Ste & Nora – Circles (Cap. 6)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 5]

Nora va alla porta, il cuore le scoppia in gola. Apre e trova il giovane dall’altra parte. Alle sue spalle sente la voce di Ste che l’ha raggiunta.
“Ciao Marco, vieni avanti. Nora la conosci già, vero?” Nora assiste alla scena con la bocca spalancata.
“Ciao Ste! Piacere Nora, non te la prendere con me, l’idea è stata tutta sua” Le porge la mano sorridendo. Nora stringe la sua mano in automatico, non riesce a dire niente.
Ste la guarda sorridendo nervosamente, attende una sua reazione che tarda ad arrivare “Tesoro, non prenderla così dai, adesso ti spiego tutto…”
Nora è incredula, passa con gli occhi da un Ste che borbotta qualcosa sull’averla voluta mettere alla prova, lasciando che alla fine fosse lei a decidere di realizzare questo vecchio argomento di discussione e il nuovo arrivato che la sta guardando tra il divertito e il deliziato, scrutando le sue forme senza alcun pudore.
Decide di reagire, si volta verso Marco e lo tira a se, baciandolo per un lungo istante quasi avvinghiandosi a lui per poi godersi la faccia di Ste quando si stacca e si volta verso di lui.
“Poi parleremo meglio della modalità con cui mi hai fatto arrivare a questo punto…  ma intanto siamo in ballo… Balliamo, no?” dice maliziosa, giocando con i bottoni dei pantaloni di Marco, conscia di provocare reazioni contrastanti nel suo Ste.

Nora comincia ad accarezzare la patta del giovane, sempre lanciando uno sguardo di tanto in tanto a Ste.
“Beh Marco, quindi avete voluto farmi prendere un bello spavento…”
“In realtà ha organizzato tutto lui” si schernisce il ragazzo guardando sorridendo la manina di Nora.
“Certo però tu sei complice… Quanti anni hai?”
“Ne ho appena compiuti ventotto”

“Ah, sei proprio giovane e… alto!” Nora inizia a sbottonargli la camicia.
“Quanto sei alto?”
“193 cm cara”
“Mmmm… Sono proprio taaanti cm… e che belle spalle larghe…” dice Nora con fare civettuolo togliendogli la camicia e accarezzandogli il petto e le spalle.
Nora guarda il giovane, è proprio carino. Lui le sfila la canotta e scopre con stupore che Nora è senza reggiseno. Comincia a strizzare i capezzoli. Si avvicina alla sua bocca…
“Non siamo qui per fare i romantici… Niente baci, amico mio” Ste si è avvicinato, è dietro Nora. La sua voce è seria ma Nora dentro sé non può non sorridere di soddisfazione.
Ste le sussurra all’orecchio “Continua così tesoro, ignora le mie mani…”
Nora ha sbottonato i pantaloni del giovane, infila la mano e tira fuori il suo cazzo già abbastanza turgido. Ste infila una mano nei pantaloni di Nora, cerca la sua figa, due dita trovano il clitoride e iniziano a tormentarlo dolcemente. L’altra mano si chiude sul collo di lei, senza stringere quasi come un collare, le bacia il collo e le sussurra all’orecchio
“Giusto per ricordarti che sei la MIA porca, anche quando fai la porca con altri…”
Nora sente Ste dietro sé, sente il suo cazzo che si appoggia e chiede attenzioni. Con una mano inizia a masturbare il cazzo del giovane, con l’altra va dietro a liberare quello del suo Ste. Li tiene entrambi e li masturba, era da tanto che sognava di poter fare questo, due uomini, uno dei quali il suo Ste, che la scopano e che la usano. Ste continua a baciarle il collo, il giovane le tormenta i capezzoli, i loro due cazzi sono ormai turgidi, pronti. Nora si inginocchia davanti a loro e li guarda sorridente continuando a masturbarli. Ste non può non notare la sua contentezza
“Tesoro, un sogno che si avvera eh?”
Nora inizia a baciare a turno i due cazzi che ha davanti, li lecca felice, sente ancora quella mano sul collo, leggera, ma presente e ferma. Inizia a succhiare il cazzo di Ste, succhia la cappella e ci gioca con la lingua, poi passa al cazzo di Marco, lo tiene in mano e succhia la punta con movimenti veloci. Il giovane sembra gradire molto, la testa buttata indietro in estasi. Nora spinge a fondo nella sua gola il cazzo del giovane e lo sente gemere forte. Torna su quello di Ste, lo lecca dalla base e una volta arrivata alla punta lo infila tutto in bocca, Ste non le toglie gli occhi dai suoi neanche per un istante.
“Vieni, mettiti sul divano, a quattro zampe.” Nora obbedisce, Ste si mette davanti a lei, una gamba piegata sul divano e una dritta fuori.
“Amico, ti lascio libero di scoparla come ti pare, ma la bocca è mia” Marco non risponde neanche, fa un gesto con il pollice in su e si china a leccare il culo e la figa di Nora che sono là a sua disposizione. Ste, infila il cazzo nella bocca di Nora con un colpo secco che quasi la fa trasalire e comincia a scoparla lentamente. – Oh…  così… così mi piace… è fantastico tutto questo! – Nora si lascia usare, si abbandona completamente perché i suoi due amanti possano trarre il maggior piacere dal suo corpo. Il giovane intanto inizia a scoparle la figa. I suoi colpi secchi spingono Nora verso il cazzo di Ste che ha smesso di scoparla, sfrutta passivamente i colpi del compare perché il suo cazzo scenda nella gola di Nora senza che lui si muova. Nora geme è in preda agli spasmi di un orgasmo fortissimo, Ste toglie il cazzo dalla sua bocca e la lascia urlare, le piace sentirla godere. Si china per guardala in faccia, le prende il volto fra le mani
“Che brava porca che sei… la mia porca, Nora, sei la mia porca!” Marco dietro si ferma per spostare il cazzo dalla figa al culo, entra lentamente, la tira a sé per i fianchi e ficca dentro tutto il suo cazzo facendola gemere di nuovo. Comincia a pompare forte, Ste rimette il suo cazzo nella bocca di Nora.
“Guardati Nora, come nella più frequente delle tue fantasie di porca… Un cazzo in culo e uno in bocca… Due cazzi che ti usano come una troia… guardati, cazzo!” Bastano le sue parole per farla venire di nuovo. Il giovane dietro è sul punto di venire
“Ti vengo dentro il culo… cazzo!!” Ste la incita
“Scopa quel cazzo Nora… fallo venire, fatti riempire il culo, troia, dai!” Nora obbedisce e comincia a scopare il giovane, forte, con colpi secchi e violenti lo sente venirle dentro e gemere di piacere
“Cazzo… fantastico…” Ste intanto ha tolto il cazzo dalla bocca di Nora, si sta masturbando “Avvicinati, avvicinati… porca, quanto sei porca… ti voglio venire in faccia… .” Nora si accuccia paziente davanti al suo cazzo, la bocca aperta e la lingua in fuori, un paio di colpi ed ecco che i fiotti caldi del suo sperma le colpiscono il viso, qualcuno arriva dentro la bocca, fra i capelli e sente il suo Ste godere, gemere e sospirare.

