E alla fine arriva Ste – Cap. 5 (Primavera)

Marzo

“Non ci posso credere che finalmente ti sei decisa a buttare quel vecchio trabiccolo di cellulare”.
Nora è sul divano intenta a configurare il nuovo cellulare appena acquistato quando Simone entra nel salone, di rientro da lavoro. Nora gli sposta buste e carte disseminate sul divano per fargli spazio.
“Beh ma sai che ci ero affezionata…”, si sporge per ricevere il suo bacio.
“Sì ho capito, ma da una geek come te non mi aspettavo tanta fedeltà per un modello ormai superato da anni. Se non si fosse accidentalmente frantumato a terra probabilmente non lo avresti cambiato mai…”
Nora si blocca di scatto e fissa Simone con sguardo torvo.
“Mi stai dicendo che non è stato un incidente?”
“Ma certo che è stato un incidente… Ma diciamo che avevo già comprato il buono da regalarti per il compleanno e guarda un po’ che tempismo eh? Solo un po’ in anticipo… hai finito di trasferire tutto?”, Simone si abbandona pesantemente sullo schienale, una mano si infila sotto la maglietta di Nora ad accarezzarle la schiena mentre lei è ancora curva sul monitor.
“Sì quasi… sto finendo di configurarlo.”
“Come è andata la giornata piccola?”
“Bene, intensa… Mi hanno proposto un trasferimento di sede, sai?”
“Davvero? E dove?”
“Milano… Un grosso avanzamento di carriera. Ma non ho voglia di andare a Milano… ci incasineremmo io e te… Dovrei cambiare completamente ambiente…”
“Potrei chiedere anche io il trasferimento, la mia azienda ha una sede a Milano… non credo mi farebbero problemi con tutte le trasferte che faccio… Pensaci meglio, non dire subito di no”
“Non so, non sono per niente convinta. Milano non è proprio la città per me e so che i colleghi là sono molto agguerriti, non ho voglia di giocare al massacro”
“Beh, non rispondere di getto, datti qualche giorno per pensarci… Noi comunque troveremo un modo…”
La mano di Simone si infila nei pantaloni, accarezza lieve i glutei di Nora.
“Ah! Dimenticavo! Ho messo in freezer delle birre artigianali che ho comprato! Corro a toglierle!”, Nora si alza di scatto lanciando il cellulare sul divano. Si dirige in cucina.
“… ne vuoi assaggiare una Simo?”, gli urla dalla cucina mentre ripone le bottiglie sul tavolo. Non riceve risposta e si sporge dalla porta nel momento in cui Simone si avvicina camminando verso di lei.
“Chi è Ste?”
Nora sente il sangue fuggirle via dalla testa. Simone le mostra la schermata di blocco del cellulare con un messaggio di Ste ben leggibile. La vista offuscata non le permette di mettere a fuoco e di decifrare il messaggio. Il suo  fiato si rompe appena. – Pensa, veloce, veloce, veloceeeee!!! – Si avvicina allo schermo per leggere meglio.

Ste: Beh tes, come va il giocattolino nuovo?

“Ste. Un vecchio amico… ci siamo ritrovati da poco su facebook…”, la sua voce trema impercettibilmente.
“Strano, non ricordo che tu me ne abbia mai parlato, ma proprio mai… Ti chiama tes, mi sembra ci sia abbastanza confidenza… Devo essere geloso?”, Simone la guarda serio negli occhi. Nora si sente mancare il fiato, il cuore le scoppia nel petto.
“Scusa sì, avrei dovuto parlartene… ma… non sapevo come… è un mio ex… non sapevo come l’avresti presa Simo… scusami…”
Simone resta a guardarla per qualche istante. Lo sguardo di Nora implora clemenza.
“Ci scopi Nora?”, la domanda arriva come un dardo acuminato, la colpisce in pieno petto. Resta qualche secondo col fiato sospeso, la sua mente oscilla vorticosamente fra menzogna e verità, vaglia in un lampo tutte le conseguenze delle due strade. Decide.
“No Simone, non ci scopo.”, lo sguardo dritto nei suoi occhi, sicuro e deciso.
“Nora, non mi piace quando mi nascondi le cose… Se è un tuo ex e non ci scopi, perché non me ne hai parlato? Non sopporto venire a sapere le cose in questo modo… Non mi piace la tensione fra noi.”
“Lo so, hai ragione… Mi dispiace, avrei dovuto parlartene”
Simone tende il telefono a Nora che lo prende in mano, il capo chino. Si avvicina a lei e la stringe a sé, lei aspira forte il suo profumo.
“Vorrei capissi davvero quanto sei preziosa per me… Ho voluto questa convivenza perché penso davvero che io e te siamo fatti l’uno per l’altra. Spero ci creda anche tu Nora…”
“Sì, ci credo anche io Simone. Scusami davvero… Non capiterà più…”
Le bocche si cercano, i corpi si stringono. Nora per la prima volta dopo tanto tempo si sente marcia dentro.

