Ste & Nora – Circles (Cap. 9)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 8]

Lui arriva. Appoggia tutto sul tavolino, la guarda negli occhi e con voce ferma le dice “Ora buona e zitta. Sarai un manichino, per un po’…”
La sistema, allargandole le gambe in modo osceno, lei arrossisce ancora. Uno schiaffo, pur trattenuto, le esplode sull’interno coscia. È stata esitante nell’assecondare la mano che le muove la gamba, quello schiaffo la riporta subito alla concentrazione necessaria. Mantiene gli arti fermi ma senza irrigidirli.
Si ritrova comoda, tutto sommato, spalancata, offerta.
Leggermente reclinata, lui le fa appoggiare la testa contro il braccio, sopra lo schienale, voltandogliela appena in modo che veda le immagini sullo schermo.
“Mmm, hai scelto un’altra orgia di cazzi…  pare che ti sia piaciuta, quindi , la sorpresa di ieri… ”
Lei lo conosce abbastanza da sapere che deve restare ferma, bambola di porcellana.
“Brava tes…  così devi restare… ” Prende la birra dal tavolino, la piazza tra le sue cosce, lei sobbalza involontariamente sentendo il vetro freddo contro la sua figa, ma subito si riprende, conscia del  suo sguardo di disappunto. Così riesce a trattenersi, quando il piatto caldo trova posto sulla sua coscia, vicino al ginocchio.
Il ghigno di soddisfazione sul viso di Ste la fa quasi sorridere, ma finge di restare impassibile, anche se la situazione e lo scorrere di immagini sullo schermo inizia a fare effetto – Se non fosse per questa bottiglia gelata… –
Lui segue il suo sguardo.
”Mmm, tu lo succhi meglio di quella… però scommetto ti piacerebbe, sentirtela leccare da una bionda così mentre me lo succhi… ”
Quasi senza farci caso prende un quadratino della pizza e  glielo appoggia vicino all’ombelico – un tepore piacevole… –  sente poi i capelli di lui sfiorare i seni mentre si china e il suo respiro sulla pelle e nell’ombelico.
Labbra che si dischiudono, deliberata lentezza nel richiuderle, la lingua sfiora la pelle ed eccolo lì, sorridente vicino al suo viso mentre mastica…  lei accenna appena un sorriso, lui la bacia sulle labbra e torna a seminare pezzetti caldi sulla sua pelle: l’incavo del gomito, i seni, i fianchi, le cosce.
Lo sente percorrere la strada da uno all’altro usando la punta della lingua per tracciare umidi percorsi sulla sua pelle, rabbrividisce quando passa accanto al clitoride e ai capezzoli senza sfiorare .
Sente i suoi denti, sulla coscia, difficile non saltare su… si trattiene…  le mangia letteralmente quel boccone addosso.
Quando si alza, la vede con gli occhi spalancati con un ghigno diabolico sulle labbra.
“Dai, pausa… “ dice prendendo la birra. Lei sente di avere ormai la figa inerte, congelata.
“Bevi un sorso… ” Lei alza la testa, prende la bottiglia con il braccio che fortunatamente (un caso?) lui già ha pulito, e obbedisce anche se già sente la testa leggera.
“Brava, ora prendine un altro ma non deglutirlo, devi dare da bere a me…” Lei si blocca con la bottiglia sulle labbra, prende una sorsata, la sposta e aspetta le sue labbra contro le proprie ma sente la lingua che quasi dolcemente percorre le sue labbra, la fossetta sopra piccoli morsi sulle guance, quasi a vedere se resiste.
Poi di colpo arriva la lingua di lui, prepotente, si accorge sta aspirando la birra e si perde in un bacio confuso e selvaggio, quasi senza accorgersi del dito che senza preavviso si è piantato profondamente nella sua figa fredda. Si stacca dalle sue labbra.
“Torna in posizione… ” Lui si siede accanto, apparentemente concentrandosi sul porno, lasciandola ancora una volta stupita per il brusco cambio di atteggiamento. Lo vede armeggiare con gli short, l’unica cosa che si è tenuto addosso. Inizia a sfiorarsi il pacco da sopra i boxer, sempre con gli occhi fissi allo schermo ma un suo dito arriva alle labbra di lei,  spinge, lei lo accoglie, lo succhia avidamente, vuole fargli sentire che c’è, che è li per lui.
