puoi scendere a compromessi con una persona che non conosci Nora, lo sai. La sicurezza prima di tutto, La sicurezza è fondamentale, te l’ho sempre detto, hai esperienze passate che te lo devono ricordare.” Le carezza la guancia passandole il pollice nel piccolo solco della cicatrice sul labbro superiore. Nora ha un sussulto ripensando a come se l’è fatta.
“È vero… sono stata davvero incauta.” Lo sguardo di Nora si fa più preoccupato.
“E però, possiamo dire che questa volta ti è andata proprio bene… Sei caduta, è vero, ma sei caduta sul morbido tes” Il cambiamento di tono la sbalordisce. Alza gli occhi e lo vede sorridere. Suonano alla porta. Nora scatta in piedi.
“Oddio, è già lui! È troppo presto!”
“Vai ad aprire su…” Ste la incoraggia con un sorriso.
— CONTINUA —

Un pensiero su “Ste & Nora – Circles (Cap. 5)

  1. Pingback: Ste & Nora – Circles (Cap. 6) | Nora's Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...