Aprile

La primavera è esplosa, Nora si alza dal letto pimpante e allegra mentre Simone ancora sonnecchia. Fa la doccia canticchiando allegramente. Prepara il caffè e lo porta in camera da letto. La accoglie uno starnuto fortissimo.
“Oh Simo… ancora l’allergia?”
“Sì… oggi sto malissimo… non ho dormito, dovrò rimanere a casa, non riesco neanche a tenere gli occhi aperti”
Nora posa il caffè sul comodino e stringe teneramente Simone.
“Riposati un po’ ti porto delle fette biscottate e gli antistaminici”
“Sì… mi bastano un paio di ore, dovrei riuscire a riprendermi”
“Allora vado, ci sentiamo via messaggio. Riposati”

In pausa pranzo Nora scrive due righe a Simone, preferisce non chiamarlo direttamente per evitare di svegliarlo nel caso stia dormendo.

Nora: Simo come va? Ancora male?
Simo: Amore no, sto molto meglio, mi ha fatto bene prendere subito la pastiglia, ho dormito un po’. Ora mangio, ho una fame pazzesca.
Nora: Ah sono contenta! Oggi mi tratterrò un po’, ho una riunione con i capi. Credo vogliano convincermi a tutti i costi a trasferirmi a Milano…
Simo: E sei proprio convinta di voler rinunciare… te l’ho detto, ci organizziamo io e te.
Nora: Simo sì, sono convinta. Non mi va proprio. Va bene così. Non credo che mi pentirò di questa scelta.
Simo: Come vuoi tu amore… Io sono con te comunque, qualunque sia la tua scelta.
Nora: Grazie… è davvero importante per me.

Nora si ritrova a sorridere allo schermo, riesce a sentire l’amore e le attenzioni del suo Simone anche solo fra quelle poche righe scritte in una chat.

