Archivi tag: mistress

Di Femdom e di altre novità

La foto qui sopra la scelsi per un mio racconto, On the Road. Il tema era la dominazione al femminile, questa immagine mi parve essere proprio calzante per la scena che avevo cercato di descrivere, per visualizzare il rapporto fra la Mistress e il suo slave. Gli sguardi sono profondamente collegati, si percepisce la sottomissione ma al contempo si avverte la cura e l’attenzione che stanno alla base del rapporto di dominazione; non voglio declassare l’immagine ma vista la situazione (collare e guinzaglio), se al posto dell’uomo ci fosse un cane con la sua padrona, credo vedremmo gli stessi sguardi. Trovo sia un’immagine molto tenera e vi assicuro che non è facile trovare immagini di questo tipo quando ci si appresta a curiosare nel mondo del Femdom.

Le immagini che la fanno da padrona (scusate il gioco di parole…) sono quelle che vedono l’uomo sbeffeggiato, umiliato, deriso all’eccesso. Ho visto diversi video e la scenetta è quasi sempre la solita: una o più donne che si prendono gioco dell’uomo di turno, verbalmente e fisicamente. So benissimo che il più delle volte lo slave interessato adora essere trattato così, ma tutto quanto assume un che di posticcio soprattutto perché il più delle volte le domme coinvolte sono pagate e si percepisce la loro totale assenza di coinvolgimento. C’è da aggiungere che dietro alcune Domme con le quali ho avuto modo di parlare si nascondono purtroppo donne che odiano gli uomini, che li disprezzano profondamente e che colgono l’occasione della dominazione per poter dare sfogo al loro odio, alla loro voglia di rivalsa, alla loro misantropia (ho fatto l’esempio opposto parlando di alcuni Dom/Master con i quali mi è capitato di scambiare due chiacchiere nel mio articolo sul BDSM secondo me).
Ho potuto notare però un piccolo spiraglio: esiste la branca così detta della Gentle FemDom (GFD), ho trovato parecchi blog su Tumblr che ne trattano e ho parlato con alcuni di loro. Sono principalmente persone molto giovani, ventenni o giù di lì, e sopratutto non italiani. Credo sia un fenomeno più americano/anglosassone che si sta facendo strada per differenziarsi dal mondo Femdom più classico. Una dominazione che a tratti è molto romantica e tenera pur mantenendo la fermezza e la rigidità necessaria nei momenti clou. Molta attenzione al sub space e all’aftercare da parte della Mistress e in generale un atteggiamento di cura e connessione fra i due ruoli.

Ho questo articolo in bozza da diversi mesi. Volevo parlare in generale della dominazione femminile ma nel frattempo sono stata sempre più coinvolta da queste dinamiche tanto da spingermi a cercare dei sub per poter mettere in pratica le cose che avevo in mente. Sono stata fortunata e ho trovato delle persone interessanti, con alcuni sono riuscita ad incontrarmi, con altri rimaniamo in contatto e contiamo di vederci a breve. Non lo avrei detto un anno fa, non come riesco a dirlo ora, ma mi piace da morire dominare. Mi piace la sensazione di avere il controllo fra le mie mani, quello splendido dono che è la sottomissione e la fiducia e il rispetto che ne consegue. Io voglio essere quella donna nella foto qui sopra, lo sguardo dentro gli occhi fiduciosi del mio sottomesso, i miei occhi che lo rassicurano e che gli dicono “So cosa vuoi. Hai la mia attenzione e il mio rispetto più totale, ti farò soffrire, ti farò tremare, ti farò urlare e ti farò implorare pietà, ma non ti farò mai del male”. Mi piace in particolare tutto quello che ruota attorno al controllo dell’orgasmo, il Tease & Denial, la castità, l’orgasmo forzato, l’orgasmo rovinato. Sto studiando tanto e chi mi segue su Tumblr lo avrà visto dalla virata che ha subito il mio flusso di reblog :). Qualcosa come dicevo l’ho già messo in pratica, altro arriverà, spero a breve.

Torno su questo blog dopo un lungo silenzio, c’è stato un profondo terremoto emotivo che andava gestito e metabolizzato lontano da qui e dalla scrittura. Ho ricominciato a pubblicare i miei racconti su EroticiRacconti.it, una sorta di ritorno alle origini non indolore.
Eccomi ora con una nuova Nora, il suo personaggio avrà una nuova vita, più piena e più completa, sempre più addentro ai meandri del piacere. E chissà che non ritorni anche qualche vecchia conoscenza… Rimanete sintonizzati 😉