Ste & Nora – Circles (Cap. 8)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 7]

“Sai che pizza e birra non è una cattiva idea Ste?” Nora sta guidando, parla quasi fra sé e parcheggia vicino alla pizzeria d’asporto.
“Tu cosa vuoi?” Tira il freno a mano e si volta verso Ste perché non sente risposte e lo vede addormentato sul sedile.
“Oh cavolo, il mio tesoro è stanchissimo… Va bene, tu mi aspetti qui allora, faccio io, speriamo di azzeccare qualcosa che ti piaccia” Sorride, gli lascia un bacio leggero sullo zigomo ed esce.
Nora è in piedi di fronte al listino delle pizze – mmm… niente pesce… niente verdure… ahi Ste, quanti limiti! Speriamo gli vada bene una diavola… magari non gli piace il piccante…  uff-
“Hey!! guarda chi si rivede!! NORA!!” Nora si volta di scatto.
“Oh… Claudia… ciao! Incredibile trovarti qui…” Lascia due baci poco convinti sulle guance della sua ex migliore amica.
“Incredibile? Lo sai che ci vivo dieci mesi all’anno qui! Ti presento la mia ragazza, Laura, forse non vi siete mai conosciute” Nora stringe la mano ossuta di una ragazza lunga ed esile, di vitalità vicina allo zero, vitalità evidenziata anche dalla debolissima stretta di mano.
“Certo che ti trovo bene No’ guarda che bel visino disteso che hai, sei rilassatissima, sembri appena uscita da una giornata di sesso sfrenato AHAHHHAAH!!” Nora aveva dimenticato quanto può essere fastidiosa e rumorosa la risata di Caludia, risponde con un sorriso tirato.
“Se solo non ti conoscessi abbastanza bene da sapere che sei una specie di suora mancata, vero Nora?!! Cosa mi racconti di bello?” Nora non ha voglia di fare conversazione, cerca di tagliare corto come può.
“Ma…  sono qui solo fino a domani. Adesso prendo due…  una… due pizze e torno a casa di mia zia” – Accidenti, cazzo, merda! non ho voglia di parlarle di Ste…  non mi va…  cazzo, ma non posso… lo vedrà quando salgo in macchina – Il disagio comincia a montare e Nora sa che se c’è una cosa che Claudia sa fiutare e stanare è il disagio nelle persone… e quanto le piace sguazzarci!
“Ma mi stai nascondendo qualcosa No’??” Le chiede con tono malizioso.
“Ma no… Sono qui con un… amico, è in macchina che mi aspetta” Claudia si volta verso la macchina con occhi stralunati
“Non mi dire che hai trovato qualcuno che ti si scopa No’?! Non ci posso credere!! Ahahahah!! Voglio proprio sapere chi è questo fortunato uomo!”
“È un amico… smettila… non sei divertente” Nora taglia di netto il discorso, entra nel locale seguita dalle due donne e ordina due pizze e due birre – Cazzo, non ci sono altre pizzerie in paese, dovrò attendere con la simpaticissima e il suo scheletrino personale… che palle, cazzo! Merda! Merda! MERDAAA! –
“Gliele preparo subito signorina!” – Ah, meno male, almeno questa piccola fortuna, cazzo!-
“Non c’è bisogno di fare il muso… Stavo scherzando dai…” La voce di Claudia scende di qualche tono e diventa più vellutata. Nora conosce quel tono, sa che è il preludio ai suoi interrogatori morbosi, ma ormai è lontana anni luce da quei momenti in cui era quasi soggiogata dalla sua personalità così invadente.
Nora fissa il forno e il fuoco dentro di esso, scoppiettante e luminoso, passerebbe ore a guardare un fuoco che arde, ci si perderebbe proprio dentro quelle sfumature di rosso e giallo e bianco.
“Non sto facendo il muso, solo che non mi va di parlarne in generale e soprattutto non mi va di parlarne con TE e qui… Non ci vediamo da quanto? Dieci anni? Non puoi pretendere certe confidenze, visto anche il modo come ci siamo lasciate dieci anni fa. E inoltre in tutti questi anni credi davvero che io sia rimasta la stessa? Mi auguro che anche tu abbia avuto modo di cambiare e migliorarti… anche se a primo acchito non posso proprio dire di vederti molto diversa da come ti ho lasciata” Nora sente di aver colpito un punto vivo, vede Claudia cambiare espressione e farsi seria.
“Beh, certo che si cambia Nora, hai ragione… Scusami, non volevo farti innervosire” Nora la guarda con sospetto, sa quanto può essere manipolatrice, ma non vuole neanche giudicarla frettolosamente – Forse anche lei è cambiata… lo spero almeno –
“È il tuo fidanzato quello in macchina Nora?” Nora la guarda, le sembra di scorgere una sana curiosità nei suoi occhi, niente di morboso.
“No… è un amico, non ci vediamo spesso… non di persona”  Aspetta di vedere una reazione, un cambio di espressione, ma con suo stupore non vede arrivare niente.