Durante tutto il pomeriggio Nora continua, fra un lavoro ed un altro, a mandare messaggi a Simone. Non riceve risposte.
La riunione si prolunga parecchio, riesce ad uscire da lavoro per le 19.10. Manda un messaggio vocale a Simone: “Passo a prendere due pizze, per te va bene la solita? Se non mi rispondi per tempo vado con quella. Arrivo.”
Apre la porta di casa tenendo in bilico la borsa e le due pizze, con una certa apprensione si butta dentro casa, per parecchie ore Simone non ha risposto ai suoi messaggi. L’apprensione svanisce appena vede il profilo della sua testa spuntare dallo schienale del divano. Entra in casa con il sorriso sulle labbra.
“Ah! Ma allora sei vivo! Pensavo stessi male non mi hai risposto per tutta la sera…”
Nora gli parla con tono allegro, mentre si avvicina, aggira il divano e riesce a guardarlo in faccia.
Il volto di Simone è scuro, serio, nessuna reazione all’arrivo di Nora. Gli occhi sono rossi, gonfi, non come questa mattina, ma come se avesse pianto per parecchio tempo, come se avesse pianto fino a poco prima che lei arrivasse. Simone non distoglie lo sguardo dal notebook che ha davanti a sé in grembo e forzatamente evita di guardare Nora.
“Simone… che succede?”, Nora sussurra la domanda in preda a un terribile presentimento, le pizze ancora in bilico su una mano.
Lo sguardo di Simone si sposta, la mette a fuoco, la trapassa gelido. Gira lo schermo del portatile verso di lei. Nora sente una vertigine improvvisa alla vista delle immagini su quello schermo, l’audio è annullato dalle cuffie attaccate al portatile; le pizze perdono l’equilibrio e dalla sua mano rovinano a terra.
“È tutta la sera che guardo questo video, l’ho visto già quattro volte e ho pianto ogni volta che l’ho visto… l’ho guardato dopo aver letto tutte le chat che hai salvato nell’altro dvd, dopo aver visto tutte le foto, sentito gli audio… “, la voce di Simone è ferma, pacata, gelida come il suo sguardo.
“Pensavo di fare una cosa carina… adesso mi sembra davvero una stupidaggine, mi sento davvero un cretino. Volevo cercare quelle foto che ci facemmo ad Amsterdam per Capodanno, eravamo davvero felicissimi in quelle foto, volevo farti una sorpresa, volevo usarle per chiederti… ma non le trovavo e ho cominciato a frugare e mi sono capitati questi due dvd, senza scritto niente sopra se non N. Pensavo davvero fossero i backup delle foto… Non puoi immaginare come mi sono sentito Nora. Nel momento in cui ho iniziato a vedere queste chat, a leggere quello che ti sei scritta con tutta questa gente mentre io e te stavamo insieme, ci sono la data e l’ora, eravamo già insieme io e te. Le cose che hai fatto, che hai detto… E Ste… mi hai anche mentito su di lui. Mi hai guardato negli occhi Nora, e mi hai mentito.”
Nora è pietrificata, non riesce a muovere un muscolo, non riesce a fiatare. Aspetta da un momento all’altro un’esplosione di rabbia. Ma guarda gli occhi tristi di Simone, non c’è rabbia nei suoi occhi. Solo delusione e dolore e lacrime.
“E questi tre… Nora… ma cosa ti hanno fatto? Cosa ti sei fatta fare da questi mostri?” Simone si blocca, abbassa la testa e porta una mano alla bocca per trattenere un singhiozzo. Respira a fondo e riprende a parlare.
“Ti hanno stuprata Nora… violentata, picchiata, umiliata. Hai davvero lasciato che queste bestie ti trattassero come un oggetto? Non mi hai mai detto niente, mai! Mi hai tenuto nascosta una cosa così… Dimmi se li hai denunciati. Dimmelo per favore.”
Nora riesce solo a fare di no con la testa. Simone prende un altro grosso respiro.
“Tu hai lasciato che questi animali rimanessero liberi di fare ad altre quello che hanno fatto a te? Davvero Nora? Non mi hai mai fatto cenno a questa cosa… ma cazzo, io non so davvero chi sei. Io in questi mesi non ho capito un cazzo. Mi hai nascosto tutto di te, tutto. Di chi cazzo mi sono innamorato io Nora? Eh?”, la domanda cade nel silenzio. La voce di Simone si rompe, dai suoi occhi sgorgano lacrime dolorose. Nora si sente svuotata, annientata, impotente e colpevole.
Simone riprende a parlare.
“Ti ho portato giù le tue valigie. Io ora vado alla casa al mare dei miei. Starò là fino a quando non mi scriverai che hai portato via tutte le tue cose da qui. Non voglio che mi scrivi altro. Non voglio più sapere niente di te Nora. Niente. Voglio solo che tu sparisca dalla mia vita e cerca di fare in fretta.”
La sentenza arriva alle orecchie di Nora ovattata e attutita dal battere incessante del suo cuore. Sente Simone passarle a fianco. La mente vorrebbe afferrarlo con una mano, stringerlo ancora una volta, implorare perdono, supplicare di essere ascoltata. Ma il corpo sta fermo, immobile. Alle sue spalle sente la porta di casa chiudersi con un tonfo sordo.

