Ste & Nora – Circles (Cap. 10)

[PROSEGUE DAL CAPITOLO 9]

Ste si sveglia per primo, alle prime luci dell’alba. Trova Nora rannicchiata in posizione fetale dalla parte opposta del letto, gli dà la schiena, come per difendersi e tenerlo lontano – Piccola mia, mi sa ti ho proprio fatto male … – Si avvicina e la cinge baciandole piano la nuca per non svegliarla. Il suo respiro è leggero. Decide di alzarsi ma socchiude la porta per lasciarla dormire ancora un po’ – Ho bisogno della mia prima dose di caffè…- Si dirige in cucina per cercare la moka e il caffè.
Fruga fra i vari pensili e cassetti, ma di caffè neanche l’odore. Apre il pensile in alto sopra la cucina come ultima speranza. Appena apre le antine viene però sorpreso da una tripletta di coperchi per pentole. Riesce a bloccarne due al volo il terzo si schianta a terra facendo un rumore assordante di ferraglia– Azz… e meno male dovevo lasciarla dormire – Si gira verso la porta della camera da letto come se avesse percepito la sua presenza. Vede Nora in piedi che si strofina un occhio e apre a malapena l’altro, i capelli gonfi e arruffati, la maglietta enorme che le arriva a metà coscia e scalza. Le sorride d’istinto perché la sua vista gli mette subito allegria.
“Tesoro ti giuro… ci ho provato a non svegliarti, ma sono in astinenza da caffeina, cerca di capirmi…”
“Oh Ste, i miei zii non bevono caffè… un tè verde non va bene lo stesso?”
“… ” Ste ora la guarda come se avesse detto la peggior bestialità di questo mondo.
Nora sorride, gli va incontro lenta e lo abbraccia poggiandogli la testa sul petto “Scherzavo, lo so che non ti va… Ci vestiamo e andiamo a fare colazione al bar qui vicino dai… Resisti!!”

Gli piazzano davanti piattino e bicchierino d’acqua, e già capisce che non sarà un buon caffè. A sto punto spera dipenda dalla miscela e non dall’accumulo di calcare.
La giornata è grigia, il cielo nuvoloso fa da contorno a quei pensieri non detti, il residuo della malinconia di ieri, l’idea di partire. Mescola amarezza e panna con gesti automatici, lenti, senza neanche accorgersene annusa l’odore e toglie qualche altro punto, poi butta giù. Anzi no. – Maledetti dilettanti, tazzina bollente tenuta sopra la macchina in funzione… –  aggiunge latte freddo senza remore – una miscela così fa quasi rimpiangere Nescafé, direbbe il mio amico tostatore – e tracanna. Ne ordina un altro e un croisssant.
“Tu vuoi qualcosa?”
Lei è affondata nel suo succo, si volta, gli sorride ”Te, Ste. Non in quel senso, non solo almeno…  ma … voglio dire…  abbiamo ancora poche ore davanti. Non passiamole così…  ne avremo di tempo per le malinconie”
Le sorride, lei così forte, così positiva, sempre e comunque positiva.
“OK…  deal!” Le schiocca un bacio sonoro sulla guancia sapendo le rintronerà fino al timpano, e si volta a ringraziare il barista che ha portato il suo intruglio.
“Quindi che si fa oggi, tes? Dov’è che mi porti? Il tempo non è dalla nostra…”
“Mmmm… abbiamo quattro mura per ripararci… e vanno benissimo anche per distrarci no? Peccato, un tuffetto in mare lo avrei fatto volentieri ma non è il caso, si sta sollevando anche il vento, oggi l’acqua non deve essere tanto piacevole… ” Nora gli parla senza guardarlo, tiene il bicchiere con il succo con due mani, i gomiti poggiati sul bancone e guarda lo specchio davanti a sè, controlla le persone sedute nei tavolini dietro a loro. Un flash e la memoria le riporta a galla ricordi che non vuole più affrontare, li ricaccia giù, finisce il succo e si volta sorridente verso Ste.
“Il tuo bisogno di caffè è stato soddisfatto?”
“Beh, caffeina ne ho assunto… certo definirlo caffè è proprio essere ottimisti!”
“Oh beh… allora andiamo, che anche io ho dei bisogni vitali da soddisfare…” Gli dice strizzandogli un occhiolino e prendendogli la mano per strapparlo via da quel bancone. Ste sorride e si lascia tirare senza opporre resistenza.

