Archivi tag: femdom

La sua puttanella

Ci tengo a ringraziare l’utente tumblr http://justanothertart.tumblr.com per avermi concesso l’uso della sua splendida immagine per abbellire il racconto.

Questo racconto mi è stato consegnato direttamente dalle parole del protagonista. Lo ringrazio per avermi permesso di personalizzarlo secondo il mio stile e spero di aver reso giustizia alla sua esperienza. Vi ricordo che potete inviarmi le vostre esperienze o fantasie tramite il modulo che trovate nella scheda “Vuoi Contattarmi?”


Filippo è in sala relax, aspetta paziente che la macchinetta rilasci il suo caffè ristretto. Lo sguardo perso, la mente vaga e torna agli avvenimenti della scorsa notte. Non riesce ancora a capacitarsi di quanto sia successo, rivede le immagini passargli davanti agli occhi, i gemiti, i suoi stessi gemiti, le sensazioni così contrastanti e quella voglia di andare sempre più a fondo, di lasciarsi andare completamente.
“Beh… il caffè lo devi bere o lo vuoi solo ammirare?”
Una voce maschile lo riporta alla realtà. Afferra il bicchierino e fa una smorfia al collega. Si siede sulla sedia che dà proprio sulla porta aperta. Giusto il tempo di soffiare sul caffè ed ecco che da lontano sente arrivare un passo femminile, tacchi rumorosi con cadenza costante e sicura. Il cuore comincia a battergli forte nel petto. È lei. Entra dalla porta, uno sguardo fugace ai pochi presenti e poi punta i suoi occhi scuri su di lui, lui che non può fare a meno di rizzarsi sulla sedia come uno scolaretto all’ingresso del preside in classe. Un sorriso beffardo sulle labbra di lei, lo lascia deglutire, lo scruta mentre comincia a contorcersi dall’imbarazzo.
“Buongiorno Filippo, come stai?”

L’appuntamento era per le 20, a casa di Federica. Il marito non sarebbe stato in casa e lei gli aveva chiesto un po’ di compagnia, magari una pizza insieme. Sapeva che non avrebbe rifiutato, avevano avuto qualche avventura, tutte consumate in auto quando lui si offriva di accompagnarla a casa dal lavoro. Niente di speciale, uno o due pompini, solo una volta lei gli fece annusare la sua figa, in macchina e sotto casa di lei non era il posto migliore per mettersi comodi davanti a occhi indiscreti.
Era particolarmente eccitato dalla possibilità di stare da solo con lei a casa sua, forse sarebbe riuscito ad ottenere un po’ di intimità, finalmente dopo tanti incontri così fugaci e superficiali.
Lei lo accoglie sorridente sull’uscio, gli scuri capelli fluenti le si appoggiano morbidamente sulle spalle nude, un leggero vestito con spalline sottili. Lui rimane quasi senza fiato nel vederla.
“Dai su entra, ho già ordinato le pizze, staranno per arrivare, mi hanno detto che la consegna sarebbe stata per le 20.15, intanto beviamo qualcosa di fresco, seguimi in cucina”.
“Sì grazie… in effetti fa molto caldo fuori”. Sente delle gocce di sudore rigargli la fronte, il cuore galoppa nel petto, sente la faccia in fiamme. La segue docile fissando come un cagnolino quei fianchi ondeggianti che lo guidano verso la cucina. Solo una volta arrivato si rende conto di stringere ancora fra le mani un mazzo di rose che voleva darle appena arrivato.
“Ah, queste sono per te”. Gliele porge in una maniera goffissima.
“Ma certo che sono per me, l’ho capito scemo, adesso cerco un vaso dove metterle. Cosa vuoi bere? Un po’ di vino? Della birra?”
“N-no… sono astemio non bevo, mi basta dell’acqua”.
“Ahahah, dovevo immaginarlo, certo, astemio”. La sua risata lo colpisce al basso ventre, come uno stiletto. Quel tono canzonatorio lo mette a disagio più per la strana eccitazione che gli suscita che per l’essere costantemente messo in ridicolo.
Gli porge il bicchiere di acqua fresca avvicinandosi fin troppo. Lo guarda fisso negli occhi.
“Non avevo mai notato che avessi degli occhi di un verde così scuro, sono belli, e che belle ciglia. Chissà come staresti con un po’ di mascara?”
La frase lo fa irrigidire, ma averla così vicina  al suo viso aumenta a dismisura l’emozione. Allunga una mano verso di lei per cingerle la vita quando suonano alla porta.
“Ah, deve essere il ragazzo con le pizze, vai tu a pagare vero?”
“Certo…”. Si precipita alla porta con il portafogli in mano.