“Lecca”, dice secco, sguardo a un altro porno, la Nora’s playlist è lunga…
Si ritrova il dito bagnato dalla sua stessa saliva dentro prima di accorgersene, l’effetto del freddo è lento a svanire i suoi occhi passano dallo schermo alle dita con cui lui stuzzica un pacco crescente.
Poi all’improvviso lui si volta, e ricomincia a leccare, a succhiare a mangiare…
Nora cerca di trattenersi – devo stare ferma, devo stare ferma mancano pochi pezzetti disseminati sul mio corpo – Ste punta un pezzo proprio sul suo seno, comincia a leccare con la punta della lingua dall’addome, percorre il sotto seno, passa sul capezzolo turgido e si sofferma, lo succhia piano, lo tiene fra i denti e lo stimola con la lingua. Nora deve mordersi piano il labbro per trattenersi. Ste nota il suo sforzo e insiste, più forte sul capezzolo. Poi d’improvviso si butta sul pezzetto di pizza, mordendo anche la pelle del suo seno.
Scende più giù a recuperare l’ultimo pezzo rimasto, quello sul suo pube, proprio in prossimità della sua fessura
“Guarda la TV, non guardare me!” le intima fissandola da sopra la sua figa. Nora rivolge lo sguardo alla TV, tre uomini afroamericani si stanno accanendo contro una donna bionda e minuta, tutti i suoi buchi sono impegnati e lei geme come una disperata, una disperata di piacere. Nora fissa il cazzo più grande dei tre che le entra tutto nel culo. È affascinata dalla forza con cui l’uomo la penetra e dalla facilità con la quale quel piccolo buco accoglie quell’abominio. Sente il respiro accelerare. Ste la osserva, si rende conto che l’eccitazione sta salendo, vede la sua figa bagnata, umida. Apre la bocca sopra il suo pube, la lingua si allunga e si spalma a ricoprirle tutta la fessura, lecca lentamente, recupera i suoi umori, sente il sapore di lei espandersi in bocca.
“Fanculo questa pizza!” Prende l’ultimo pezzo e lo getta via. Riprende a leccare, da grandi colpi di lingua lenti sulla sua figa aperta, pennellate umide sulla sua fessura umida. La sente gemere e fremere, non si ferma perché la sua sete non si placa anzi, più la lecca e più cresce la voglia di leccarla e berla.
Avvicina un dito, lo infila appena nell’antro umido, sposta la lingua sul clitoride da lato a lato, con la punta…
Infila il dito, fino in fondo, gli fa fare cerchi per dilatarla poi lo sfila, e la lingua cambia bruscamente, inizia a percorrerla dal basso all’alto, premendo, insistendo sul clitoride… vorace, feroce…  domina il ritmo, accelerando progressivamente con deliberata maligna lentezza.
La sente scuotersi, quasi implorare ma ancora la tiene in bilico, vuole farle assaporare ogni tensione dei suoi muscoli, ogni spasmo.
Preme il viso contro la sua figa e fa scivolare la lingua dentro per un momento, poi torna a leccare il clitoride e la accoglie.
Lei viene, contraendo le gambe attorno alla sua testa e lui è pronto, beve, lecca…  la lascia esplodere per poi sfiorare appena e raccogliere quel nettare.
“Tutto bene, tesoro?” le chiede sogghignando. Alla sua risposta le sbatte due dita dentro, senza complimenti, fino alla nocca e inizia a leccare di nuovo il clitoride.
“Dammi… un… momento… ” geme lei, ancora vibrante.
“Zitta e dammi da bere, porca!” Voraci lappate sul clitoride mentre le dita la sfondano e già il suo corpo si scuote di nuovo.
Stavolta spalanca le labbra e le fa aderire al suo pube, e la lascia venire così, sobbalzando contro al suo viso.

Si trovano abbracciati l’uno all’altra sul divano, Nora si è sistemata un po’ meglio, distendendo la schiena e accogliendo il suo Ste, stringendolo a sé con le braccia e con le gambe. Gli occhi socchiusi, in silenzio, senza bisogno di parlare. Lei lascia delle carezze leggere e lente fra i capelli di Ste. Lui fa dei piccoli cerchi leggeri con le dita sul suo capezzolo.