Appena entrano in casa lei scompare in camera da letto, lui si dà da fare con lo stereo, piazza su un po’ di reggae e inizia a sorridere di nuovo.
Il cielo coperto sta amplificando la sensazione di caldo, si spoglia distrattamente e rimane in pantaloni, mentre scrolla i social dallo smartphone.
La sente arrivare, più che vederla, e quando alza gli occhi e le vede addosso il baby doll, sente un tremito familiare iniziare a salire. Se la ricorda bene quella notte e ricorda benissimo quel babydoll…
“Sei bellissima” biascica lanciando il cell sul divano.
Si avvicina alla dea sorridente, le labbra si trovano, affondano l’uno nel bacio dell’altra dolcemente, con la focosa tenerezza degli amanti destinati a lasciarsi e la spinge contro lo stipite della porta, scendendo a succhiare la pelle del suo collo, mentre mani avide percorrono la pelle scoperta di cosce a fianchi.
Lei si inarca, si offre, mentre i loro corpi danzano, incontrandosi, strusciandosi, il bacio diventa fuoco liquido che dalle labbra cola fin nel profondo, arroventando nell’intimo i loro corpi già caldi.
Le mani di lei vanno a cercare di sbottonare i pantaloni. Lui le afferra con forza i polsi e tira su le braccia; i suoi occhi la penetrano, il suo sguardo le dice che non è il momento di condividere e collaborare, ora deve lasciarsi controllare, ora deve essere la sua bambola, muta e docile. Con una mano continua ad arpionarle i polsi in alto, sopra la sua testa, con l’altra scende piano e leggero a sfiorare il seno, pizzica lievemente i capezzoli già turgidi, scivola sul suo ventre arriva alla sua fessura, due dita allargano piano, lei sussulta appena al tocco del clitoride. Quella sua mano si stacca per un attimo dal suo sesso per andare alla sua bocca, infila due dita si lascia succhiare e leccare e umida torna giù a stimolare il clitoride con lenti cerchi.
All’improvviso nel silenzio della stanza si sente un ronzio elettronico, ritmato. Ste si blocca, tende l’orecchio, il ronzio prosegue, guarda Nora che lo sta osservando, le mani ancora bloccate sopra la testa, in attesa di una sua parola.
“Devo rispondere tes…”
“Lo so”
Recupera il cellulare dal divano dove lo aveva lanciato poco prima, uno sguardo al nome del chiamante e la sua espressione si fa cupa. Slide e risponde.
“Ciao, che succede?” Nora entra in camera da letto, non vuole metterlo a disagio con la sua presenza. Socchiude la porta e si siede mesta sul letto, come se già intuisse l’avvicinarsi della fine di questa giornata. Sente Ste parlare in maniera concitata, senza capire esattamente il senso. Poi silenzio. Un secondo dopo Ste apre la porta, una mano sulla maniglia, l’altra sullo stipite, le braccia in una posizione involontaria di resa, la guarda desolato, si sforza di sembrare sereno mentre le dice “Nora, devo raggiungere l’aeroporto il prima possibile… devo cercare di anticipare il rientro”
“Capisco… ma… che succede? Se posso chiedere…”
Lui abbassa la testa e lo sguardo.
“Pensavo di avere più tempo, Nora… ma a quanto pare… manca ancora più di un mese al termine… ma…  è iniziato il travaglio” con fatica riesce a completare la frase, non trova la forza di sollevare lo sguardo e guardarla.
Nora si alza, toglie il baby doll e inizia a vestirsi. Ste recupera il trolley e inizia e rimettere dentro le poche cose che aveva lasciato in giro. Le note di Bob Marley risuonano sarcastiche.