Le pizze finiscono in men che non si dica, fra poche chiacchiere e un po’ di imbarazzo da parte di Filippo che sente gli occhi di Federica scrutarlo costantemente come a volerlo frugare nell’intimo.
“Dai, sediamoci sul divano” Si alzano dalle sedie e si accomodano sul divano, Filippo sempre un po’ rigido e impacciato. Prova ad avvicinarsi un po’ a lei, ma Federica si scosta per recuperare il cellulare, si allontana da lui e gli scatta una foto all’improvviso.
“Ma… perché mi hai fatto una foto?”
“Sei carino con quel faccino imbambolato, volevo fartela e l’ho fatta!” Risponde distrattamente digitando veloce sulla tastiera, senza guardarlo. Finisce di scrivere e solleva lo sguardo, lo fissa con determinazione.
“Ho voglia di vestirti da donna. Proviamo?” Continua a leggere

Di Femdom e di altre novità

La foto qui sopra la scelsi per un mio racconto, On the Road. Il tema era la dominazione al femminile, questa immagine mi parve essere proprio calzante per la scena che avevo cercato di descrivere, per visualizzare il rapporto fra la Mistress e il suo slave. Gli sguardi sono profondamente collegati, si percepisce la sottomissione ma al contempo si avverte la cura e l’attenzione che stanno alla base del rapporto di dominazione; non voglio declassare l’immagine ma vista la situazione (collare e guinzaglio), se al posto dell’uomo ci fosse un cane con la sua padrona, credo vedremmo gli stessi sguardi. Trovo sia un’immagine molto tenera e vi assicuro che non è facile trovare immagini di questo tipo quando ci si appresta a curiosare nel mondo del Femdom.

Le immagini che la fanno da padrona (scusate il gioco di parole…) sono quelle che vedono l’uomo sbeffeggiato, umiliato, deriso all’eccesso. Ho visto diversi video e la scenetta è quasi sempre la solita: una o più donne che si prendono gioco dell’uomo di turno, verbalmente e fisicamente. So benissimo che il più delle volte lo slave interessato adora essere trattato così, ma tutto quanto assume un che di posticcio soprattutto perché il più delle volte le domme coinvolte sono pagate e si percepisce la loro totale assenza di coinvolgimento. C’è da aggiungere che dietro alcune Domme con le quali ho avuto modo di parlare si nascondono purtroppo donne che odiano gli uomini, che li disprezzano profondamente e che colgono l’occasione della dominazione per poter dare sfogo al loro odio, alla loro voglia di rivalsa, alla loro misantropia (ho fatto l’esempio opposto parlando di alcuni Dom/Master con i quali mi è capitato di scambiare due chiacchiere nel mio articolo sul BDSM secondo me).
Ho potuto notare però un piccolo spiraglio: esiste la branca così detta della Gentle FemDom (GFD), ho trovato parecchi blog su Tumblr che ne trattano e ho parlato con alcuni di loro. Sono principalmente persone molto giovani, ventenni o giù di lì, e sopratutto non italiani. Credo sia un fenomeno più americano/anglosassone che si sta facendo strada per differenziarsi dal mondo Femdom più classico. Una dominazione che a tratti è molto romantica e tenera pur mantenendo la fermezza e la rigidità necessaria nei momenti clou. Molta attenzione al sub space e all’aftercare da parte della Mistress e in generale un atteggiamento di cura e connessione fra i due ruoli. Continua a leggere