“Mmmm…  bel lavoro di squadra…  ora però…  pulisci per bene” Ste avvicina il cazzo alle sue labbra, e lei inizia a pulirlo, coglie appena un gesto della sua mano, e subito sente Marco accucciarsi e leccarle la figa gocciolante.
Ste le tira bruscamente i capelli, lei è costretta ad alzare la testa e si ritrova la sua lingua in bocca, vorace. Sente la mano arrivarle alle tette che ballonzolano e stringere rudi, è il momento di essere la sua inerte bambola di carne, posseduta, usata e le piace saperlo… le loro lingue danzano veloci, ma anche quella di Marco non è da meno, nonostante la giornata impegnativa, Nora sente già salire un brivido.
Ma Ste fa scendere l’intensità, trasforma il turbinare di lingue in un bacio, e la mano scivola sulla sua pelle, arrivando ad accarezzarle il viso, si stacca con un bacio sonoro, e le dice
“Mi sa ci vuole un’altra doccia… ”
Come per un tacito accordo, Marco si stacca da Nora e recupera i suoi vestiti. Lei  si alza, sorride a Ste e gli dice civettuola
“Ti aspetto di là…  Ciao Marco, grazie… ” e si allontana, conscia dello sguardo di entrambi sul suo culo.

Ste si infila nella doccia, Nora è già dentro da qualche minuto.
“Hey! che fine avevi fatto?” gli chiede sorridendo.
“Stavo salutando Marco”
“Mmmm… è stato proprio un pensiero carino organizzare questa cosa Ste… sapendo da quanto la sognavo. Oggi mi vuoi proprio far scoppiare il cuore per le troppe sorprese!” Lui la bacia sul sorriso. Comincia a stringerla in maniera inequivocabile. Nora si stacca appena e lo guarda seria.
“Ste… non staremo esagerando? ci troveranno morti uno dentro l’altra!”
“Forse hai ragione… Finiamo questa doccia e riposiamo un po’. Ci serve davvero”

La sensazione di quella pelle morbida contro la sua, per non parlare delle curve sensuali, è stupenda. Il leggero lenzuolo che li copre crea una sensazione di protezione e intimità. Stesi sul fianco, uno di fronte all’altra. Nora posa una mano sul suo petto. Lui posa la sua sui suoi fianchi e la avvicina a sé, la stringe. Scivolano nel sonno, esausti e felici ma soprattutto, insieme.
— CONTINUA —

Un pensiero su “Ste & Nora – Circles (Cap. 6)

  1. Pingback: Ste & Nora – Circles (Cap. 7) | Nora's Erotica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...