“Tes, come stai?”
“Sto bene, ho fatto tutto, ho consegnato il video ai carabinieri, ho lasciato la deposizione. Mi hanno detto che non sono la prima ad essere stata aggredita dai tre, li stanno cercando da tempo ma si spostano parecchio in regione.”
“Ma scusa… il ristorante?”
“Gliel’ho detto, ma in realtà non sono mai stati i gestori, non li vedono da mesi là. Dovrei provare a portarli al casolare…”, Nora tira un forte sospiro.
“Piccola… stai tranquilla, se non te la senti di andare da sola posso venire da te, ti accompagno”
“Grazie Ste, davvero… ma… è solo che… mi sento così stupida… sono stata così stupida.. ho distrutto tutto… da sola… con le mie… mani…”, Nora irrompe in un susseguirsi incontrollabile di singhiozzi.
“Tesoro… ”
“Scusami… ora mi riprendo… ok… ci sono… ok… ho deciso che accetterò il trasferimento a Milano. Domani darò conferma, ho bisogno di cambiare, drasticamente. Di allontanarmi da qui…”
“Fai bene tesoro, fai benissimo, ti aiuterà a riprenderti vedrai… E io ci sono lo sai, per qualunque cosa… ricordalo.”
“Certo… lo so. Grazie.”

“Brava la mia puttana… Adesso apriti bene quella figa… Sì, guarda come mi ha fatto diventare il cazzo, guardalo puttana! Apritela, ficcati quelle dita dentro… te la scoperei a sangue se ti avessi qui. Continua, non ti fermare… dai! Cazzo sei proprio una troia, cazzo… ”
Nora continua a ficcarsi le dita dentro la figa, le gambe oscenamente aperte, seduta sul bordo del divano, davanti a sé sul tappeto il notebook e una sessione via web di un sito di Camgirl. Ci sono diversi utenti connessi anche se si sta dedicando solo ad uno che le ha chiesto l’esclusiva. Il suo primo esperimento sul sito. Senza che Ste ne sappia niente.
Geme e ansima Nora, esegue tutte le richieste, sente tutti quegli occhi sulla sua figa, vuole annientarsi completamente, essere un corpo vuoto da usare.
“Ficcati la gagball, non voglio sentirti, hai capito puttana, devi godere in silenzio… e continua a fotterti, più forte, dai cazzo che mi fai venire… dai cazzo che voglio sborrarti addosso, troia!!”. L’uomo le urla dalla cam, Nora guarda il suo cazzo eruttare copiosi schizzi bianchi, geme anche lei sommessamente, la gag ball la fa sbavare e attutisce il suo orgasmo, il suo bacino si spinge ancora più in fuori, il suo succo scivola vischioso dalle dita, sulle cosce.
“Cazzo bravissima, sei un troia fantastica… Ecco, ti ho mandato il tuo pagamento puttana, te lo sei proprio guadagnato. Alla prossima.”. L’uomo chiude il collegamento. Nora non presta attenzione alle sue parole, è ancora confusa dall’orgasmo, abbandonata mollemente sul divano. Sente le notifiche dei nuovi utenti che si connettono alla sua cam. Si rivolta sul divano, i gomiti a terra, il resto del corpo sulla seduta, un click e chiude la connessione a tutti.
Prende a guardare il video, lo ha registrato per poterselo conservare. Ancora la gagball in bocca, ci gioca, se la rigira fra i denti con la lingua. Una notifica a video attira la sua attenzione:

Il tuo account ha ricevuto un pagamento di 50,00 € dall’utente XXYZ

Nora rimane a fissare apaticamente lo schermo.

– FINE –


Sono riuscita a portare a termine questo racconto lungo che serve per recuperare qualche riferimento lasciato qua e là nelle storie future di Nora. È l’ultima volta che scriverò di Ste e Nora, un po’ mi dispiace, mi piacevano davvero questi due, così come mi piaceva Simone. Ma insomma, questo è il puzzle e questi sono i pezzi.

Menzione speciale e ringraziamento a Ali di Velluto, che mi ha gentilmente offerto l’immagine in evidenza per il post. No, non aveva ancora letto niente e mi ha voluto dare un’immagine di Nora dalla quale creare un racconto; stavo lavorando a questo pezzo, ho solo allungato un pochino. (E niente, gli ho chiesto di farla un po’ culona… ma a me sembra sempre un po’ secchina questa Nora 😛 )

24 pensieri su “E alla fine arriva Ste – Cap. 5 (Primavera)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...