Improvvisamente nel silenzio si sente squillare un telefono. Ste si alza di scatto.
“È il mio… dove cazzo l’ho messo?” Si guarda in giro cercando di capire da dove proviene il suono.
Nora lo guarda un po’ frastornata.
“Deve essere in cucina, sul mobile”
“Ah sì…” Ste sparisce in cucina e risponde al telefono.
“Ancora?? Ve l’ho già detto…  non lo voglio, Sky, l’ho rifiutato gratis da Fastweb perché dovrei volerlo comprare?”
Nora sorride ma il semplice squillo del telefono e la razione di Ste l’hanno riportata sulla terra. Anzi, d’istinto si alza e va a dare un’occhiata al suo telefono ma lui già ritorna.
“Scusa tes…  sai com’è… ” Sembra quasi impacciato, lei non è da meno, con quelle quattro notifiche che attendono di esser lette. Lui intuisce.
“Fai pure, vado a pulirmi… “
Digita meccanicamente schiacciando invece di sfiorare un touch screen incolpevole,  cercando di non pensare al contrasto tra la sensazione di pace di pochi istanti prima, abbracciati, e ora…
Lui arriva, da dietro la avvolge in un abbraccio, sente la sua testa in mezzo alla schiena, viso girato a lato per discrezione, sorride, si lascia stringere, finisce il messaggio e chiude di nuovo lo schermo.
“La vita è una puttana… n’est pas?” Sta sorridendo, ma è una forzatura e lo sanno entrambi.
“Stai tranquillo…  va tutto bene…  sappiamo già come stanno le cose, no? Godiamoci quel che resta di questa inaspettata fuga dal mondo… ”
La adora. Sa quanto le costa fingere, ma che scelta hanno? Le sorride e la stringe, forte. A lungo.
“Una doccia innocente e poi nanna, che ne dici?” Mentre continua ad abbracciarla lei gli prende il viso fra le mani, gli sorride e lo guarda dritto negli occhi un po’ più a lungo del dovuto. Lui la bacia senza risponderle.

“Domattina possiamo fare un salto in spiaggia se ti va, prima di ripartire. Hai preso il quad qui in zona Ste? Magari ti seguo fino al noleggio e poi torni con me in città e ti accompagno all’aeroporto, che te ne pare?”
Nora parla piano, infilata fra le braccia di Ste che la ascolta sovrappensiero.
“È stata una splendida giornata… Dovrai lavorare parecchio in futuro per superare una sorpresa come questa, lo sai vero?” Nora ride, ma Ste non risponde, è serio e corrucciato.
“Ste… ti prego, resta qui con me, ora, in questo istante… non pensare al passato, non guardare al futuro, non pensare ad altro, non facciamoci rovinare questo momento da cose che non possiamo gestire…” La voce di Nora è supplichevole. La guarda serio.
“Non è facile tesoro, lo sai… Vorrei fosse tutto diverso, ne avrei davvero bisogno e so che ne avresti bisogno anche tu…”
“Basta, davvero” il tono di Nora è deciso ma dolce, non riesce mai a prendersela con il suo Ste, anche quando si incaponisce nelle sue posizioni o quando si rintana nei suoi pensieri cupi.
“Nora, lo sai che a breve non mi sarà più possibile farti una sorpresa di questo tipo… questo è un po’ il colpo di coda della nostra storia. Ho colto il momento, lei è dalla madre per qualche settimana, è andato tutto bene, ma non sarà davvero possibile avere niente di lontanamente simile a oggi… Dovremo limitarci a on/off online. Non ci rivedremo mai più io e te.” Ste parla con voce roca, evita lo sguardo di Nora, non crede di riuscire a sostenerlo senza perdere il controllo delle proprie emozioni. Nora si accoccola più vicino, gli posa una mano sul petto, non trova nessuna parola da aggiungere e si lascia pervadere dalla malinconia. Sente di non avere la forza di controbattere a una analisi così lapidaria. Lui la stringe a sé perché percepisce la forza di quella ondata di tristezza che le ha scagliato contro.
— CONTINUA —

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...