 No woman, no cry.
Little darling, don’t shed no tears
No woman, no cry.

In un’ora di tragitto Nora raggiunge l’aeroporto. Si sono scambiati pochissime parole lei e Ste. Ha una sensazione di tristezza profonda e un pesante nodo le stringe la gola, cerca di concentrarsi sulla lunga playlist degli Hollywood Undead che gira a volume basso nell’autoradio, canta le canzoni nella sua mente per cercare di zittire i pensieri.
Arrivati all’aeroporto accosta per farlo scendere all’ingresso delle partenze prima di cercare un parcheggio; nel tragitto è riuscito a trovare un posto in lista d’attesa per il volo che partirà in circa quaranta minuti. Ste si volta e si affaccia nell’abitacolo.
“Nora… se preferisci, puoi andare e lasciarmi qua… decidi tu piccola” non riesce a sostenere il suo sguardo anche se filtrato dagli scuri occhiali da sole.
“Ah… non so, vuoi che… ci salutiamo qui? Così?…” il nodo in gola si fa sentire più forte e le parole le escono rotte. Ste allunga una mano a prendere la sua, poggiata sulla leva del cambio.
“Sì, credo sia meglio non prolungare oltre l’agonia…”
Nora distoglie lo sguardo con uno scatto del viso, stringe le labbra in una smorfia. Guarda davanti a sé e ingrana la prima.
“Nora…”
“Ciao Stefano…” lui si scosta dall’auto, rimane un attimo a guardarla. Si volta ed attraversa le porte scorrevoli trainandosi dietro il suo trolley.
Nora lo guarda allontanarsi fino a quando non sparisce fra la gente.
Dalle casse il finale di Circles le si imprime nella testa e nella memoria.

I’ve gone away,
Seen better times in yesterday.
It’s hard to say,
That everything will be okay

Accelera e parte. Il nodo in gola si scioglie lasciando finalmente liberi i singhiozzi e le lacrime.

— FINE —


NOTE FINALI – Questo lungo racconto non è tutta farina del mio sacco ma è il frutto di una bella collaborazione a quattro mani, il mio primo esperimento di questo genere.
Devo ringraziare il mio Padrone in primis per avermi permesso di vivere questa bellissima esperienza creativa.
Ringrazio di cuore il co-autore per averla iniziata e portata avanti con me e per avermi permesso alla fine di arrangiarla, suddividerla e renderla pubblica.

In ultimo ringrazio VOI lettori che avete avuto la pazienza e la costanza di seguire le vicende di Ste e Nora e di  leggere fin qui, fino alla fine 🙂

Nora.

EDIT ALLE NOTE: questo lungo racconto è stato scritto con il mio Daddy (che non voleva essere chiamato così e che io chiamavo Deedee) che è venuto a mancare all’inizio del 2017. Da Marzo a Luglio del 2016 mi ha seguita, facendomi capire davvero molto di me, ero appena approdata nel mondo del BDSM, lui è stato paziente e mi ha trasmesso la sua visione. È stata davvero una persona fondamentale per me. Ci avicinammo davvero molto, moltissimo e io volli chiudere in maniera definitiva con lui, ora so che mi spaventò molto il legame che si creò tra noi. Lui accettò la mia richiesta. Quando tornai da lui a fine agosto mi accolse con freddezza e distacco e mi fece capire che preferiva non avere altri contatti con me. Quella volta fui io ad accettare la sua richiesta, sperando che avesse solo bisogno di ancora un po’ di tempo.
Le circostanze legate alla sua morte mi hanno fatto capire quanto la realtà possa a volte superare la finzione. Pensavo di avere tutto il tempo di questo mondo per poterlo ricontattare prima o poi e invece la vita mi ha insegnato in maniera spietata che è bene non rimandare mai, soprattutto quando ci sono di mezzo i sentimenti.
Questo nostro racconto a quattro mani è uno splendido regalo che mi rimane di lui insieme a tutti i ricordi di quei tre mesi che mi ha dedicato un anno fa.
Ciao Dee.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...