“Capisco. Non voglio estorcerti informazioni che non vuoi darmi spontaneamente Nora…”
“Signorina le sue pizze sono pronte!” Nora balza alla cassa come avesse trovato la via d’uscita da un labirinto.
“Beh, Claudia, mi ha fatto piacere rivederti…” Le suona falsissima come frase, ma non riesce a mettere insieme niente di carino da dirle. Stringe di nuovo la manina ossuta dello scheletrino muto.
“Anche a me Nora, magari riusciamo a rivederci ogni tanto, anche con i vecchi amici? Sono in contatto con molti di loro… Se ti va, ti lascio il mio numero?”
“Ah, ok… dammi pure il numero, magari… non so…”

Nora sistema le pizze nel portabagagli e lo chiude con una forza eccessiva. Si siede sul sedile e vede Ste che, svegliato di soprassalto dal rumore, la guarda con espressione sorpresa
“Tesoro… mi sono addormentato?”
Non gli risponde e mette in moto.
“Che c’è? “ la guarda, preoccupato. Sarà anche rimbambito dal brusco risveglio ma lei è palesemente fuori fase, anche se la vede lottare per controllarsi.
“No… niente…”
“Non ci provare neppure, tes” la voce è sorridente, ma il tono è fermo.
“Sei palesemente fuori di te, quindi, prenditela calma, respira a fondo finché arriviamo a casa, e poi mi racconti tutto”.
Si preoccupa un po’ vedendo l’auto imbarcarsi nelle curve che portano al villino, ma si sforza di non aggrapparsi alla maniglia. Nella sua testa formula varie ipotesi su cosa possa averla trasformata in quei pochi minuti in cui si è appisolato.
Per smorzare la tensione, appena arrivati in casa, apre i cartoni delle pizze.
“Che hai preso di buono? Mmm…  hanno un profumo…”
Nora sta palesemente sforzandosi di sembrare calma, ma c’è qualcosa in lei che non lo convince, e non ha intenzione di lasciarle far finta sia tutto ok, vuole sentire che c’è e tentare di risolverla. Insieme.
“Non sapevo cosa prenderti Ste… stavi dormendo, non volevo proprio svegliarti e i tuoi gusti li conosco così poco. Non ho preso verdure perché so che proprio non ti piacciono, anche se in questa pizzeria fanno una pizza melanzane e parmigiano spettacolare; non ho preso mare perché mi hai detto oggi a pranzo che non ti va, non sapevo se intendessi anche i frutti di mare quindi non ho voluto rischiare. Spero ti vada bene una diavola, salame piccante, non so davvero se il piccante lo mangi o meno non ne abbiamo mai parlato. Altrimenti possiamo fare cambio c’è la mia margherita, la margherita, la pizza per eccellenza dai non ci credo che non ti piace! Per me non è un problema, lo sai che mangio di tutto! Poi per la birra avevano solo quella locale, ma ti è piaciuta a pranzo è la stessa solo che a pranzo ce l’hanno data alla spina, questa è in bottiglia, forse ha un leggero retrogusto amarognolo ma non è male”
Nora parla a raffica mentre sta sistemando le posate e i bicchieri sulla tavola, le capita quando si sforza di sembrare tranquilla ma dentro ha una tempesta di emozioni da governare. Cerca di non guardare Ste, parla e si muove rivolgendo forzatamente lo sguardo altrove. Ste è appoggiato alla cucina a gas, la osserva paziente, attende che finisca il suo monologo sulle pizze e sulle birre, le si avvicina da dietro e le prende le braccia. La sente irrigidirsi. Una reazione che non si aspettava davvero. La accarezza e le lascia un bacio leggero fra collo e spalle. La sente rilassarsi un poco.
“Adesso mi vuoi dire cosa hai?” Glielo sussurra quasi all’orecchio mentre la abbraccia piano e continua ad accarezzarla.
Nora si lascia coccolare, sente la tempesta dentro placarsi piano, il calore dell’abbraccio di Ste si irradia fino a dentro, nel profondo. Le parole le escono lievi, senza sforzo
“Ho incontrato una vecchia amica in pizzeria, anzi, era proprio la mia migliore amica. Parliamo di tanti anni fa Ste, un periodo lontano, un’altra Nora proprio. Sono cambiata tantissimo da allora” Ste continua ad accarezzarla e a lasciarle lievi baci sul collo mentre lei parla sottovoce.
“Mi ha un po’ infastidito ripensare a quel periodo, per certi versi è stato un bellissimo periodo, cazzo, i vent’anni Ste, che leggerezza, che spensieratezza. Ma anche tante cose che vorresti dimenticare, che fai volentieri a meno di riportare alla mente…” Si rigira fra le braccia di Ste, per guardarlo negli occhi. Lui la guarda e le sorride, un silenzioso invito a continuare.
“Io mi fidavo completamente di lei, ormai lo sai bene come sono fatta, mi fido facilmente delle persone ma lei la conoscevo da tanto, eravamo affiatatissime, sempre insieme e quasi in simbiosi, la nostra amicizia per me era qualcosa di sacro e inviolabile. Le confessai di avere una cotta per un ragazzo del nostro gruppo di amicizie e sapevo per certo che anche lui nutriva un interesse per me. Qualche giorno dopo venne a dirmi che ci aveva trombato per vedere come era, e mi disse che non era il tipo per me, troppo focoso ed esigente… che me lo avrebbe trovato lei quello giusto” Ste alza un sopracciglio con espressione stupita.
“Già, fu allora che capii che voleva controllare tutto ciò che mi riguardava. Mi resi conto che fino ad allora ero stata la sua bambolina personale, mi diceva come vestirmi, come comportarmi, chi frequentare e chi no. Mi manipolava in continuazione e solo quando me ne resi conto sentii quanto la cosa fosse malata e morbosa. Mi ricordo che non volli vederla più, le urlai le cose peggiori e da allora iniziai a fare davvero quello che volevo, forse ebbi una reazione eccessiva.” Nora abbassa lo sguardo e la voce
“Mi scopai quel ragazzo che mi piaceva, divenne il mio ragazzo e poi convivente per tanti anni, ma poi quando stavo con lui mi scopai anche molti altri del nostro gruppo di amicizie… e di altri gruppi di amicizie, e sconosciuti dopo che ci lasciammo senza mai fermarmi con nessuno, non volevo più relazioni fino a… Simone almeno. Insomma, quel litigio fu l’inizio di quel periodo di libertinaggio sfrenato che ti raccontai quando ci siamo conosciuti.”
“Quel periodo che ti ha portato a rischiare tanto, Nora?” Le chiede Ste sollevandole il viso e costringendola a guardarlo. Il pollice torna a sfiorare piano la cicatrice sul labbro superiore di Nora.
“Gia… proprio quello”
“Ma quel periodo ormai è superato e risolto, non è vero Nora?”
“Sì Ste… mi ha solo innervosito ripensare a lei e a quei momenti. Nessun ripensamento” Glielo dice con un sorriso sincero sulle labbra. E con quelle labbra gli stampa un bacio sulle sue, cercando di concludere il discorso.
“Allora, ti piace o no questa diavola, che nel frattempo sarà diventata una diavola di ghiaccio?!”
“Beh…  conosco tanti modi per riscaldarla…  e non parlo solo del forno, anche se iniziamo da quello…  o c’è il microonde? prepari tu, io torno subito?”
Le schiocca un bacio sulle labbra, stringendola, a lungo, fino a che la sente rilassarsi.
Si alza e va dritto verso il bagno, lasciandola incuriosita e dandole al contempo modo di riprendersi dalle emozioni.
Trova molto presto quello che cercava; bagna l’asciugamano ospite e si porta dietro quello grande, posizionandolo sul divano, vicino al bracciolo. Poi la raggiunge in cucina.
Si siedono e mangiano, Nora evita di fare domande su quell’asciugamano e lui finge di non notare gli sguardi di lei che cercano di vedere se c’è altro li vicino.
“Buona questa birra” le dice per distrarla, sapendo di aver dato il via a una conversazione sulle tipicità locali, sorridendo al fervore con cui lei ne parla. Continua a riempirle il bicchiere, e a incitarla a mangiare, anche se lui visibilmente rallenta e lei se ne accorge.
“Ma, non ti piace?” fa lei preoccupata
“No no, è ottima tes…  solo che l’altra metà voglio mangiartela addosso” Il tono della voce è cambiato e lo sguardo intenso dritto negli occhi provoca eco strane e conosciute dentro lei, che si sente arrossire.
“Oh… ”
“Già…  quindi finisci la tua, che poi ti faccio scoprire qualcosa di nuovo.”
Tenta di chiacchierare un po’, ma lei è concentrata ora, finisce diligentemente di mangiare guardandolo ogni tanto da sotto in su.
Lui intanto fa a pezzettini quello che rimane della sua, avendo cura di mangiarsi il salame piccante con la crosta, e butta giù una sorsata di birra mettendola a scaldare di nuovo.
Lei ha finito,lo guarda…  lui le da la mano, la fa alzare, la bacia mettendole una mano dietro alla schiena, inizia a muoversi lento come ballando.
”Era buona tes? ora ti spogli…  completamente…  l’asciugamano che hai visto è per te, non vorrei lasciare tracce di pomodoro in giro…  ti piazzi seduta con la schiena tra bracciolo e schienale…  una gamba piegata, appoggiata allo schienale, l’altra la lasci cadere…  non distenderti troppo, hai appena mangiato… ”
Arrossisce, nonostante tutto ciò che già c’è stato, ancora conserva una sorta di pudore. Va al divano, si spoglia, si mette come richiesto.
“Collega il cell alla tv, tes e metti su un porno…  uno dei tuoi…” le dice dalla cucina, mentre tasta la pizza per accertarsi non sia troppo calda e tira fuori dal frigo un’altra birra ghiacciata.
Lei arrossisce, guarda inconsciamente le tende per vedere se sono chiuse, e questo le riporta in mente il presunto paparazzo e il piacevole intermezzo che ne è seguito.
— CONTINUA —

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...